La rete regionale in fibra ottica di Lepida si espande a nuove aree produttive

No comments

Grazie a una collaborazione pubblico-privato, con il coinvolgimento di Comune di Varano de’ Melegari, la Regione Emilia-Romagna e alcune industrie della zona, è stata inaugurata una nuova infrastruttura di rete in fibra ottica grazie ai finanziamenti provenienti dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr).

Si tratta di una vera e propria autostrada digitale che permette alle industrie della zona collinare del parmense di sfruttare tutta la potenza della fibra ottica interconnessa alla rete regionale Lepida: ogni singola azienda ha quindi accesso diretto alla banda ultra-larga per comunicare con il mondo e svolgere la propria attività produttiva beneficiando delle opportunità offerte da questa tecnologia.

Tramite questa nuova rete, anche le realtà periferiche possono infatti beneficiare delle stesse condizioni di sviluppo dei grandi capoluoghi.

Per la realizzazione della nuova infrastruttura è stata utilizzata la dorsale “Varano de’ Melegari – Area Produttiva Viazzano”, realizzata da Lepida nell’ambito del Piano BUL per consentire il collegamento tra il punto più vicino della Rete Lepida al punto più favorevole dell’area industriale.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Regione Emilia-Romagna.

Smart NationLa rete regionale in fibra ottica di Lepida si espande a nuove aree produttive
Vai all'articolo

Online il nuovo sito dedicato al piano BUL

No comments

Il piano BUL è un programma ambizioso, avviato nel 2015, ideato per pianificare e semplificare il processo di ammodernamento dell’infrastruttura di rete italiana in modo da consentire a cittadini e imprese di poter finalmente accedere ad Internet ad alta velocità anche nelle aree più remote del Paese.

Per poter consentire questo difficile processo di evoluzione, Infratel Italia ha indetto tre bandi di gara che sono stati aggiudicati a Open Fiber, azienda che ha preso in carico l’effettiva esecuzione della posa della nuova infrastruttura di rete veloce impegnandosi soprattutto nel coprire le aree bianche ossia le zone a fallimento di mercato da sempre evitate per evidenti mancanze di profittabilità degli interventi di collegamento.

La rete realizzata da Open Fiber nelle aree bianche, interamente FTTH, è di proprietà dello Stato ma resterà in concessione alla società appaltante per 20 anni: entro il 2025 si punta a coprire tutte le unità immobiliari con almeno 100Mbps elevata a 1Gbps per scuole ed edifici pubblici.

In considerazione della progressività della copertura e dei tempi necessari per realizzare l’infrastruttura, ha debuttato il nuovo sito del piano BUL che consente di offrire ai cittadini le stesse informazioni in tempo reale sullo stato di avanzamento dei lavori e sull’avanzamento del progetto fornite dalla concessionaria Open Fiber a Infratel.

La nuova piattaforma nasce all’insegna della massima trasparenza fornendo, nella misura più granulare possibile, i dati della connettività a banda larga e ultralarga disponibile o pianificata per qualunque numero civico d’Italia.

Smart NationOnline il nuovo sito dedicato al piano BUL
Vai all'articolo

Open Fiber estende la propria rete in Abruzzo

No comments

I Comuni di Chieti, Lanciano e Vasto sono connessi alla rete in fibra ottica in modalità FTTH che Open Fiber ha posato per garantire ai cittadini abruzzesi una connettività veloce a prova di futuro: case, scuole, aziende e uffici pubblici per un totale di circa 22 mila unità immobiliari, di cui oltre 10 a Chieti, 5.600 a Lanciano e 6.400 a Vasto, possono già ora beneficiare della rete di Open Fiber.

A fine 2020 le unità immobiliari saranno 45 mila per un investimento complessivo di 16 milioni di euro che garantisce il cablaggio tramite nuovi scavi ma soprattutto il riuso di infrastrutture precedenti onde consentire una maggiore sostenibilità ambientale.

Al momento il servizio di connettività è erogato nei tre Comuni da WINDTRE, Fibracity, Optima, Sorgenia, Tiscali, Unidata e Vodafone: Open Fiber infatti non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale ma offre l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati.

Smart NationOpen Fiber estende la propria rete in Abruzzo
Vai all'articolo

Il Comune di Imperia sigla l’accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica

No comments

La Città con i due Centri sigla un accordo con Open Fiber per realizzare, nei prossimi 18 mesi, una nuova rete interamente in fibra ottica sul territorio comunale in grado di abilitare circa 16.000 unità immobiliari, tra case e uffici, alla velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo.

La rete, in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa), si estenderà per quasi 70 chilometri con il riuso, per il 40% della sua estensione, di reti esistenti, aeree e interrate, al fine di rispettare la sostenibilità ambientale e ridurre l’impatto degli interventi.

