Arriva in Italia Google Nest Hub

No comments

Google lancia in Italia Google Nest Hub, la speciale tavoletta digitale da 7 pollici che consente di ottenere un aiuto in tempo reale sfruttando uno schermo collegato ad un assistente vocale e ad internet.

Gli usi del prodotto sono i più svariati: da un aiuto in cucina alle informazioni utili per trascorrere la giornata o la riproduzione della musica attraverso YouTube.

Grazie all’assistente integrale integrato non è necessario utilizzare l’interfaccia touch: pertanto la ricerca di contenuti o la navigazione sul servizio di foto e mappe può avvenire tranquillamente utilizzando la propria voce.

Lo schermo è adatto a svariati ambiti applicativi grazie all’equalizzatore ambientale, ossia un sensore luminosità che permette di regolare automaticamente la luminosità dello schermo: per esempio, quando è ora di coricarsi, Google Nest Hub oscura autonomamente lo schermo.

Il software integrato permette di pilotare svariati dispositivi intelligenti, dalle lampadine Wi-Fi alle prese smart, il tutto in un unico centro di comando senza dover necessariamente passare da un’app all’altra.

In Italia Google Nest Hub è disponibile in due colori: grigio chiaro e antracite.

Smart NationArriva in Italia Google Nest Hub
Vai all'articolo

Arriva in Italia Amazon Echo Show

No comments

Un nuovo dispositivo elettronico realizzato da Amazon è pronto a fare la propria comparsa nelle case degli italiani: si tratta di Echo Show ed è un ibrido fra smart speaker e schermo interattivo.

Di fatto Echo Show combina le opportunità offerte da Alexa, grazie a ben 8 microfoni con tecnologia beam-forming che isolano il rumore di fondo, con la possibilità di visualizzare i contenuti su uno schermo da 10 pollici: pensato soprattutto per l’uso in cucina come aiuto per chi intende cimentarsi in ricette più o meno complesse, il nuovo dispositivo è in realtà estremamente versatile.

Sullo schermo è possibile infatti guardare le ultime notizie, fare videochiamate con Alexa, riprodurre musica o, tramite un’apposita interfaccia, permettere di vedere chi sta suonando alla porta senza recarsi allo schermo del proprio videocitofono: quando il campanello suona, o viene rilevato un movimento dalla telecamera apposta all’ingresso, basta chiedere ad Alexa di mostrare chi c’è alla porta per avviare una conversazione senza doverla aprire.

Echo Show può essere inoltre utilizzato per organizzare le attività domestiche come impostare un timer per la cucina e vederne il countdown ma anche guardare la propria agenda appuntamenti o visualizzare la lista della spesa o degli ingredienti in una ricetta.

Echo Show è perfetto anche per l’intrattenimento: può essere utilizzato per riprodurre musica con il supporto integrato ad Amazon Music, Spotify Premium, Deezer e alle radio in streaming attraverso le Skill di RTL 102.5, Radio Deejay, Radio 105, RDS, Radio Italia, Radio Kiss Kiss.

Inoltre può essere impiegato insieme ad Amazon Prime per guardare film e programmi TV. Amazon Echo Show ha già avuto il suo debutto, nell’ormai lontano 2017, ma ora giunge in Italia in una seconda versione opportunamente riveduta e corretta al costo di 229,99 euro da oggi prenotabile tramite l’apposita sezione del sito di Amazon: le spedizioni inizieranno il 27 febbraio.

Smart NationArriva in Italia Amazon Echo Show
Vai all'articolo

A Castelfranco Veneto al via un progetto innovativo per migliorare la qualità della vita degli anziani

No comments

Presso il centro residenziale per anziani Sartor di Castelfranco Veneto è stato avviato un progetto che punta a migliorare la qualità della vita dei propri ospiti.

Il centro Sartor, grazie alla collaborazione fra Regione Veneto, tre università del Veneto e 22 aziende partner, ha dato il via infatti ad un’iniziativa basata sul massiccio uso di intelligenza artificiale, IoT, domotica e automazione.

