OPeNet, la piattaforma clinica digitale per i professionisti di medicina generale

No comments

OPeNet è la nuova piattaforma clinica digitale di Net Medica Italia realizzata sulla base delle informazioni medico-scientifiche di Novartis e basata sulla tecnologia di IBM Watson per migliorare il rapporto fra medici e incentivare lo scambio informativo fra specialisti.

OPeNet, che sta per Open Health Platform, è un sistema tecnologico che sfrutta, tramite l’intelligenza artificiale, l’analisi in tempo reale di dati strutturati e non strutturati delle cartelle cliniche dei pazienti per generare indicazioni utili a supportare il percorso di cura garantendo un monitoraggio efficace dell’aderenza alle terapie prescritte.

La nuova piattaforma sfrutta la forza dell’unione fra telemedicina e medicina di prossimità per alleggerire le metodologie di cura che sono spesse appoggiate a strutture ospedaliere anche quando questo non sarebbe necessario: si pensi per esempio alla gestione dei pazienti cronici o al monitoraggio dei pazienti affetti da COVID-19 che possono essere seguiti al domicilio.

OPeNet è una piattaforma aperta che scambia dati con i sistemi gestionali e le piattaforme utilizzate dai medici di famiglia consentendo di farli interagire con altri specialisti per un migliore monitoraggio del paziente.

Attualmente il sistema è impiegato con successo nella gestione dei pazienti cronici con scompenso cardiaco e psoriasi seguiti attraverso i medici di medicina generale coadiuvati dagli Embrace Advisor di Novartis.

Smart NationOPeNet, la piattaforma clinica digitale per i professionisti di medicina generale
Vai all'articolo

A Ferrara la realtà virtuale immersiva è in sperimentazione come strumento riabilitativo

No comments

Presso il Centro di riabilitazione S. Giorgio dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Ferrara e il Center for Translational Neurophysiology of Speech and Communication dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Ferrara è in corso la sperimentazione di un nuovo programma riabilitativo basato sull’utilizzo della realtà virtuale immersiva.

Per recuperare il gesto motorio dell’arto superiore nei soggetti colpiti da ictus cerebrovascolare è infatti partito un progetto di ricerca che sfrutta la realtà virtuale per proporre esercizi di riabilitazione variegati in ambienti ricostruiti per migliorare la percezione dei pazienti alleviando la noia dei movimenti ripetitivi.

Grazie all’uso di comuni visori per realtà virtuale il paziente viene calato in un ambiente in cui può muoversi e interagire attivamente con un migliorato coinvolgimento e un pieno trasferimento delle proprie capacità motorie acquisite nel contesto riabilitativo alle operazioni quotidiane svolte durante la vita ordinaria.

Il sistema inoltre permette la remotizzazione dei processi riabilitativi direttamente al domicilio del paziente consentendo al medico il controllo da remoto e la produzione di una serie di informazioni utili a valutare i progressi effettuati.

Tramite la misurazione in tempo reale della cinematica dei movimenti si possono valutare in modo quantitativo le variazioni in positivo durante il percorso di riabilitazione e quindi il risparmio nei tempi di recupero delle funzionalità dell’arto leso.

Si può avere una migliore panoramica del progetto direttamente da questo video esplicativo.

smartnationA Ferrara la realtà virtuale immersiva è in sperimentazione come strumento riabilitativo
Vai all'articolo

Sanofi lancia Uwell, una piattaforma per la salute quotidiana

No comments

Sanofi scende in campo nel settore digitale dedicato alla salute quotidiana attraverso una nuova piattaforma che ha l’obiettivo di consentire alle persone di prendersi cura di se stessi.

Si chiama Uwell ed è stata appena lanciata da Sanofi in collaborazione con Accenture Interactive: l’iniziativa trae spunto dall’abitudine da parte di moltissimi medici, di famiglia o specialisti, di interagire con i propri pazienti tramite modalità digitali come per esempio il ricorso a WhatsApp.

Un hub di servizi dedicati alla salute

A tale proposito Uwell vuole diventare un vero e proprio aggregatore di servizi innovativi legati alla salute, permettendo a medici e pazienti di potersi interfacciare con la comodità di gestire tutte le proprie informazioni cliniche in un unico posto.

Sulla piattaforma di Sanofi si può quindi impostare il proprio profilo salute, annotare informazioni importanti fra cui la propria tessera sanitara, le allergie o le date di vaccinazioni ma anche fruire di un sistema che permette di ricordare quando assumere i farmaci ricorrenti.

