37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto

No comments

Il Comune di Verona ha avviato 37100Lab, il primo innovation hub del progetto Percorsi digitali veronesi finanziato da Regione Veneto: aperto presso gli spazi dell’ex scuola Scuderlando di Borgo Roma, che viene così riqualificata e torna a vivere, il laboratorio dedicato all’innovazione ha come scopo la divulgazione di conoscenze in ambito STEM ponendosi come punto di incontro intergenerazionale di cultura digitale e come luogo per la diffusione di competenze digitali di base e avanzate.

L’hub dispone di spazi per attività di co-working, laboratori e corsi di formazione da dedicate all’incremento della conoscenza in ambito tecnologico e per sviluppare nuove idee che possano impattare positivamente sulla società: il centro è aperto 5 giorni la settimana, con orari diversificati la mattina e il pomeriggio per rispondere alle diverse necessità della popolazione.

A trainare il progetto è in prima fila il Comune di Verona che guida una cordata composta dai Comuni di San Giovanni Lupatoto, San Pietro in Cariano e Buttapietra: i Comuni hanno avuto accesso al finanziamento di Regione Veneto e sono supportati da Fondazione Edulife, impresa sociale Fablab e associazione Aloud.

Tutte le iniziative offerte da 37100LAB sono gratuite per la cittadinanza con l’intento di stimolare il più possibile la partecipazione.

Grazie ai fondi disponibili verranno aperti alcuni centri periferici a Veronetta nel palazzo Bocca Trezza, a Parona nel centro anziani di largo Stazione Vecchia, a Casa Novarini a San Giovanni Lupatoto, nella biblioteca comunale di San Pietro in Cariano e nel centro anziani di Buttapietra.

L’iniziativa punta quindi a far incontrare percorsi di formazione digitale con lo sviluppo di un piano di rigenerazione urbana e di riscoperta di spazi per la comunità.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Verona e nella pagina dedicata agli innovation lab di Regione Veneto.

Smart Nation37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto
Vai all'articolo

Google Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia

No comments

Sbarca in Italia la nuova proposta formativa in ambito digitale firmata Google: si tratta di Google Career Certificates e consiste in una serie di programmi di formazione professionale studiate per sviluppare competenze in ambito digitale.

L’arrivo in Italia avviene in collaborazione con Rete Fondazioni ITS Italia e Fondimpresa, che si aggiungono alle partnership strette con UPA, UNA, e IAA.

I corsi sono distribuiti tramite la piattaforma online Coursera e sono a pagamento: l’erogazione avviene in lingua inglese ed è ideata per studenti, persone in cerca di lavoro o professionisti che vogliono potenziare le proprie competenze digitali.

I Google Career Certificates sono organizzati attorno a quattro macroaree strategiche: Supporto IT, Project Management, UX Design e Data Analytics.

Se le competenze in ambito tecnologico erano importanti prima della crisi pandemica, ora sono divenute ancora più necessarie per avviare la ripartenza considerando i cambiamenti che ha subito il mondo.

Per aiutare la diffusione della proposta formativa Google mette però a disposizione ben 4.000 borse di studio che consentono di frequentare i percorsi proposti del tutto gratuitamente.

I Google Career Certificates saranno a disposizione anche sul portale Giovani 2030 del Dipartimento Politiche Giovanili.

Smart NationGoogle Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia
Vai all'articolo

Competenze in campo, Regione Puglia investe sulle competenze digitali nella PA

No comments

Regione Puglia è pronta a rafforzare le competenze digitali nelle Pubbliche Amministrazioni regionali avviando il programma formativo “Competenze in campo”.

Si tratta di un’iniziativa che punta a migliorare le conoscenze in ambito digitale dei dipendenti pubblici delle amministrazioni locali pugliesi ed è incardinata nell’ambito del progetto “Competenze digitali per la PA” realizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Tramite il potenziamento degli strumenti di azione del settore pubblico locale, con particolare interesse per le modalità che consentano l’esercizio dei diritti di democrazia digitale da parte delle persone, Regione Puglia intende innovare l’organizzazione regionale e restituire ai cittadini maggiore efficienza nei servizi e migliori opportunità.

