A Faenza è disponibile la fibra ottica di Open Fiber

No comments

A Faenza è disponibile la rete in fibra ottica targata Open Fiber: le prime 2.600 unità immobiliari, su un totale di 21 mila unità che dovranno essere raggiunte nel prossimo periodo, sono già collegate alla rete che ha la capacità di collegamento fino a 10 Gigabit al secondo.

Con un investimento diretto di circa 7 milioni di euro case, negozi, uffici e strutture della Pubblica Amministrazione saranno raggiunte da un’infrastruttura di oltre 180 chilometri pari a circa 12 mila km di fibra da posare.

I lavori di collegamento sono realizzati secondo il criterio di sostenibilità tramite riuso di cavidotti e reti  sotterranee in modo da ridurre l’impatto ambientale e i disagi alla cittadinanza.

Grazie alla nuova rete è possibile fruire di una sere di servizi evoluti che spaziano dalla telemedicina all’Internet of Things passando per una più agevole fruizione della didattica a distanza o dello smart working.

Open Fiber non commercializza direttamente la fibra ottica al dettaglio ma solo all’ingrosso agli operatori a cui i cittadini possono rivolgersi.

Maggiori dettagli nel comunicato di Open Fiber.

Smart NationA Faenza è disponibile la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Prorogato il protocollo d’intesa finalizzato all’integrazione tra le reti di TIM e Open Fiber

No comments

TIM ha siglato con CDP Equity (CDPE), la società di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) coinvolta nell’iniziativa, KKR, Fondo Macquarie e Open Fiber un accordo che modifica il protocollo di intesa non vincolante finalizzato al progetto di integrazione tra le reti di TIM e Open Fiber.

Si tratta di una notizia significativa perché il Memorandum of Understanding del 29 maggio, ossia il protocollo firmato dalle parti per gettare le basi dell’integrazione fra le reti, ha ricadute strategiche per il Paese dato che vede la possibilità che si possa realizzare un’unica grande infrastruttura in fibra ottica a controllo pubblico.

L’efficacia dell’accordo è stata prorogata fino al 30 novembre 2022, fatta eccezione per gli obblighi di esclusiva che termineranno dal prossimo 31 ottobre: si tratta di un’estensione necessaria per cercare di comprendere come si scaricheranno a terra le intenzioni del nuovo Governo che pur pare essere fortemente intenzionato ad agevolare un’operazione finalizzata al pieno controllo statale della rete.

Maggiori dettagli nel comunicato di TIM.

Smart NationProrogato il protocollo d’intesa finalizzato all’integrazione tra le reti di TIM e Open Fiber
Vai all'articolo

A Crotone arriva la fibra ottica di Open Fiber

No comments

Sono iniziati i lavori da parte di Open Fiber per cablare il Comune di Crotone con la nuova rete interamente realizzata in fibra ottica che, in modalità FTTH, collegherà case, imprese ed edifici pubblici: si tratta di circa 10mila km di cavi in fibra che comporranno un anello di connettività lungo 110km.

L’intervento nella città calabrese, che renderà disponibile una connessione fino a 10Gbps grazie ad un investimento di circa 6 milioni di euro, fa parte delle azioni che Open Fiber sta svolgendo in 270 città italiane: in totale il progetto prevede il collegamento di circa 18mila unità immobiliari tra abitazioni, attività commerciali e uffici.

L’avvio dei lavori è avvenuto nell’area dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, il Parco Pignera e proseguiranno a breve nella zona compresa tra il Tribunale e il Municipio per poi raggiungere gli altri quartieri.

Grazie alla rete di Open Fiber sarà possibile migliorare la fruizione dei servizi negli ambiti dello smart working, della telemedicina, delle applicazioni digitali collegate al mondo delle smart city, dello streaming online ma anche l’accesso ai servizi avanzati della Pubblica Amministrazione.

Maggiori dettagli nel comunicato di Open Fiber.

Smart NationA Crotone arriva la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Il Comune di Lissone sigla l’accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica

No comments

Il Comune di Lissone ha raggiunto un accordo con Open Fiber per ricevere la copertura da parte della rete in fibra ottica del noto operatore: tramite la convenzione siglata con il Comune verrà effettuato un investimento di 4 milioni di euro che permetterà di collegare circa 16ma unità immobiliari nella città brianzola.

La rete in fibra ottica in modalità FTTH porterà la connettività veloce direttamente presso le singole case, uffici e sedi della Pubblica Amministrazione secondo un cronoprogramma che partirà da Via Giotto e dal quartiere Rutunda.

Tutti i lavori di scavo verranno eseguiti in modalità sostenibile con estrema attenzione per l’ambiente riutilizzando, ove possibile, strutture già esistenti come il riuso di cavidotti e reti sotteranee.

La rete in fibra ottica progettata per Lissone si svilupperà per un totale di circa 300 chilometri di nuova fibra posata.