La sezione più innovativa di Uwell è però legata al servizio farmacia che consente di individuare velocemente la farmacia più vicina e acquistare direttamente online i farmaci necessari che vengono consegnati al richiedente entro un’ora dalla richiesta

Smart NationSanofi lancia Uwell, una piattaforma per la salute quotidiana
Vai all'articolo

Digital Day, l’Europa stabilisce le tecnologie chiave del futuro

No comments

La competitività economica del prossimo futuro si gioca su alcune tecnologie chiave fra cui l’intelligenza artificiale, la blockchain e il mondo dell’e-health.
Questa la sintesi che emerge nel corso del Digital Day 2018, la giornata europea dedicata al digitale che si tiene ogni 10 aprile.

L’Europa si prepara così ad una collaborazione trasversale da parte dei ministri e dei rappresentanti dei paesi dell’Ue, dell’industria, del mondo accademico e della società civile sulle tematiche più innovative.

Durante il secondo Digital Day di Bruxelles, dopo quello tenutosi a Roma nel 2017, la cooperazione nel digitale assume un ruolo chiave come testimoniato dalle recenti iniziative paneuropee quali la costruzione del mercato unico digitale tramite l’abolizione delle tariffe di roaming e la portabilità dei contenuti online.

Durante il prossimo mese entreranno in vigore norme più attente in materia di protezione dei dati e la prima normativa a livello Ue sulla cybersicurezza.

Digital Day 2018, focus su intelligenza artificiale, blockchain ed e-health

Ma il vero piano di confronto e di investimento sarà quello che vede la cooperazione in settori chiave quali l’intelligenza artificiale, le tecnologie blockchain, la sanità elettronica (eHealth) e l’innovazione.

In particolare sull’intelligenza artificiale la Commissione europea adotterà una comunicazione nelle prossime settimane, mentre sulle tecnologie blockchain sarà costruito un partenariato europeo in modo efficientare la creazione e la promozione di infrastrutture interoperabili che aumenteranno i servizi digitali affidabili.

Spazio anche alla progettazione di corridoi di prova transfrontalieri 5G a sostegno della mobilità connessa e automatizzata con un primo memorandum d’intesa fra Spagna e Portogallo per una prima cooperazione.

Smart NationDigital Day, l’Europa stabilisce le tecnologie chiave del futuro
Vai all'articolo

A Firenze il digitale aiuta gli ipovedenti a muoversi in città

No comments

L’Università di Firenze, in collaborazione con i Lions, ha lanciato una nuova applicazione che consente agli ipovedenti di muoversi in piena autonomia nelle aree urbane a piedi e attraverso i mezzi pubblici godendo del supporto attento da parte della tecnologia.

Occhio della città intelligente, questo il nome dell’app, ha il compito di studiare ed elaborare il percorso migliore per la persona che soffre di disturbi alla vista, a prescindere dalla loro gravità, al fine di agevolarlo nei movimenti per raggiungere una determinata località.

L’app inoltre offre la possibilità di localizzare l’utilizzatore all’interno dell’area cittadina e la condivisione della propria posizione ad una cerchia di contatti affinché la persona possa essere, in caso di necessità, facilmente assistita anche da persone amiche.

Tra le altre funzioni è presente anche un sistema che eroga informazioni sull’ambiente circostante come per esempio l’indicazione delle fermate degli autobus, taxi, i punti wi-fi disponibili e gli uffici e le strutture sanitarie.

Un’app gratuita e a servizio del cittadino

Occhio della città intelligente è gratuita e disponibile per i sistemi Android e Ios e può essere gestita attraverso i comandi vocali e il touch screen.

Maggiori informazioni sul sito dei Lions.

Smart NationA Firenze il digitale aiuta gli ipovedenti a muoversi in città
Vai all'articolo

A Taranto la sanità utilizza il digitale per efficientare le comunicazioni

No comments

Una piattaforma tecnologica in ambito sanitario può diventare il cuore della comunicazione con il cittadino?

Al Sud e più precisamente a Taranto la risposta è sicuramente affermativa.

Nell’ottica di una completa informatizzazione delle attività amministrative, sanitarie e clinico-assistenziali, l’Azienda Sanitaria tarantina attraverso il progetto Sm@rtHealth è riuscita a conquistarsi un posto di primo piano divenendo all’avanguardia nell’utilizzo del solo canale digitale per la comunicazione tra PA e cittadino.

