Poste Italiane supporta Amazon nella distribuzione serale e nei week-end

No comments

Poste Italiane e Amazon danno il via ad una collaborazione che porterà il gruppo postale a servire le esigenze logistiche del famoso e-commerce per la distribuzione dei prodotti nella fascia serale e durante i week-end.

Se Amazon non ha mai fatto mistero di voler gestire in prima persona la logistica dei propri prodotti attraverso corrieri e soluzioni innovative, il volume delle transazioni e la particolare necessità di essere rapidi e capillari nelle consegne hanno spinto il gigante americano a trovare nuove strade per poter rendere il proprio servizio sempre più appetibile.

Poste Italiane ha infatti recentemente avviato il programma Joint Delivery una rivoluzione nel proprio modello di consegna che si presta allo scopo di Amazon.

Consegne più veloci ogni giorno

L’accordo, della durata triennale, prevede che Amazon possa utilizzare la capillare presenza territoriale di Poste Italiane possibile grazie agli oltre trentamila portalettere impiegabili nelle operazioni di recapito ma anche alle flotte del corriere espresso SDA e MistralAir (la compagnia aerea di Poste Italiane).
Le consegne dei pacchi saranno quindi effettuate anche la sera fino alle 19.45 e nei week-end; per garantire il servizio è atteso inoltre un incremento occupazionale dei dipendenti impegnati nel settore della logistica.

Maggiori informazioni qui.

Smart NationPoste Italiane supporta Amazon nella distribuzione serale e nei week-end
Vai all'articolo

E-commerce, Poste Italiane evolve il proprio modello di consegna

No comments

Poste Italiane sta rivoluzionando il proprio sistema distributivo per reggere la concorrenza, soprattutto quella dettata da Amazon che sta sviluppando un sistema distributivo autonomo per la consegna degli acquisti effettuati dagli utenti sul proprio portale di e-commerce.

Per questo motivo la rete logistica di Poste Italiane sta iniziando a consegnare i pacchi tutti i giorni fino a sera e anche durante il week end.

Le consegne dei pacchi fino a 5 chili, che rappresentano l’85% del volume dell’e-commerce, vengono affidate ai portalettere che lavoreranno fino alle 19:45 anche nel fine settimana.

Durante la mattina verranno effettuate le consegne nei quartieri dove ci sono più uffici mentre di pomeriggio e di sera verranno servite le zone residenziali.

Non solo, sono in arrivo le prime installazioni degli armadietti fai da te, similarmente alla soluzione Amazon Locker che ha riscosso un notevole successo fra le persone che non sono spesso a casa.

L’alternativa di Poste Italiane sarà presente presso i supermercati e centri commerciali ma anche al negozio sotto casa in modo da coprire le città quartiere per quartiere.

Postino 4.0, una copertura graduale del territorio

Il nuovo modello di consegna di Poste Italiane è stato avviato in sperimentazione a partire dal 16 aprile scorso e vedrà la copertura del territorio nazionale entro il 2019.

L’obiettivo è quello di raggiungere 50 milioni di pacchi nel 2018 crescendo fino a quota 100 milioni nel 2022.

Entro l’anno verranno attivati i primi 350 locker di Poste Italiane sul territorio.

Smart NationE-commerce, Poste Italiane evolve il proprio modello di consegna
Vai all'articolo

Amazon aumenta il prezzo di Amazon Prime

No comments

Con una nota pubblica e un avviso ai propri iscritti Amazon annuncia un modifica sostanziale ad Amazon Prime, il proprio servizio che prevede il pagamento di un abbonamento annuale per ottenere una serie di vantaggi fra cui le spedizioni di acquisti effettuati sull’e-commerce veloci e gratuite.

Il prezzo di Amazon Prime infatti cambia e passa dai precedenti 19,99 euro agli attuali 36 euro.

La modifica entra in vigore a partire dal 4 aprile 2018 per le nuove iscrizioni mentre ha validità dal 4 maggio 2018 per i clienti già iscritti: per tutti coloro che hanno un abbonamento attivo, il nuovo prezzo sarà applicato a partire dal prossimo rinnovo.

