TIM e Confesercenti Milano insieme per sviluppare le competenze digitali delle imprese

No comments

TIM e Confesercenti Milano hanno raggiunto un accordo per aiutare le piccole e medie imprese del territorio a sviluppare le necessarie competenze digitali per affrontare le sfide tecnologiche del presente ma soprattutto del futuro.

Tramite una serie di iniziative di formazione che hanno l’obiettivo di creare nuove opportunità di business, le imprese del territorio lombardo potranno, sfruttando le nuove tecnologie, affrontare tematiche utili per efficientare il proprio modo di lavorare e aprirsi al mondo online.

I due partner inizieranno ad organizzare una serie di eventi dedicati al tema della trasformazione digitale con inoltre la possibilità di fruire di contenuti formativi da remoto on demand.

Un capitolo viene dedicato all’accesso ai finanziamenti europei, anche nell’ambito delle attività che saranno promosse dai Poli Europei di innovazione digitale.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationTIM e Confesercenti Milano insieme per sviluppare le competenze digitali delle imprese
Vai all'articolo

Digital School Bus, Regione Emilia-Romagna supporta la formazione digitale contro la dispersione scolastica

No comments

In Emilia-Romagna è nato un progetto molto interessante che punta ad utilizzare le nuove tecnologie per contrastare la dispersione scolastica.

Digital School Bus, questo è il nome dell’iniziativa, è un’aula itinerante attrezzata su un autobus che intende letteralmente portare l’attività formativa sulla strada direttamente raggiungendo bambini e ragazzi di 23 plessi scolastici, elementari e medie, in comuni dell’Appennino piacentino e parmense.

L’idea mutua il John Lennon Educational Bus che tempo addietro viaggiava per le strade degli Stati Uniti per consentire ai ragazzi di registrare la propria musica.

Nel caso del Digital School Bus, le opportunità offerte toccano varie tecnologie emergenti o innovative: dall’uso dei droni, all’impiego dei visori a realtà aumentata passando per la robotica e vari strumenti di creatività digitale e coding.

L’idea è promossa da Italo Ravenna, maestro di Borgo Val di Taro (Parma) che è anche l’educatore digitale affiancato da tutor che viaggeranno a bordo dell’autobus attrezzato tecnologicamente, ed è orientata a contrastare la dispersione scolastica.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Regione Emilia-Romagna.

Smart NationDigital School Bus, Regione Emilia-Romagna supporta la formazione digitale contro la dispersione scolastica
Vai all'articolo

DigitalMente, UNC e TikTok insieme per la sicurezza e il benessere digitale nelle scuole

No comments

Unione Nazionale Consumatori insieme a TikTok ha presentato DigitalMente, un progetto educativo studiato per creare una cultura digitale orientata alla sicurezza e alla promozione di un ambiente online a misura di minore.

Si tratta di una sfida difficile che inizia dalle scuole: a tale proposito la collaborazione predispone, sulla piattaforma realizzata da Educazione Digitale per l’anno accademico 2021/2022, dei materiali didattici dedicati agli insegnanti delle scuole secondarie di I e II grado di tutta Italia in modo da promuovere la cultura digitale tenendo conto delle esigenze dei nativi digitali.

Fra gli ambiti affrontati dal progetto vi sono la sicurezza online, il tema della privacy online e il ruolo delle fake news nell’informazione che corre sulla rete.

L’apprendimento viene agevolato utilizzando la modalità edutainment con il coinvolgimento dei creator, ossia dei creatori di contenuti delle varie piattaforme online fra cui appunto TikTok.

Maggiori informazioni nel comunicato di TikTok.

Smart NationDigitalMente, UNC e TikTok insieme per la sicurezza e il benessere digitale nelle scuole
Vai all'articolo

Il Comune di Modena lancia lo sportello di supporto digitale scolastico

No comments

Il Comune di Modena ha presentato un nuovo servizio dedicato ai genitori con figli iscritti o che devono iscriversi nelle scuole comunali: si tratta dello sportello di supporto digitale scolastico.

Il servizio consiste in uno sportello istituito presso il Centro educativo Memo del Comune di Modena e presidiato da operatori in grado di parlare diverse lingue il cui compito è quello di assistere le famiglie ai margini dell’inclusione digitale nell’uso delle nuove tecnologie.

I beneficiari del servizio sono ovviamente tutti i cittadini con particolare riferimento a chi ha scarsa padronanza dei mezzi digitali o che ha oggettive difficoltà perché proveniente da contesti linguistici e culturali molto diversi.

Fra le attività offerte dal servizio vi è il supporto all’ottenimento e all’utilizzo dell’identità digitale necessaria per accedere ai servizi della PA, l’assistenza all’iscrizione dei figli al nido e alle scuole di ogni ordine e grado, l’assistenza al servizio trasporti e mensa ma anche il supporto per i bandi e le agevolazioni in ambito scolastico.