Più specificatamente il progetto riguarda una soluzione in grado di fornire dati e informazioni legati a liste d’attesa, prenotazioni, pagamenti, campagne screening e vaccinali, recupero crediti e consenso informato nel pieno rispetto delle novità introdotte dal Codice dell’Amministrazione Digitale e dal Piano Triennale ICT di AgID.

Questo è stato reso possibile creando una piattaforma multicanale, sviluppata inizialmente per gestire le liste d’attesa attraverso un recall automatico che contattava a casa il paziente per ricordargli la visita prenotata e chiedergli di confermare o disdire l’appuntamento, divenuta successivamente un gestore di processi multipli e trasversali: dalla prenotazione di visite specialistiche, al pagamento, alla cancellazione o addirittura all’avviso di indisponibilità della prestazioni a causa di guasti e fermi tecnici.

Sm@rtHealth: il digitale come memoria storica

Ogni singolo processo dispone quindi di uno storico che permette di evidenziare le criticità e apporre correttivi nonché migliorare l’efficienza nell’erogazione delle prestazioni sanitarie: nel solo 2017 sono state riassegnate, grazie al sistema, oltre 33.000 visite che sarebbero andate a vuoto e le liste d’attesa sono state ridotte del 13%.

Sm@rtHealth è già integrata con SPID e prossimamente sarà allacciata a PagoPA.

Smart NationA Taranto la sanità utilizza il digitale per efficientare le comunicazioni
Vai all'articolo

Al Monzino una t-shirt innovativa per monitorare cuore e respiro

No comments

L’Italia è ancora una volta avanti rispetto ad altri Paesi nell’innovazione applicata al settore biomedicale.

Per la prima volta al mondo infatti presso l’Unità operativa Scompenso, Cardiologia Clinica e Riabilitativa del Centro Cardiologico Monzino è partita la sperimentazione di un dispositivo indossabile che punta a rivoluzionare le metodologie di rilevamento dei dati biometrici dei pazienti.

Si tratta di una speciale maglietta, appartenente al filone tecnologico dei wearble device, chiamata X10X.

Questa t-shirt tecnologica traccia una nuova frontiera nel monitoraggio cardiorespiratorio perché permette, grazie ad una tecnologia avanzatissima, di eseguire su colui che la indossa una registrazione che integra simultaneamente Holter, elettrocardiogramma e polisonnografia senza elettrodi né cavi.

Il tutto è possibile grazie a speciali trasduttori incorporati all’interno del tessuto stesso che consentono un monitoraggio ambulatoriale raffinato, con rilevazioni nelle 24 ore e in diverse condizioni di attività e riposo.

X10X, un’innovazione tutta italiana

Il dispositivo è stato creato dall’italiana L.I.F.E. Italia e viene abitualmente utilizzato per valutare atleti o pazienti: esso consente di evidenziare l’insorgere di condizioni cliniche anche qualora i normali sistemi di rilevamento non consentano analisi puntali oltre a permettere di interpretare i sintomi non chiari.

Per esempio la maglietta, valutando il flusso respiratorio con la registrazione dei movimenti della gabbia toracica, può identificare i disturbi respiratori e quelli correlati al sonno, come ipopnea e apnea.

Il Centro Cardiologico Monzino si prepara a pubblicare i risultati di una prima fase di studio condotta sui soggetti campione di età compresa tra 20 e 80 anni, per maggiori informazioni si rimanda al comunicato.

Smart NationAl Monzino una t-shirt innovativa per monitorare cuore e respiro
Vai all'articolo

A Palermo i medicinali si comprano online

No comments

Le farmacie palermitane innovano e lo fanno attraverso un nuovo percorso di digitalizzazione che permetterà ai propri clienti di acquistare medicinali direttamente da casa con pochi click.

Chiunque abbia necessità di farmaci potrà infatti inviare la richiesta tramite l’app gratuita Pharmap ad appositi corrieri che si occuperanno di consegnare i medicinali nel giro di 45 minuti.

Basta inserire l’indirizzo di consegna e la farmacia di riferimento: chi è poco pratico con l’uso di strumenti tecnologici potrà chiamare un numero verde ed effetuare telefonicamente l’ordine.

La richiesta dovrà essere accompagnata dalla ricetta medica, per i farmaci che la richiedono, che potrà essere caricata direttamente online oppure richiedendo ai corrieri di provvedere loro stessi al ritiro presso lo studio medico.