Invariate le preferenze di rinnovo automatico dell’abbonamento: è possibile scegliere di ricevere un promemoria via email prima della prossima data di pagamento o cancellarlo secondo necessità gestendone le opzioni dalla sezione il mio account.

Un aumento di prezzo giustificato dalla qualità del servizio

L’aumento di prezzo non è stato sicuramente recepito dagli utenti positivamente ma, per la qualità del servizio offerto, si ritiene possa essere assolutamente digeribile.

Amazon Prime infatti è una combinazione unica di benefici: non solo spedizioni agevolate ma anche opportunità speciali di shopping e intrattenimento.

Basti pensare alla possibilità di visualizzare, tramite Amazon Prime Video, nuovi titoliincluse serie TV esclusive come McMafia, Philip K. Dick’s Electric Dreams e The Marvelous Mrs. Maisel o contare sullo spazio di archiviazione illimitato di Prime Photo per conservare tutti i propri scatti.

Tutti i vantaggi dell’offerta sono accessibile alla pagina di Amazon Prime.

Smart NationAmazon aumenta il prezzo di Amazon Prime
Vai all'articolo

AuchanSpeedy, da Auchan un innovativo modo di fare la spesa

No comments

La velocizzazione del processo di acquisto di prodotti alimentari è sicuramente una delle sfide più interessanti dell’ultimo periodo tanto da spingere moltissime aziende, sia nella grande distribuzione organizzata che nel settore tecnologico, ad affrontarla.

Se negli Stati Uniti sta prendendo piede il fenomeno Amazon Go, con il proprio modello di punto vendita senza casse, in Italia si assistono ad altri esperimenti degni di menzione.

Auchan Retail Italia offre infatti, in collaborazione con Mastercard, AuchanSpeedy.

Si tratta di una nuova modalità di acquisto presso il supermercato che consente di bypassare le case, comunque presenti, attraverso lo smartphone: l’utente effettua la spesa scansionando i prodotti attraverso l’apposita app per poi acquistarli direttamente con una delle carte di pagamento registrate nel proprio wallet digitale.

Il servizio è attivo nei punti vendita di ultra prossimità MyAuchan a Milano, in Corso San Gottardo, e nel supermercato Auchan di via San Bartolomeo a Brescia per poi espandersi in un totale di 50 punti entro la fine del 2018.

AuchanSpeedy ha come requisito indispensabile l’essere membro del programma fedetà Auchan attraverso la carta LaTua!Card: dopodiché è possibile scaricare la app, disponibile per iOS e Android, e procedere inserendo il codice della stessa carta fedeltà, i dati anagrafici richiesti e i dati della carta di pagamento di qualsiasi circuito.

Grazie a Masterpass è possibile associare all’app multiple carte di pagamento per poi impostare un pin (o altro sistema di validazione biometrico) che permette di autorizzare il pagamento.

La spesa a portata di app

Una volta registrato nel sistema, il consumatore può effettuare scansionando con la fotocamera del proprio smartphone il codice a barre dei prodotti e inserendoli così nel carrello di spesa virtuale.
Potrà quindi dirigersi all’uscita ed effettuare il pagamento che genererà un barcode utile all’apertura del cancelletto di uscita: lo scontrino viene generato in formato pdf e inviato all’utente all’indirizzo e-mail associato all’account.

Come per le casse automatiche già molto diffuse, è previsto un controllo random delle spese effettuate.

Smart NationAuchanSpeedy, da Auchan un innovativo modo di fare la spesa
Vai all'articolo

SPID, l’identità digitale viene estesa anche alle imprese

No comments

SPID, acronimo per Sistema Pubblico di Identità Digitale, è uno dei pilastri su cui AgID ha deciso di puntare per avviare la rivoluzione digitale che, nelle intenzioni, dovrebbe rilanciare l’Italia.