Tra le attività di aiuto erogate vi è anche il supporto nell’accesso e nell’uso del Fascicolo Sanitario Elettronico, l’assistenza all’uso delle piattaforme utilizzate per la didattica a distanza e l’aiuto per imparare ad utilizzare il registro elettronico scolastico che serve alle famiglie per verificare l’andamento scolastico dei figli.

Lo sportello è attivo il lunedì dalle 15 alle 18 e il giovedì dalle 9 alle 13 su appuntamento.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa del Comune di Modena.

Smart NationIl Comune di Modena lancia lo sportello di supporto digitale scolastico
Vai all'articolo

TIM e Fondazione CR Firenze insieme per sostenere la formazione digitale dei giovani meno fortunati

No comments

TIM e Fondazione CR Firenze hanno sottoscritto un accordo per dare supporto ai giovani meno fortunati favorendo l’accesso allo studio e alla formazione digitale.

L’accordo prevede la donazione di oltre 600 pc e laptop rigenerati in favore di Fondazione CR Firenze da parte di TIM che permetteranno alle famiglie meno abbienti di poter consolidare, tramite il digitale, le competenze dei figli in vari ambiti agevolando anche l’accesso alla didattica a distanza, laddove venisse implementata.

Inoltre, la donazione permette di recuperare dispositivi elettronici nel rispetto delle buone pratiche di economia circolare e perseguendo la piena sostenibilità: il recupero di questi dispositivi comporterà un risparmio di oltre 132.000 kg di CO2eq.

L’accordo fra TIM e Fondazione CR Firenze appartiene alle iniziative create tramite il progetto Operazione Risorgimento Digitale per promuovere l’inclusione digitale e ridurre il digital divide.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di TIM.

Smart NationTIM e Fondazione CR Firenze insieme per sostenere la formazione digitale dei giovani meno fortunati
Vai all'articolo

37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto

No comments

Il Comune di Verona ha avviato 37100Lab, il primo innovation hub del progetto Percorsi digitali veronesi finanziato da Regione Veneto: aperto presso gli spazi dell’ex scuola Scuderlando di Borgo Roma, che viene così riqualificata e torna a vivere, il laboratorio dedicato all’innovazione ha come scopo la divulgazione di conoscenze in ambito STEM ponendosi come punto di incontro intergenerazionale di cultura digitale e come luogo per la diffusione di competenze digitali di base e avanzate.

L’hub dispone di spazi per attività di co-working, laboratori e corsi di formazione da dedicate all’incremento della conoscenza in ambito tecnologico e per sviluppare nuove idee che possano impattare positivamente sulla società: il centro è aperto 5 giorni la settimana, con orari diversificati la mattina e il pomeriggio per rispondere alle diverse necessità della popolazione.

A trainare il progetto è in prima fila il Comune di Verona che guida una cordata composta dai Comuni di San Giovanni Lupatoto, San Pietro in Cariano e Buttapietra: i Comuni hanno avuto accesso al finanziamento di Regione Veneto e sono supportati da Fondazione Edulife, impresa sociale Fablab e associazione Aloud.

Tutte le iniziative offerte da 37100LAB sono gratuite per la cittadinanza con l’intento di stimolare il più possibile la partecipazione.

Grazie ai fondi disponibili verranno aperti alcuni centri periferici a Veronetta nel palazzo Bocca Trezza, a Parona nel centro anziani di largo Stazione Vecchia, a Casa Novarini a San Giovanni Lupatoto, nella biblioteca comunale di San Pietro in Cariano e nel centro anziani di Buttapietra.

L’iniziativa punta quindi a far incontrare percorsi di formazione digitale con lo sviluppo di un piano di rigenerazione urbana e di riscoperta di spazi per la comunità.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Verona e nella pagina dedicata agli innovation lab di Regione Veneto.

Smart Nation37100Lab, il Comune di Verona apre il primo innovation lab di Regione Veneto
Vai all'articolo

Google Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia

No comments

Sbarca in Italia la nuova proposta formativa in ambito digitale firmata Google: si tratta di Google Career Certificates e consiste in una serie di programmi di formazione professionale studiate per sviluppare competenze in ambito digitale.

L’arrivo in Italia avviene in collaborazione con Rete Fondazioni ITS Italia e Fondimpresa, che si aggiungono alle partnership strette con UPA, UNA, e IAA.

I corsi sono distribuiti tramite la piattaforma online Coursera e sono a pagamento: l’erogazione avviene in lingua inglese ed è ideata per studenti, persone in cerca di lavoro o professionisti che vogliono potenziare le proprie competenze digitali.

I Google Career Certificates sono organizzati attorno a quattro macroaree strategiche: Supporto IT, Project Management, UX Design e Data Analytics.