Inoltre i pazienti cronici potranno autorizzare il medico curante a inserire il piano terapeutico all’interno dell’applicazione tecnologica che, grazie ad un particolare algoritmo, potrà verificare il consumo dei farmaci e ricordare una nuova prescrizione in prossimità dell’esaurimento della scorta.

Federfarma e il Comune di Palermo insieme per la digitalizzazione dell’acquisto dei medicinali

Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione con Federfarma Palermo-Utifarma la quale ha consentito di rendere operativa l’applicazione Pharmap nelle 329 farmacie del territorio.

Nonostante il circuito Pharmap sia già attivo in altre città italiane, il progetto che interessa la città di Palermo, grazie al supporto del Comune, avrà un impatto sociale ancora più forte a beneficio delle fasce deboli della popolazione in particolare modo verso i pazienti cronici e non autosufficienti.

Per consentire al circuito di funzionare senza intoppi sono già stati selezionati 50 corrieri che consegneranno le medicine in bici e 6 centralisti per il call center.

I corrieri saranno riconoscibili da una speciale divisa bianca sponsorizzata Federfarma Palermo-Pharmap.

Smart NationA Palermo i medicinali si comprano online
Vai all'articolo

IIT e Movendo Technology realizzano il primo robot riabilitativo

No comments

La medicina riabilitativa ha un nuovo alleato per la cura e la riabilitazione dei pazienti.
L’Istituto Italiano di Tecnologia e Movendo Technology, startup nata dall’IIT con lo scopo di realizzare il progetto, hanno infatti dato vita al primo robot riabilitativo interamente made in Italy.

L’esemplare, presentato a Genova presso la sede di Morego dell’IIT, si chiama Hunova e rappresenta una conquista nel settore dell’industria 4.0 rivolta alla medicina riabilitativa.

Il robot dell’IIT consente a medici e fisioterapisti di misurare, predire e prevenire molte patologie di carattere ortopedico e neurologico con interessanti benefici anche in ambito geriatrico e sportivo.

Hunova punta sulla componente ludica per incentivare il recupero dei pazienti

Grazie al suo software, Hunova è in grado di mettere in atto 156 esercizi riabilitativi personalizzabili consentendo una rilevazione e una misurazione oggettiva dei parametri biomeccanici del paziente che viene facilitato nell’esecuzione degli esercizi tramite protocolli riabilitativi somministrati in forma di gioco.

Il robot, che ha un costo di listino di 100mila euro, è stato venduto fino ad ora in 10 esemplari su un totale di un primo lotto di produzione di 30 in consegna per giugno.

Potrà però essere anche utilizzato in noleggio e leasing anche se gli acquirenti diretti non mancano, fra cui il Gruppo Korian e i poliambulatori Casa Salute.

La produzione è stata possibile grazie ad un investimento di 10 milioni di euro da parte di Sergio Dompé in Movendo Technology, società di cui l’imprenditore controlla il 50%.

Smart NationIIT e Movendo Technology realizzano il primo robot riabilitativo
Vai all'articolo

Alzheimer, il sistema ViTA aiuta a prevenire il declino cognitivo

No comments

Grazie alle potenzialità tecnologiche e di calcolo della piattaforma computazionale Watson, Fondazione Ibm Italia in collaborazione con l’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza si appresta ad iniziare i test della piattaforma ViTA (Virtual Training for Aging).

Il progetto, che punta a prevenire il declino cognitivo associato all’Alzheimer, consente al paziente di interagire con la propria casa per contrastare i prodromi e le conseguenze della malattia.

Accessibile tramite smartphone, tablet e oggetti smart (IoT), la piattaforma ViTA immagazzina informazioni e frammenti di memoria organizzandoli in una mappa in grado di aiutare il paziente nei momenti di difficoltà a richiamare alla mente tutto ciò che potrebbe aver dimenticato: dalle medicine da assumere agli appuntamenti in agenda fino al volto di parenti.

La piattaforma ViTA si basa sull’intelligenza artificiale

Qualora infatti la persona affetta dalla malattia non ricordi un particolare, il sistema cognitivo di ViTA è in grado di interagire con il malato tramite l’impiego dell’intelligenza artificiale anche sfruttando il riconoscimento facciale delle emozioni per inviare degli input emozionali.
La capacità della piattaforma di apprendere dal comportamento del malato e di restituire stimoli aiuta la conservazione della memoria e il contrasto del suo declino.

Smart NationAlzheimer, il sistema ViTA aiuta a prevenire il declino cognitivo
Vai all'articolo