Una volta realizzata la rete, Open Fiber non venderà direttamente agli utenti finali ma all’ingrosso ai propri partner commerciali che si occuperanno della rivendita: in ogni momento è possibile monitorare la copertura del proprio indirizzo sul sito di Open Fiber.

Maggiori dettagli nel comunicato della società.

Smart NationIl Comune di Lissone sigla l’accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica
Vai all'articolo

Ad Arzignano arriva la fibra ottica di Open Fiber

No comments

La fibra ottica di Open Fiber arriva ad Arzignano, in provincia di Vicenza: si tratta di un’importante conquista della città che vedrà progressivamente estendersi fino a collegare circa 9mila unità immobiliari con una velocità di connessione fino a 10 Gigabit per secondo grazie alla rete in modalità FTTH.

L’infrastruttura sarà resa possibile da un investimento di circa 4 milioni di euro e si svilupperà per oltre 125 chilometri pari a circa 5mila km di fibra ottica da posare: gli interventi di cablaggio, disciplinati dalla convenzione siglata tra il Comune di Arzignano e Open Fiber, riutilizzeranno per quanto possibile reti e strutture esistenti mentre, ove sia necessario effettuare scavi, saranno privilegiate modalità a basso impatto ambientale come il ricorso alla minitrincea.

La nuova rete in modalità FTTH darà ai cittadini di Arzignano maggiori opportunità di accedere ai servizi digitali disponibili online migliorando la possibilità di lavorare e studiare da casa ma anche offrendo maggiori opportunità di ampliare i servizi avanzati offerti dalla Pubblica Amministrazione e quelli di cui le imprese del territorio potrebbero avere bisogno.

Open Fiber non venderà direttamente i servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale ma ad una rete di operatori che, a loro volta, si occuperanno di commercializzarli al dettaglio.

Maggiori informazioni nel comunicato di Open Fiber.

Smart NationAd Arzignano arriva la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

DESI 2022, l’Italia conquista posizioni

No comments

L’Italia compie un piccolo passo in avanti nella giusta direzione per quanto concerne lo stato di digitalizzazione: l’Indice di Digitalizzazione dell’Economia e della Società (DESI), giunto all’edizione 2022, certifica che il nostro Paese sale alla 18esima posizione nel ranking europeo.

L’Italia è ancora al di sotto della media UE e sensibilmente distaccata da importanti realtà europee ma gli sforzi profusi in questi mesi stanno portando a dei risultati: il nostro Paese è la terza economia UE per dimensione ma, dal punto di vista della digitalizzazione, è ancora molto lontana dal podio.

Questo dato è significativo perché la trasformazione digitale è un acceleratore di opportunità, anche dal punto di vista economico oltre che sociale, e quindi è prioritario cercare di colmare il gap.

Tra gli indicatori più importanti che hanno subito un rialzo vi è quello relativo alla diffusione delle competenze digitali di base ma, ancora oggi, oltre la metà dei cittadini italiani risulta sostanzialmente analfabeta digitale.

Anche lo sviluppo della connettività ha registrato progressi sia in termini di performance di rete sia in termini di diffusione: la copertura completa in fibra ottica risulta ancora lontana ma potrebbe essere un traguardo raggiungibile entro il 2030.

I servizi cloud, in un anno, hanno registrato un deciso balzo in avanti soprattutto per quanto riguarda quelli a beneficio delle imprese: allo stesso modo tecnologie chiave come big data e intelligenza artificiale stanno crescendo nonostante la loro adozione sia alquanto limitata.

Per maggiori dettagli è disponibile il report completo in lingua italiana sul sito dedicato dell’Unione Europea.

Smart NationDESI 2022, l’Italia conquista posizioni
Vai all'articolo

Il Comune di Bisceglie punta su fibra ottica e digitalizzazione delle scuole

No comments

Bisceglie, città pugliese nel Nord Barese, è una città che sta vivendo una profonda trasformazione digitale grazie ad una serie di interventi che stanno portando il territorio a conoscere nuovi servizi e opportunità offerte dalla tecnologia.

Fibra ottica, innovazione nella scuola e nei servizi comunali sono la chiave di questo grande cambiamento.

Il Comune di Bisceglie sta vendendo completarsi i cantieri di Open Fiber per una nuova infrastruttura urbana in fibra ottica: alla nuova rete sono già state collegate circa 14mila unità immobiliari rispetto alle 21mila previste dal piano di cablaggio siglato fra Open Fiber e il Comune pari al 60% del territorio urbano.

L’investimento pari a 5 milioni di euro di investimento permetterà di ottenere un anello di fibra ottica pari a circa 11mila km che verranno conclusi entro la fine dell’anno: sono già stati eseguiti scavi per circa 25km ed è stato effettuato un riutilizzo dell’infrastruttura esistente per oltre 24km.