Il progetto Sistema domotico IoT integrato ad elevata sicurezza informatica per smart building è sostenuto dalla Regione Veneto nell’ambito del bando POR-FESR per la ricerca a sostegno dei Distretti e Reti Innovative Regionali; tale progetto viene sperimentato in appositi trial center di cui il centro Sartor fa parte.

Al Centro Sartor un ambiente intelligente per una qualità della vita migliore

Lo scopo è il miglioramento degli ambienti di vita rendendoli intelligenti e a misura degli utenti che interagiscono con essi.

L’iniziativa prevede uno sviluppo a fasi: la prima di ricerca industriale include lo studio dell’utente e della sua interazione con gli ambienti come anche della tecnologia IoT necessaria per rendere intelligenti oggetti e spazi.

Le successive fasi invece si occuperanno di prototipazione e test sul campo dei sistemi così ideati.

I prototipi riguarderanno la possibilità di far indossare agli ospiti della struttura appositi dispositivi per la detenzione e il controllo dei movimenti per monitorare eventuali cadute o problematiche inerenti alla capacità di muoversi autonomamente come anche la possibilità di introdurre sistemi di videomonitoraggio intelligente in grado di reperire parametri vitali e analizzare i comportamenti dei soggetti.

L’analisi del comportamento può infatti far emergere l’insorgenza di segnali indicatori di potenziali problematiche che possono essere affrontate per tempo se conosciute tempestivamente.

Altre automazioni domestiche riguarderanno luci, porte, climatizzazione e altre strutture a disposizione degli ospiti del centro.

Smart NationA Castelfranco Veneto al via un progetto innovativo per migliorare la qualità della vita degli anziani
Vai all'articolo

Vodafone porta in Italia la piattaforma SmartThings di Samsung

No comments

Nell’ultimo periodo le soluzioni smart home rappresentano una delle tecnologie più interessanti per i consumatori: a tale riguardo Vodafone ha deciso di non rimanere ferma e di muoversi sul mercato coinvolgendo Samsung.

Grazie ad una collaborazione fra le due aziende infatti, in Italia arriva il sistema V-Home di Vodafone: una soluzione tecnologica nata per rendere la casa intelligente e basata sulla piattaforma aperta SmartThings di Samsung.

La V-Home consente infatti di gestire e monitorare i dispositivi connessi della casa tramite lo smartphone con l’obiettivo di rendere il luogo dove si vive un posto più sicuro ed evoluto.

V-Home: un kit per rendere la casa smart

La soluzione di Vodafone e Samsung si basa su un kit che comprende il Samsung SmartThings Wifi hub, una telecamera di sicurezza, un sensore multifunzione e una sirena.

Tutti i dispositivi sono collegati in modalità wireless e si controllano dall’applicazione V by Vodafone che supporta le notifiche all’utente nel caso di violazione del perimetro domestico sulla base della configurazione che l’utente deciderà di impostare.

Inoltre la soluzione di Vodafone si presta a far interagire fra loro gli altri dispositivi intelligenti della casa, anche di altre case produttrici: dalle lampadine ai sensori di temperatura e alle centraline meteo, tutto potrà essere gestito da un unico centro di comando che ha il compito di coordinare tutti i dispositivi e periferiche IoT presenti nel panorama domestico.

Smart NationVodafone porta in Italia la piattaforma SmartThings di Samsung
Vai all'articolo

Google Home arriva in Italia

No comments

Google supera la concorrenza e lancia in Italia il proprio assistente virtuale domestico Google Home.
Disponibile nei negozi dal 27 marzo, Google batte sul tempo e rende disponibile sul mercato nazionale il concorrente diretto di Amazon Echo e di HomePod di Apple che sono rimasti relegati agli Stati Uniti e pochi altri Paesi.