Se le competenze in ambito tecnologico erano importanti prima della crisi pandemica, ora sono divenute ancora più necessarie per avviare la ripartenza considerando i cambiamenti che ha subito il mondo.

Per aiutare la diffusione della proposta formativa Google mette però a disposizione ben 4.000 borse di studio che consentono di frequentare i percorsi proposti del tutto gratuitamente.

I Google Career Certificates saranno a disposizione anche sul portale Giovani 2030 del Dipartimento Politiche Giovanili.

Smart NationGoogle Career Certificates, al via la nuova formazione digitale di Google in Italia
Vai all'articolo

Competenze in campo, Regione Puglia investe sulle competenze digitali nella PA

No comments

Regione Puglia è pronta a rafforzare le competenze digitali nelle Pubbliche Amministrazioni regionali avviando il programma formativo “Competenze in campo”.

Si tratta di un’iniziativa che punta a migliorare le conoscenze in ambito digitale dei dipendenti pubblici delle amministrazioni locali pugliesi ed è incardinata nell’ambito del progetto “Competenze digitali per la PA” realizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Tramite il potenziamento degli strumenti di azione del settore pubblico locale, con particolare interesse per le modalità che consentano l’esercizio dei diritti di democrazia digitale da parte delle persone, Regione Puglia intende innovare l’organizzazione regionale e restituire ai cittadini maggiore efficienza nei servizi e migliori opportunità.

Fra gli strumenti messi in campo c’è l’assemblea virtuale, una piattaforma nata per la gestione da remoto delle Sedute Istituzionali regionali rendendole equivalenti rispetto alle sessioni in presenza.

Ma la vera chiave di volta nel processo di trasformazione digitale locale risiede nella formazione dei dipendenti dei Comuni del territorio fornendo a chi lavora per il settore pubblico gli strumenti e le conoscenze indispensabili per fornire dei servizi sempre più efficienti motivando il personale e migliorando la qualità del servizio reso alla cittadinanza.

Il progetto formativo prevede un articolato programma di interventi che verranno presentati gradualmente nel corso dei prossimi mesi.

Maggiori dettagli nel comunicato di Regione Puglia.

Smart NationCompetenze in campo, Regione Puglia investe sulle competenze digitali nella PA
Vai all'articolo

Al via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale

No comments

In data odierna è stato pubblicato l’avviso che permette agli Enti iscritti all’Albo del Servizio Civile Universale di predisporre la domanda per presentare i programmi di intervento atti a sviluppare le competenze digitali dei cittadini resistenti alla tecnologia.

L’idea alla base è quella di utilizzare i giovani, adeguatamente formati, per supportare nell’uso del digitale le persone che hanno maggiori difficoltà per fattori anagrafici o culturali.

L’iniziativa viene avviata quest’anno in forma sperimentale ed è una delle azioni del Piano Operativo della Strategia Nazionale per le Competenze Digitali, inclusa nel PNRR: è previsto l’ampliamento, in funzione dell’andamento della fase sperimentale, nel triennio 2021-2023.

La prima fase prevede l’impiego di 1000 operatori volontari con l’incarico di facilitatori digitali e testimonia la collaborazione fra il Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale e il Dipartimento per la trasformazione digitale al fine di sostenere la transizione digitale.

I giovani impiegati otterranno inoltre, al termine del servizio, una specifica certificazione per il percorso svolto.

Maggiori informazioni nel comunicato del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Smart NationAl via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale
Vai all'articolo

MiAssumo, l’iniziativa digitale dedicata alla formazione per le professioni del futuro

No comments

Asstel e Parole O_Stili hanno avviato un nuovo progetto orientato alla formazione delle competenze nei ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado per le professioni del futuro.

Si tratta di un’iniziativa che punta a valorizzare la cultura digitale come fondamenta per l’educazione delle nuove generazioni con uno specifico focus sulle competenze trasversali: il progetto offre ai ragazzi gli strumenti per inserirsi al meglio nel mondo del lavoro e orientarsi tra le professioni del domani ma garantisce anche agli insegnanti un aiuto per accompagnare i ragazzi.

Nella pratica MiAssumo si sviluppa attraverso un percorso online supportato dalla piattaforma “Anch’io Insegno” sviluppata da Parole O_Stili con il supporto del MIUR e dall’aiuto delle aziende, coordinate da Asstel, che monitorano la crescita formativa e professionale dei giovani.

L’iniziativa di MiAssumo verrà presentata sulla pagina Facebook dell’Associazione Parole O_Stili su Facebook.

Maggiori informazioni nel comunicato dell’Associazione Parole O_Stili.

Smart NationMiAssumo, l’iniziativa digitale dedicata alla formazione per le professioni del futuro
Vai all'articolo