Fra gli strumenti messi in campo c’è l’assemblea virtuale, una piattaforma nata per la gestione da remoto delle Sedute Istituzionali regionali rendendole equivalenti rispetto alle sessioni in presenza.

Ma la vera chiave di volta nel processo di trasformazione digitale locale risiede nella formazione dei dipendenti dei Comuni del territorio fornendo a chi lavora per il settore pubblico gli strumenti e le conoscenze indispensabili per fornire dei servizi sempre più efficienti motivando il personale e migliorando la qualità del servizio reso alla cittadinanza.

Il progetto formativo prevede un articolato programma di interventi che verranno presentati gradualmente nel corso dei prossimi mesi.

Maggiori dettagli nel comunicato di Regione Puglia.

Smart NationCompetenze in campo, Regione Puglia investe sulle competenze digitali nella PA
Vai all'articolo

Al via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale

No comments

In data odierna è stato pubblicato l’avviso che permette agli Enti iscritti all’Albo del Servizio Civile Universale di predisporre la domanda per presentare i programmi di intervento atti a sviluppare le competenze digitali dei cittadini resistenti alla tecnologia.

L’idea alla base è quella di utilizzare i giovani, adeguatamente formati, per supportare nell’uso del digitale le persone che hanno maggiori difficoltà per fattori anagrafici o culturali.

L’iniziativa viene avviata quest’anno in forma sperimentale ed è una delle azioni del Piano Operativo della Strategia Nazionale per le Competenze Digitali, inclusa nel PNRR: è previsto l’ampliamento, in funzione dell’andamento della fase sperimentale, nel triennio 2021-2023.

La prima fase prevede l’impiego di 1000 operatori volontari con l’incarico di facilitatori digitali e testimonia la collaborazione fra il Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale e il Dipartimento per la trasformazione digitale al fine di sostenere la transizione digitale.

I giovani impiegati otterranno inoltre, al termine del servizio, una specifica certificazione per il percorso svolto.

Maggiori informazioni nel comunicato del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Smart NationAl via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale
Vai all'articolo

MiAssumo, l’iniziativa digitale dedicata alla formazione per le professioni del futuro

No comments

Asstel e Parole O_Stili hanno avviato un nuovo progetto orientato alla formazione delle competenze nei ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado per le professioni del futuro.

Si tratta di un’iniziativa che punta a valorizzare la cultura digitale come fondamenta per l’educazione delle nuove generazioni con uno specifico focus sulle competenze trasversali: il progetto offre ai ragazzi gli strumenti per inserirsi al meglio nel mondo del lavoro e orientarsi tra le professioni del domani ma garantisce anche agli insegnanti un aiuto per accompagnare i ragazzi.

Nella pratica MiAssumo si sviluppa attraverso un percorso online supportato dalla piattaforma “Anch’io Insegno” sviluppata da Parole O_Stili con il supporto del MIUR e dall’aiuto delle aziende, coordinate da Asstel, che monitorano la crescita formativa e professionale dei giovani.

L’iniziativa di MiAssumo verrà presentata sulla pagina Facebook dell’Associazione Parole O_Stili su Facebook.

Maggiori informazioni nel comunicato dell’Associazione Parole O_Stili.

Smart NationMiAssumo, l’iniziativa digitale dedicata alla formazione per le professioni del futuro
Vai all'articolo

Crescere Cittadini Digitali, torna il progetto di educazione civica digitale rivolto agli studenti

No comments

Con il primo incontro, rigorosamente in streaming a causa della pandemia da COVID-19, si è conclusa la prima lezione di cinque prevista del programma di Samsung Electronics Italia Crescere Cittadini Digitali.