Google Home è venduto in Italia in due versioni: con 149 euro per la versione normale e 59 per la versione Mini, gli utenti possono portare a casa e installare un dispositivo utile per effettuare una serie di operazioni basate su comandi vocali, esattamente come avviene per gli assistenti virtuali integrati negli smartphone.

Si può quindi richiedere al sistema Google Home di riprodurre una certa canzone, controllare delle informazioni o le ultime notizie, ricevere le previsioni meteo, tradurre frasi fino a pilotare gli apparecchi smart di casa come le lampadine connesse o Google Chromecast.

Google Home, un sistema intelligente

Il sistema di riconoscimento vocale è in grado di riconoscere fino a cinque diverse voci e presenta un buon grado di precisione anche se i concetti espressi devno essere necessariamente chiari e non devono richiedere all’intelligenza artificiale un’interpretazione particolarmente oscura o difficile.

Google Home è attivo unicamente quando si pronuncia la frase “Ok Google”, quindi non c’è il rischio che il sistema rimanga in ascolto al di fuori del suo uso.

Smart NationGoogle Home arriva in Italia
Vai all'articolo

Nest, arriva in Italia la domotica di Google

No comments

La domotica in Italia sta per conoscere ufficialmente un altro big, si tratta di Nest Labs, l’azienda acquisita da Google che produce termostati e videcamere smart per gli ambienti domestici.

Il primo gioiello tecnologico è il termostato Nest.

Installabile in pochi minuti, Google Nest permette di regolare automaticamente la temperatura in base alle effettive esigenze del consumatore e spegnendo il riscaldamento in caso di lunghe assenze.

Si tratta a tutti gli effetti di un oggetto di domotica smart e connesso in grado di innovare un settore, come quello della gestione del riscaldamento, dove la tecnologia è ferma a venti anni fa.

Nest, un termostato basato sull’intelligenza artificiale

L’innovazione di Google Nest infatti risiede in un sofisticato sistema di intelligenza artificiale che si adatta a chi lo usa: sulla base delle abitudini dell’utente domestico il termostato è in grado di stabilire autonomamente la temperatura desiderata da chi abita casa e il tempo necessario per raggiungere la temperatura stabilita.

Non solo intelligenza artificiale ma anche un design curatissimo tramite un manopolone in vetro e alluminio con un display circolare luminoso e super definito.

Il sistema di regolazione si pilota ruotando la ghiera esterna e toccando lo schermo per scegliere le varie opzioni: alternativamente si può usare l’app per iPhone o Android.

Ed è proprio l’uso dell’app sul telefono che, tramite il sensore di movimento e di geolocalizzazione, permette a Nest di capire quando non c’è nessuno a casa per spegnere il riscaldamento o accenderlo quando si sta tornando.

Google Nest è perfettamente compatibile con impianti di riscaldamento autonomi, con termosifoni e pavimenti radianti, ma si può usare anche con impianti centralizzati e termovalvole: questo grazie agli accordi con diverse centinaia di installatori anche in Italia.

Ma non finisce qui.

Con il programma Works with Nest anche i prodotti di terze parti possono interfacciarsi con i dispositivi di Google Nest, che non prevedono solo termostati, per rendere le case più sicure, energeticamente efficienti e controllate.

Infatti dai Nest Labs arrivano in Italia anche le videocamere Nest Cam Indoor e Outdoor per sorvegliare la casa 24/7 e in qualsiasi condizione meteo.
Il sistema permette di registrare le informazioni su cloud e renderle accessibili dall’app in qualsiasi momento.
I dispositivi sono inoltre dotati di un sensore di movimento e risultano compatibili con allarmi di diverse marche, serrature intelligenti, telecomandi universali, sveglie connesse e lampadine wifi come Hue di Philips.

I prezzi sono piuttosto aggressivi: Nest Learning Thermostat verrà proposto a 249 euro, Nest Cam Indoor e Nest Cam Outdoor invece a 199 euro.

L’annuncio della disponibilità dei prodotti Nest sul blog dell’azienda.

Smart NationNest, arriva in Italia la domotica di Google
Vai all'articolo