Nonostante la diffusione di SPID fra i cittadini non sia velocissima, la quota di italiani che si è dotata del sistema di identificazione digitale cresce costantemente: oggi poco più di 2 milioni di individui ne sono in possesso e possono così accedere ai servizi online erogati da 3866 amministrazioni pubbliche.

La previsione di espansione è pari a 10 milioni di utenze SPID attivate nel 2020: un traguardo ambizioso che AgID intende tagliare promuovendo la possibilità di utilizzare il servizio di autenticazione non solo verso la Pubblica Amministrazione – obbligata per legge a dotarsi di questa possibilità – ma anche per i servizi erogati dai privati.

SPID permette infatti, con una sola username e password di accedere a qualsiasi servizio che richieda il riconoscimento della propria identità: potenzialmente una grande comodità per poter effettuare, ad esempio, acquisti online su tutti i portali senza passare per le rispettive registrazioni.

Pubblicate da AgID le specifiche di SPID per diventare fornitori privati

A riprova dell’interesse di rendere SPID una soluzione idonea anche nel settore privato, AgID ha rilasciato le specifiche per diventare fornitore di servizi e il percorso necessario per adeguare i sistemi informativi alle regole tecniche e di design dedicate a SPID.

In pratica una convenzione da stipulare, oltre all’adeguamento tecnico, che apre una nuova opportunità per le aziende agevolate nell’autenticazione dell’identità dei clienti evitando così il rischio di truffe o semplificando notevolmente l’iter di autenticazione a servizi critici come per esempio gli home banking o le aree clienti dei fornitori di utenze domestiche.

Se non siete ancora iscritti a SPID, vi suggeriamo di richiedere gratuitamente le credenziali ad uno dei soggetti abilitati al loro rilascio (Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Poste, Register, Sielte e Tim).

Smart NationSPID, l’identità digitale viene estesa anche alle imprese
Vai all'articolo

EasyCoop arriva a Bologna

No comments

Non solo i giganti della tecnologia sono in grado di avviare progetti aggressivi che adottino soluzioni legate alla filiera del commercio elettronico degli alimenti.

Anche in Italia infatti, con la crescente attenzione verso le possibilità offerte dalla tecnologia nell’ambito della spesa a domicilio, stanno maturando nuove soluzioni.

Fra queste c’è sicuramente EasyCoop, il nuovo servizio per la spesa online lanciato da Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa nella galassia Coop.

Si tratta di un innovativo progetto che riunisce fisico e digitale in un nuovo canale con magazzini dedicati e un servizio di consegna all’orario definito dal cliente: una sorta di supermercato chiuso al pubblico con scaffalature e celle frigorifere contenenti prodotti disponibili esclusivamente per l’acquisto online.

La struttura che ospita il servizio EasyCoop prevede un centro logistico di 5mila metri quadrati, sito a Castelmaggiore, che serve il bolognese assicurando il trasporto veloce anche dei freschi e dei freschissimi (latticini, carne, pesce, frutta e verdura) con oltre 11mila referenze di prodotti.

Dopo un test condotto a Roma della durata di circa un anno, il servizio è stato ufficialmente lanciato a Bologna per poi essere esteso a tutta la dorsale adriatica dove il marchio Coop ha la sua forza.

EasyCoop, un servizio intuitivo

Il servizio di EasyCoop è stato studiato per essere intuitivo e accessibile da qualsiasi dispositivo: il minimo degli ordini è pari a 50 euro e il servizio di consegna al piano è disponibile dal giorno successivo all’ordine, dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 22, con fasce orarie e costi personalizzabili.

Il costo della consegna oscilla fra i 3,90 e i 7,90 a seconda delle specifiche concordate con il cliente che comunque verrà notificato, mezz’ora prima dell’orario di consegna, tramite un sms contenente numero, nome e foto dell’addetto incaricato.