Eventuali lavori di ripristino di strade e strutture interessate dagli scavi saranno a cura di Open Fiber e permetteranno di minimizzare i disagi per i cittadini che si troveranno catapultati in un capoluogo digitale che migliorerà la qualità della vita del territorio sia a livello residenziale che produttivo.

Anche le sedi comunali saranno interconnesse con oltre 20 edifici dell’Amministrazione interessati.

La fibra ottica di Open Fiber permetterà l’impiego di soluzioni tecnologiche avanzate abilitando tutti i servizi Smart City, come l’IoT, la telemedicina, il cloud computing, lo streaming online e l’accesso ai servizi avanzati della Pubblica Amministrazione.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa.

Smart NationIl Comune di Imperia sigla l’accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica
Vai all'articolo

Open Fiber rende disponibile in Abruzzo la propria rete in fibra ottica

No comments

Continua il piano di espansione della rete da parte di Open Fiber in un momento storico in cui la connettività si è dimostrata quantomai essenziale per la digitalizzazione del Paese e l’avvicinamento delle persone.

L’attività di Open Fiber continua in tutta Italia e approda in Abruzzo dove accende la fibra ottica per gli abitanti dell’Aquila, di Montesilvano e di Teramo che potranno così navigare fino a 1 Gbps in modalità FTTH: la rete Open Fiber collega già 36 mila unità immobiliari di cui 14 mila nel capoluogo di regione, 11 mila a Montesilvano e 10 mila a Teramo.

Il piano di interconnessione è di circa 19 milioni di euro e punta a garantire la copertura in fibra ottica non solo degli immobili residenziali ma anche di scuole, aziende e uffici pubblici.

L’intervento di Open Fiber non si ferma però alle città obiettivo di questa azione: la medesima tecnologia verrà infatti portata nei borghi rurali e nei comuni più remoti nel rispetto del piano BUL per cui Open Fiber sta cablando l’Italia.

Il servizio commerciale su rete Open Fiber è disponibile in tutte le città dell’Abruzzo con Fibracity Optima, Sorgenia, Tiscali, Unidata, Vodafone, WINDTRE a cui si aggiungono Cd Lane a 2 Bite all’Aquila e Teramo.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa.

Smart NationOpen Fiber rende disponibile in Abruzzo la propria rete in fibra ottica
Vai all'articolo

Bergamo riparte dalla fibra ottica di Open Fiber

No comments

A Bergamo ripartono le attività e in particolare quelle strategiche legate alla posa della nuova rete in fibra ottica che servirà la città: il cablaggio è effettuato da Open Fiber nel rispetto del piano infrastrutturale che doterà l’Italia di un’infrastruttura di rete all’avanguardia.

Da questa settimana sono stati infatti inaugurati numerosi cantieri dedicati alla stesura della fibra ottica in armonia gli altri interventi previsti in città dall’Amministrazione del Comune di Bergamo: l’investimento sarà complessivamente di circa 20 milioni di euro e permetterà di collegare 49mila unità immobiliari attraverso una rete interamente in fibra ottica in modalità FTTH (Fiber To The Home) ossia con la fibra ottica portata fino all’edificio da servire con il massimo beneficio per le prestazioni fruibili da cittadini e imprese,

L’importanza di una connettività all’avanguardia è quanto mai centrale soprattutto come ha insegnato l’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19 che ha reso indispensabili i servizi digitali che viaggiano tramite la connettività.

La nuova infrastruttura misurerà interesserà quasi 300 chilometri di territorio con la stesura di 29mila chilometri di fibra ottica e largo riuso di reti esistenti, aeree o interrate, anche grazie alla collaborazione con A2A: la scelta del riuso è frutto dell’obiettivo della limitazione dell’impatto ambientale dei nuovi cantieri al fine di rendere meno invasivi gli interventi di installazione della rete.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa.

Smart NationBergamo riparte dalla fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Confagricoltura e Open Fiber insieme per connettere le aziende agricole italiane

No comments

Confagricoltura e Open Fiber hanno raggiunto un accordo volto a favorire la diffusione di connettività basata sull’adozione della fibra ottica da parte delle aziende agricole italiane.

L’importanza della collaborazione è palese, specie durante l’emergenza sanitaria del COVID-19, in quanto la digitalizzazione e la diffusione della connettività permette di accelerare i processi di sviluppo nell’agro-alimentare al fine di fare un ulteriore salto di qualità verso l’agricoltura 4.0.

Le aziende del settore primario, grazie alle nuove tecnologie, possono produrre meglio, distribuire in modo più capillare e anche commercializzare direttamente attraverso canali di e-commerce.