La fibra ottica è un tassello fondamentale per permettere di avviare le azioni di trasformazione digitale necessarie a portare il Comune ad essere un Ente innovativo che possa rispondere ai bisogni dei cittadini.

Relativamente ai servizi, il Comune ha già digitalizzato lo sportello unico per le attività produttive, quello dell’edilizia e si appresta a transitare al digitale lo sportello del contribuente.

Anche la scuola del territorio sta affrontando una rivoluzione digitale è la scuola: in tutte le classi del primo circolo didattico di Bisceglie Edmondo De Amicis sono infatti state installate lavagne interattive multimediali.

E proprio le LIM possono beneficiare della connettività in fibra ottica in una sorta di circolarità che la tecnologia restituisce in termini di vantaggi per gli alluni.

Smart NationIl Comune di Bisceglie punta su fibra ottica e digitalizzazione delle scuole
Vai all'articolo

TIM porta la fibra ottica a Gorizia

No comments

La fibra ottica in modalità FTTH di TIM, tramite la controllata FiberCop, arriva a Gorizia.

Con un investimento di poco superiore ai 5 milioni di euro, grazie alla collaborazione con il Comune di Gorizia, gli edifici pubblici e privati del territorio cittadino potranno fruire del collegamento veloce fino a 1 Gbps: gli interventi sono già iniziati in diverse zone cittadine per attivare progressivamente la nuova infrastruttura di rete fino a collegare tutte le 13.600 unità immobiliari una volta concluso il piano.

I lavori di posa terranno conto delle infrastrutture esistenti adottando tecniche innovative a basso impatto ambientale con scavi in minitrincea e riuso di cavidotti esistenti.

Il piano di cablaggio prevede un progressivo completamento nei prossimi mesi per sostituire la rete con tecnologia mista fibra ottica e rame in modalità FTTC che già copre 16.900 unità immobiliari, pari al 97% delle linee del comune.

La nuova rete permetterà a cittadini, imprese ed Enti di fruire delle opportunità tecnologiche rese maggiormente accessibili dalla velocità di rete.

Maggiori informazioni nel comunicato di TIM.

Smart NationTIM porta la fibra ottica a Gorizia
Vai all'articolo

TIM e Open Fiber disponibili all’unificazione della rete in fibra ottica

No comments

TIM e Open Fiber, insieme a KKR, Macquarie e a Cassa Depositi e Prestiti, hanno firmato un importante protocollo di intesa non vincolante, ossia un Memorandum of Understanding, finalizzato al percorso di integrazione tra le rispettive reti in fibra ottica.

Si tratta di un processo che punta alla creazione di un unico operatore delle reti di telecomunicazioni, non verticalmente integrato, controllato da Cassa Depositi e Prestiti con la partecipazione dei due fondi di investimento allo scopo di accelerare la diffusione della fibra ottica e delle infrastrutture VHCN in Italia.

L’obiettivo, inutile a dirsi, è un miglioramento dell’accesso ai servizi di connettività per il sistema Paese, sia per la popolazione che per gli Enti pubblici e le imprese.

L’operazione, da svilupparsi tramite un assetto societario da definire, prevede la separazione delle attività infrastrutturali di rete fissa di TIM da quelle commerciali per poi effettuare l’unificazione della parte di rete con quella a disposizione di Open Fiber.

La sottoscrizione del protocollo prevede una tempistica di 5 mesi, con scadenza al 31 ottobre 2022, per finalizzare lo schema dell’operazione che giungerà poi alla firma dei rispettivi organi deliberanti aziendali.

Si tratta di un importantissimo passo verso la riduzione del digital divide del Paese e, come tale, vedrà la massima attenzione da parte del Governo che gioca un ruolo dirimente nell’iniziativa.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationTIM e Open Fiber disponibili all’unificazione della rete in fibra ottica
Vai all'articolo

GN1, a Genova nasce l’hub digitale di attracco per cavi sottomarini in fibra ottica

No comments

Genova è divenuta a tutti gli effetti uno dei porti digitali d’Europa per quello che riguarda l’interconnessione di cavi sottomarini: oggi è stato infatti inaugurato l’hub digitale che prevede il collegamento dei cavi sottomarini di Equinix in collaborazione con Vodafone.

GN1, questo il nome dell’infrastruttura digitale, è il punto di interconnessione strategico per il sistema 2Africa che consiste nel collegamento sottomarino più lungo mai realizzato per connettere Africa, Europa e Asia.

Il collegamento in fibra ottica collega 46 Paesi al mondo al data center flagship di Equinix a Milano, denominato MI5, con un traffico stimato di circa 1.200 Terabyte.

La scelta di Genova come punto di interconnessione per il Sud Europa permette di avviare nuovi investimenti sulla città e un’opportunità occupazionale senza precedenti nel settore.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa del Comune di Genova.

Smart NationGN1, a Genova nasce l’hub digitale di attracco per cavi sottomarini in fibra ottica
Vai all'articolo