Smart NationEasyCoop arriva a Bologna
Vai all'articolo

Amazon Prime Day, al via la maratona di offerte

No comments

Al Black Friday e al Cyber Monday si aggiunge un’altra data per i consumatori che acquistano sul web, è quella dell’Amazon Prime Day.

Oggi infatti, alle ore 18, prende il via la giornata dedicata a fortissimi sconti da parte di Amazon per tutti i clienti che hanno attivato un abbonamento al servizio prime.

Amazon Prime Day è ormai una ricorrenza ciclica che annualmente consente a migliaia di consumatori di approfittare di ribassi fino al 60% su tantissimi prodotti.

Per sfruttare le scontistiche dedicate è necessario essere iscritti ad Amazon Prime, con una quota fissa di 19,99€ all’anno e 30 giorni gratuiti inclusi.

Il servizio permette, oltre all’accesso alle offerte di Amazon Prime Day, di poter sfruttare durante l’anno di riduzioni sulle spese di spedizione e di consegne particolarmente veloci.

Già ora si può valutare un’anteprima dei prodotti in offerta sull’apposito mini sito dedicato.

La concorrenza non resta a guardare

L’interesse verso la giornata di sconti di Amazon è alto anche fra i diretti concorrenti come ePrice, MediaWorld ed Unieuro che, per contrastare l’Amazon Prime Day, proprio oggi lanciano le loro rispettive campagne di sconti.

MediaWorld lancia gli X Days, campagna di offerte lampo solo online che durerà solo due giorni, oggi 10 e domani 11 luglio e include la consegna gratuita.

Unieuro attiva la campagna Sconti da (A)MARE con oltre 250 prodotti in promozione.

Infine ePrice ripropone il proprio FUORITUTTO con sconti fino al 70% su oltre 1.000 articoli.

Smart NationAmazon Prime Day, al via la maratona di offerte
Vai all'articolo

Spesa online, cresce l’acquisto di alimentari

No comments

La trasformazione digitale interessa da vicino il settore del cibo, in particolare grazie all’innovazione tecnologica il settore dell’eGrocery è in crescita continua.

Nel 2016 una fetta rilevante di italiani ha acquistato generi alimentari online grazie a varie tipologie di eCommerce, non esclusivamente quelli della grande distribuzione organizzata, grazie a PC, laptop ma anche da tablet e da smartphone.

eGrocery: non solo alimentare di eccellenza

Il ricorso all’eCommerce per acquistare alimentari non è però un fenomeno che riguarda esclusivamente alimenti di eccellenza come i prodotti DOP, ossia eccellenze culinarie di una certa regione o zona d’Italia che sarebbero difficilmente reperibile nei supermercati.

La digitalizzazione infatti ha coinvolto anche le grandi catene di supermercati che oggi permettono agli acquirenti di fare la spesa online sfruttando soluzioni sempre più avanzate e di ultima generazione.

Il settore digitale del food&grocery è in fortissima crescita: nel 2016 il 22% delle famiglie italiane ha acquistato almeno una volta alimentari tramite eCommerce specializzati e il 74% delle famiglie vorrebbe che l’esperienza di acquisto online fosse ancora più semplice ed intelligente manifestando un’evidente propensione a reiterare l’attività di acquisto.

Inoltre l’80% dei consumatori sarebbe ben felice ad ottenere ancora più sconti e facilitazioni dato che gli acquirenti digitali sono mossi prevalentemente dalla logica del prezzo per orientare le proprie scelte.

Smart NationSpesa online, cresce l’acquisto di alimentari
Vai all'articolo

Extra Sconti, l’app di Poste Italiane e SIA per risparmiare acquistando

No comments

Una nuova app nell’universo di Poste Italiane, questa volta però si tratta di un servizio orientato ad agevolare il consumatore finale nella spesa.

Si chiama Extra Sconti ed è un’iniziativa che coinvolge Poste Italiane e SIA, aziende che hanno sottoscritto un accordo che permette ai titolari delle 24 milioni di carte di debito e carte Postepay di risparmiare facendo la spesa.