In tal senso la disponibilità di connettività veloce permette di garantire stabilità, velocità e opportunità favorendo lo sviluppo economico, tecnologico e sociale delle imprese agricole e dell’agricoltura nazionale in senso lato.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa è disponibile un comunicato stampa.

Smart NationConfagricoltura e Open Fiber insieme per connettere le aziende agricole italiane
Vai all'articolo

Il Comune di Vo’ rinasce grazie alla fibra ottica

No comments

Il Comune di Vo’ è il piccolo centro del Veneto che è stato protagonista, suo malgrado, di uno dei focolai dell’emergenza dovuta al COVID-19: la cittadina è inoltre stata letteralmente chiusa essendo stata istituita una zona rossa che ha, di fatto, reso impossibile alla popolazione di vivere una vita normale.

Dopo la fine del confino obbligato ed una graduale ripresa alla normalità, la ripartenza vera e propria è affidata al digitale che ormai rappresenta una scelta obbligata per cittadini e Istituzioni in merito alla comunicazione e all’erogazione di svariati servizi.

Open Fiber infatti ha pensato, in qualità di concessionaria individuata da Infratel Italia per la copertura e la realizzazione della rete nelle aree bianche del Veneto, di ripartire dal Comune di Vo’ nel piano di cablaggio dei territori ancora non collegati ad un’infrastruttura di rete avanzata quale quella di fibra ottica prevista nel piano BUL.

Dopo l’ultimazione dei lavori infrastrutturali, è stata avviata la commercializzazione dei servizi in fibra ultraveloce in modalità FTTH: sono state collegate oltre 1.600 unità immobiliari attraverso 29 chilometri di fibra ottica.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationIl Comune di Vo’ rinasce grazie alla fibra ottica
Vai all'articolo

Infratel Italia accelera l’attivazione della fibra ottica nelle aree bianche

No comments

Il MISE, tramite la propria controllata Infratel Italia, ha deciso di accelerare notevolmente lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree più arretrate del Paese per aiutare i cittadini durante l’emergenza sanitaria dettata dal COVID-19: il digitale infatti è improvvisamente divenuto la soluzione più utile per scambiare informazioni ed interfacciarsi con la PA italiana.

Anche le strutture sanitarie hanno beneficiato di un forte alleggerimento in virtù della diffusione della ricetta digitale tramite la semplificazione introdotta grazie al NRE che è l’espressione di un sistema interconnesso.

Per questo motivo, la disponibilità di connettività affidabile e performante è divenuto vitale e lo sarà sempre di più nei mesi a venire: per questo motivo Infratel Italia, in collaborazione con TIM, ha iniziato a dare un forte impulso ai programmi di cablaggio finalizzati a rendere operative tutte le infrastrutture di accesso della rete pubblica in fibra ottica in diverse regione dove la sua diffusione risultava rallentata.

Le aree bianche di Abruzzo, Sardegna, Toscana, Puglia, Calabria, Lazio, Lombardia, e Marche dove Infratel Italia poteva procedere in quanto direttamente responsabile dei lavori subiranno una forte velocizzazione: ad oggi sono stati già realizzati interventi in 241 comuni che diventeranno 310 entro maggio con l’attivazione di oltre 1.600 cabinet.

L’elenco completo dei Comuni coinvolti è rinvenibile qui.

Smart NationInfratel Italia accelera l’attivazione della fibra ottica nelle aree bianche
Vai all'articolo

Open Fiber agevola l’accesso alla propria rete in fibra ottica

No comments

Open Fiber, l’azienda responsabile della stesura della rete in fibra ottica FTTH che promette di far evolvere il Paese, lancia una promozione per consentire ai cittadini di accedere più facilmente alla sua infrastruttura che garantisce elevate prestazioni in termini di velocità e stabilità della connessione fino a 1 Gigabit al secondo.

Si tratta di un intervento diretto, in questi giorni di emergenza nazionale dovuta alla crisi sanitaria del COVID-19, che permette di scontare 60 Euro a tutte le nuove attivazioni effettuate ai cinquanta provider partner che hanno sottoscritto la convenzione per rivendere al dettaglio la rete di Open Fiber: va infatti ricordato che la controllata pubblica non vende accessi di rete a cittadini e aziende ma vengono coinvolti degli operatori delle telecomunicazioni che sono incaricati di effettuare la propria offerta commerciale.

I cittadini che decideranno di accedere all’offerta basata sulla rete di Open Fiber potranno così usufruire di una infrastruttura di ultima generazione a condizioni agevolate ideale per le attività di smart working ed e-learning, la didattica a distanza quantomai indispensabile.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationOpen Fiber agevola l’accesso alla propria rete in fibra ottica
Vai all'articolo