Si tratta di un programma formativo che si pone come obiettivo la responsabilizzazione degli utenti più giovani nell’uso delle nuove tecnologie e nella navigazione internet: l’esigenza formativa si è resa sempre più incidente a causa della pandemia che ha chiaramente aumentato la durata del tempo impiegato dai giovani a stretto contatto con i dispositivi digitali e, ovviamente, alla rete.

Per questo motivo è importante sensibilizzare e rendere consapevoli i giovani cittadini delle proprie azioni online: dalla pubblicazione di un emoji come commento alle implicazioni di un intervento in un forum o in uno spazio digitale condiviso.

Le lezioni sono articolare su cinque grandi macroaree: identità digitale, galateo digitale, sicurezza digitale, contenuti digitali, sostenibilità digitale.

Nelle prossime settimane e mesi, Samsung diffonderà i contenuti della guida Crescere Cittadini Digitali in tutte le scuole secondarie di primo grado italiane.

Per approfondimento è online il comunicato di Samsung Italia.

Smart NationCrescere Cittadini Digitali, torna il progetto di educazione civica digitale rivolto agli studenti
Vai all'articolo

Elements of AI, online il corso gratuito in italiano sull’intelligenza artificiale

No comments

Grazie alla collaborazione accademica da parte dell Università degli Studi di Roma Tre è online in italiano Elements AI, il corso gratuito dedicato alla diffusione delle competenze base dedicate all’intelligenza artificiale.

Si tratta del porting in italiano del progetto finlandese creato dall’Università di Helsinki in collaborazione con la società Reaktor per aiutare i cittadini a sviluppare competenze relativamente al mondo dell’AI.

Le applicazioni pratiche dell’intelligenza artificiale sono già oggi ovunque, dai semafori intelligenti agli assistenti vocali presenti negli smartphone o nelle altoparlanti intelligenti che vengono usati nelle case: per questo motivo è vitale imparare a conoscere le opportunità offerte da questo mondo.

Sul sito di Elements of AI è possibile utilizzare la piattaforma finlandese imparando la teoria anche grazie ad esercizi pratici che possono essere affrontanti comodamente e completando il proprio percorso in autonomia.

Il corso è diviso in sei aree tematiche che illustrano cosa sia l’intelligenza artificiale e le problematiche che affronta, le implicazioni dell AI’nel mondo reale, le metodologie di apprendimento automatico, il funzionamento delle reti neurali e un’ampia diesamina delle implicazioni dei nuovi sistemi.

Il corso, che ricordiamo essere gratuito, è disponibile in 9 lingue ed ha già oggi avuto più di 500.000 utilizzatori in 170 nazioni.

L’unico requisito è una registrazione e la scelta della modalità di apprendimento che prevede di seguire il percorso guidato di 6 settimane per circa 5 ore settimanali oppure la scelta di libera organizzazione.

Smart NationElements of AI, online il corso gratuito in italiano sull’intelligenza artificiale
Vai all'articolo

Feltrinelli Education, la piattaforma digitale dedicata alla conoscenza

No comments

Il Gruppo Feltrinelli ha lanciato Feltrinelli Education, una nuova piattaforma digitale dedicata alla formazione intesa come modo per contribuire all’evoluzione il patrimonio di conoscenza delle persone tramite un approccio innovativo.

La soluzione proposta dal Gruppo Feltrinelli si pone l’obiettivo di accompagnare l’individuo nella propria progressione culturale senza un percorso codificato di studi ma grazie ad un’ampia offerta, migliorata continuamente, di fonti informative dedicate ai settori della conoscenza più strategici per un cittadino che voglia stare al passo con i tempi.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa.

Smart NationFeltrinelli Education, la piattaforma digitale dedicata alla conoscenza
Vai all'articolo

Operazione Risorgimento Digitale, al via un nuovo ciclo di formazione online

No comments

L’iniziativa di TIM denominata Operazione Risorgimento Digitale si rinnova e rilancia la propria offerta formativa online: la necessità della formazione dei cittadini sulle tematiche attinenti al digitale in coerenza con il difficile momento che rende impossibile la partecipazione nelle piazze e in locali pubblici ha determinato una revisione della proposta formativa voluta da TIM.