Basata su un’innovativa soluzione tecnologica di digital marketing proprietaria e brevettata da SIA, Extra Sconti consente, attraverso il servizio del cash-back, ai consumatori di ricevere denaro sul proprio conto corrente per ogni acquisto compiuto nei punti vendita della grande distribuzione di prodotti delle marche convenzionato con l’applicazione.

Si tratta a tutti gli effetti di un’evoluzione del sistema di loyalty Sconti BancoPosta che ad oggi ha accreditato ai titolari di carte oltre 80 milioni di euro di sconti in cash-back.

Extra Sconti, un’app che sfrutta la tecnologia per processare gli scontrini

Il cuore tecnologico dell’applicazione ruota attorna al riconoscimento dei dati contenuti negli scontrini di cassa cosiddetti parlanti, ossia quelli tipici della grande distribuzione organizzata che riportano differenti informazioni fra cui la denominazione e l’indirizzo del punto vendita, la data di acquisto e il dettaglio dei prodotti, come marca, formato, varietà, quantità e prezzo.

Una volta mandata in esecuzione, Extra Sconti propone aggiornamenti regolari circai prodotti in promozione sui quali è riconosciuto uno sconto in cash-back.

Il consumatore, una volta acquistato uno o più prodotti tra quelli in promozione, dovrà semplicemente fotografare ed inviare lo scontrino tramite l’app Extra Sconti.

I dati verranno elaborati e gli sconti maturati con la piattaforma si cumuleranno automaticamente con quelli dell’iniziativa Sconti BancoPosta e verranno accreditati sul conto BancoPosta o sulla carta Postepay ogni 5 euro cumulati.

L’app è disponibile gratuitamente in versione iOS dall’App Store o in versione Android da Google Play; il servizio sarà comunque implementato anche tramite App BancoPosta e App Postepay.

Smart NationExtra Sconti, l’app di Poste Italiane e SIA per risparmiare acquistando
Vai all'articolo

Amazon Pay arriva in Italia

No comments

Un paio di clic ed acquistare prodotti e servizi sul web diventa a tutti gli effetti ancora più semplice di quanto già non fosse farlo su Amazon.
La rivoluzione si deve all’introduzione oggi in Italia di Amazon Pay, il sistema di Amazon che semplifica la procedura di accesso e checkout di centinaia di milioni di acquirenti in tutto il mondo, grazie all’utilizzo delle informazioni già memorizzate nel loro account Amazon.

La piattaforma di pagamento Amazon Pay elimina il fastidio di più account: utilizzando infatti le credenziali di accesso di Amazon è possibile utilizzare il proprio account Amazon per accedere ad altri siti web e pagare con Amazon Pay senza bisogno di carta di credito o di reinserire il tuo indirizzo.

L’esperienza di acquisto è familiare, affidabile e in pochi passaggi permette di completare una transazione mantenendo le procedure già conosciute perché utilizzate dal gigante dell’e-commerce: il risultato atteso è che sempre più spesso piattaforme e-commerce o di servizi saranno corredate dal bottoncino Amazon Pay.

Amazon Pay, un sistema interoperabile

Amazon Pay funziona via desktop e via smartphone mentre l’addebito può essere effettuato su carta di credito Visa (anche Electron), American Express e Mastercard, Carta sì, prepagate Paypal e PostePay.

Fino ad ora nel mondo più di 33 milioni di clienti hanno utilizzato Amazon Pay per fare acquisti: sul totale delle transazioni ben il 32% provengono da un dispositivo mobile.

Per gli esercenti l’adesione ad Amazon Pay ha un costo misto formato da una percentuale sull’importo della transazione e una quota fissa: si parte da 3,4% + 0,35 Euro con la possibilità di negoziare uno sconto su volumi elevati fino ad arrivare all’1,8%.

Amazon Pay al momento è partner di BigCommerce, Magento, Shopify, Prestashop, Vueling, Europ Assistance Italia e altri operatori.

Smart NationAmazon Pay arriva in Italia
Vai all'articolo