Crescere Cittadini Digitali, al via il progetto di Samsung dedicato all’educazione civica digitale

No comments

Parte ufficialmente oggi il progetto Crescere Cittadini Digitali, l’iniziativa avviata da Samsung Electronics Italia per diffondere buone pratiche in ambito digitale ai cittadini del futuro.

Il progetto prevede una serie di attività, previste per le prossime settimane e mesi, a partire dalla distribuzione di una guida di Educazione Civica Digitale destinata agli studenti delle scuole secondarie di primo grado e organizzata in cinque capitoli, ciascuno dei quali dedicato a un tema differente: Identità digitale, Galateo del digitale, Sicurezza digitale, Contenuti digitali e Sostenibilità digitale.

Alla distribuzione della guida si affianca un percorso di lezioni di educazione civica digitale nelle scuole, realizzato da Samsung in collaborazione con degli advisor.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationCrescere Cittadini Digitali, al via il progetto di Samsung dedicato all’educazione civica digitale
Vai all'articolo

Interland insegna ai bambini i fondamenti della sicurezza online

No comments

Diventare bravi cittadini richiede consapevolezza e senso di responsabilità ma soprattutto un’educazione civica che, specie da bambini, ha un impatto significativo sull’uomo del domani.

Lo stesso si applica anche al contesto digitale e quindi alla capacità di comportarsi correttamente nel mondo online: non è immediato, per i più giovani, capire cosa fare e come farlo tanto che genitori e docenti si trovano ogni giorno a supportare i più piccoli nel prendere decisioni e agire con responsabilità nel contesto virtuale.

Per aiutare docenti, famiglie e ragazzi in questo percorso Google ha lanciato Interland, un gioco online interattivo ideato per insegnare ai bambini dai 6 ai 13 anni i fondamenti della sicurezza online.

Il gioco, gratuito e accessibile, è ambientato in mondo immaginario composto da 4 territori in cui i bambini devono fronteggiare le più comuni minacce che potrebbero incontrare sulla rete (come hacker, phisher o cyberbulli) esercitando le abilità necessarie per risolvere situazioni potenzialmente negative.

In occasione del lancio del gioco Interland, Google e Fondazione Mondo Digitale, dedicheranno, nelle giornate di sabato 20 e domenica 21 giugno, alcuni laboratori online gratuiti di 40 minuti ciascuno per scoprire l’applicazione.

Smart NationInterland insegna ai bambini i fondamenti della sicurezza online
Vai all'articolo

Il Comune di Follonica promuove la diffusione del patentino digitale di Corecom Toscana

No comments

Il Comune di Follonica si dimostra particolarmente sensibile alle tematiche del buon utilizzo delle nuove tecnologie e per questo motivo ha presentato l’iniziativa del Patentino digitale: si tratta di un progetto nato dalla collaborazione di Corecom Toscana, Regione Toscana, Istituto degli Innocenti, Polizia postale e Ufficio scolastico regionale.

Ne avevamo già parlato diffusamente come iniziativa intrapresa dal Corecom Toscana proprio per contrastare il proliferare delle fake news e degli atteggiamenti lesivi online incentivando, nel contempo, un comportamento virtuoso e responsabile da parte degli utenti del web e soprattutto da parte dei più giovani.

Non a caso l’iniziativa prevede la diffusione di competenze digitali di base, che contemplano soprattutto l’approfondimento di aspetti comportamentali corretti, nelle scuole secondarie di primo grado per migliorare la capacità degli studenti di interagire in rete e sui social network.

Al termine del percorso formativo che coinvolge anche le famiglie degli studenti è previsto il rilascio di un patentino digitale, segno tangibile di una maggiore consapevolezza acquisita.

Maggiori informazioni nella sezione di riferimento del sito del Comune di Follonica.

Smart NationIl Comune di Follonica promuove la diffusione del patentino digitale di Corecom Toscana
Vai all'articolo

Villaggio Digitale, l’educazione digitale è protagonista ad Appignano

No comments

L’uso improprio della tecnologia può generare pericolose conseguenze: la cronaca, anche nera, ricorda numerosi episodi il cui triste epilogo è dovuto a comportamenti scorretti circa l’uso degli smartphone.

Per questo motivo l’educazione digitale ha una primaria importanza e dovrebbe essere affrontata anche a scuola per preparare i giovani a mantenere un comportamento idoneo quando navigano sulla rete e quando utilizzano i dispositivi elettronici.

Nel frattempo però esistono degli eventi che puntano a diffondere il corretto uso della tecnologia: fra questi c’è Villaggio Digitale, una due giornate di formazione che tiene la propria seconda edizione nella città di Appignano.

L’evento, atteso per le giornate del 22 e 23 novembre, è un festival realizzato da Red – Rete Educazione Digitale, l’associazione maceratese che si occupa di educazione digitale in collaborazione con il Comune di Appignano: il tema centrale è relativo ai rischi e alle opportunità del web cercando di fornire agli utenti (con una attenzione particolare nei confronti dei più giovani) strumenti utili ad affrontare diversi aspetti critici legati alle interazioni online con altre persone.

Nella due giorni si parlerà di cittadinanza digitale e delle buone pratiche per un uso consapevole e sicuro dei nuovi mezzi tecnologici ma anche di cyberbullismo con la testimonianza di Paolo Picchio, padre di Carolina e presidente dell’omonima Fondazione, che racconterà il suicidio della figlia appena 14nne dopo essere stata suo malgrado protagonista di un video circolato su WhatsApp che l’ha esposta a settimane di ingiurie e scherno: da allora è divenuta simbolo della lotta al cyberbullismo.

Smart NationVillaggio Digitale, l’educazione digitale è protagonista ad Appignano
Vai all'articolo

Il MIUR pubblica un sillabo per l’educazione civica digitale

No comments

Nella lotta al cyberbullismo e alle fake news, il MIUR scende in campo con una nuova iniziativa atta ad educare i ragazzi alle regole di convivenza civile nella società digitale.

In affiancamento ad altri strumenti come il decalogo per l’utilizzo dello smartphone a scuola, il MIUR presenta un Sillabo dedicato all’educazione civica digitale.

La piattaforma tecnologica ha lo scopo di fornire materiali e contenuti utili a coloro che vogliono imparare a vivere in modo civile la vita online: si tratta a tutti gli effetti di una nuova dimensione che aggiorna ed integra l’educazione civica tradizionale.

L’obiettivo è quello di formare cittadini in grado di partecipare attivamente alla vita democratica attraverso all’uso consapevole delle nuove tecnologie.

Educazione civica digitale: spirito critico e responsabilità

Come per il decalogo, massima attenzione allo spirito critico e alla responsabilità nell’uso delle nuove tecnologie: lo spirito critico è fondamentale perché permette di individuare le profonde implicazioni sociali, culturali ed etiche che si nascondono dietro alle potenzialità del digitale.

La responsabilità invece è altrettanto importante perché i nuovi media non permettono solo di fruire di contenuti ma rendono l’utente in grado di produrre autonomamente informazioni che possono condizionare altre persone.

La piattaforma si concentra su alcune aree tematiche fra cui l’architettura della rete e la questione dei diritti, l’educazione ai media, l’educazione a cercare, analizzare e usare correttamente l’informazione (information literacy), il ruolo e valore dei big data e dell’intelligenza artificiale e infine la creatività digitale.

Smart NationIl MIUR pubblica un sillabo per l’educazione civica digitale
Vai all'articolo