Per questo motivo è stato deciso di avviare una serie di corsi online gratuiti aperti a tutti che vadano a sostituire, almeno provvisoriamente, la grande scuola mobile itinerante nel Paese.

Sono infatti partite le prime 18 classi nell’ambito del corso “Migliorare la vita nel digitale“: l’obiettivo, grazie ad un webinar settimanale di circa un’ora e 60 tutor a disposizione, è quello di spiegare come Internet possa essere un supporto concreto nella vita quotidiana.

Gli argomenti sviluppati nei primi quattro webinar previsti per il corso sono:

  • Il digitale in tasca: un webinar dedicato all’ottimizzazione della configurazione del proprio dispositivo con particolare riferimento ai software in cloud, all’antivirus e alla gestione di password e pin;
  • Pagamenti digitali in sicurezza: un webinar dedicato alla sicurezza in rete con riferimento all’home banking e allo shopping online;
  • Io, Cittadino digitale: un webinar realizzato per diffondere i servizi digitali della PA e l’uso di SPID;
  • Salute e benessere on line: un webinar dedicato alle applicazioni per la propria salute.

Inoltre, grazie alla collaborazione con Fondazione Mondo Digitale e la piattaforma Google Workspace è stato possibile rendere disponibile una scuola online permanente ricca di contenuti da fruire in e-learning.

Maggiori dettagli e la possibilità di prenotare direttamente nel sito dedicato.

Smart NationOperazione Risorgimento Digitale, al via un nuovo ciclo di formazione online
Vai all'articolo

Get Digital, arriva in Italia il programma di educazione civica digitale di Facebook

No comments

Arriva anche in Italia Get Digital, il programma che accompagna genitori, insegnanti e giovani a sviluppare le competenze necessarie per diventare cittadini digitali consapevoli e in grado di utilizzare correttamente tutti gli strumenti e le piattaforme online in modo responsabile e sicuro.

Si tratta quindi di un progetto che punta all’educazione civica digitale della popolazione, soprattutto quella che si sta formando, per evitare comportamenti lesivi nei confronti degli altri utilizzatori della rete ma anche per evitare il proliferare di fenomeni quali cyberbullismo e fake news.

In particolare Get Digital ruota attorno all’approfondimento di cinque tematiche chiave affrontate in modo specifico per genitori, insegnanti e giovani:  le basi del digitale, il benessere, le interazioni, l’emancipazione e infine le opportunità del digitale.

A disposizione degli insegnanti ci sono poi dei moduli didattici utilizzabili per effettuare delle lezioni dedicate: tutte le risorse sono state sviluppate dal team di Facebook insieme ad esperti internazionali del mondo digitale e dell’istruzione fra cui le Università di Harvard e Yale e organizzazioni come l’Unesco.

In Italia il progetto Get Digital di Facebook collabora con Fondazione Carolina che ha come scopo la trasformazione della Rete in un luogo sicuro per i bambini e gli adolescenti tramite attività di prevenzione e supporto onde evitare disagi che possono, malauguratamente, trasformarsi anche in drammi familiari.

Per presentare l’iniziativa e fornire una serie di informazioni immediatamente impiegabili, grazie a Fondazione Carolina verrà avviato un ciclo di 6 webinar gratuiti a partire al prossimo 12 novembre per sei settimane ogni giovedì dalle 18 alle 19.30 in diretta sulle Pagine Facebook di Fondazione Carolina e di Binario F di Facebook: chiunque non fosse in grado di seguirli in live streaming può rivederli quando vuole perché rimarranno sulle pagine Facebook di riferimento.

Smart NationGet Digital, arriva in Italia il programma di educazione civica digitale di Facebook
Vai all'articolo