Benessere Digitale, un progetto formativo per migliorare il rapporto con le nuove tecnologie

No comments

L’Università Milano-Bicocca ha presentato, in collaborazione con Fastweb, i risultati del progetto Benessere Digitale, un progetto formativo abbinato alla relativa ricerca riguardante le competenze digitali e l’uso consapevole dello smartphone.

Lo scopo dell’iniziativa è quella di offrire agli insegnanti gli strumenti per interagire con gli studenti nell’ambito della vita digitale relativamente a tematiche quali la gestione del tempo e dell’attenzione, la comunicazione e la collaborazione o ancora la ricerca e la valutazione delle informazioni.

Sono stati raccolti dati generati da oltre 3.500 studenti sparsi in 18 scuole superiori di secondo grado delle province di Milano e Monza-Brianza che hanno evidenziato un uso pervasivo dei media digitali nella vita quotidiana da parte dei giovani.

Per analizzare le competenze digitali del campione analizzato è stato usato un test sulla base del know-how di un precedente progetto coerente con il framework europeo DigComp 2.1: i risultati hanno determinato che gli studenti appaiono poco ferrati sul processo di selezione e validazione delle informazioni mentre si trovano più a loro agio con la comunicazione su chat e social.

Sulla base di questi riscontri, è stato avviato un progetto formativo svolto dai docenti del centro Benessere digitale dell’Università Milano-Bicocca che ha portato ad una diminuzione significativa nell’indice di pervasività del device nella vita quotidiana con un generale miglioramento delle capacità di utilizzo e delle competenze digitali soprattutto attinenti alla ricerca e validazione delle informazioni online.

Smart NationBenessere Digitale, un progetto formativo per migliorare il rapporto con le nuove tecnologie
Vai all'articolo

FabLab e istruzione, a Fano si usa la fabbricazione digitale contro l’abbandono scolastico

No comments

Il Comune di Fano ospita l’evento di lancio del progetto europeo contro l’abbandono scolastico tramite l’adozione di metodologie riconducibili al mondo dei maker.

Il 7 e 8 novembre infatti presso il FabLab di Fano si terrà la presentazione di MAKE IN CLASS – Developing maker-based learning paths in class to prevent early school leaving, un’iniziativa co-finanziata dal Programma Erasmus+ KA2-Cooperation for Innovation la cui conclusione è prevista per ottobre 2020 dopo 25 mesi di durata.

Il coinvolgimento del Comune è nel ruolo di partner insieme alla scuola fanese Polo3 di Fano attraverso il coordinamento di CO.META.

Un progetto formativo per il recupero dei NEET

L’obiettivo principale è quello di realizzare attività di supporto a studenti ed insegnanti migliorando i processi di inclusione e la diffusione di competenze chiave idonee alla lotta contro l’abbandonano scolastico e il recupero dei cosiddetti NEET, ovvero quelle persone che non sono impegnate in alcun modo nello studio né nel lavoro o altra attività di formazione.

Per farlo si utilizzeranno metodologie e processi del mondo dei maker, sfruttando l’attività del FabLab di Fano che rappresenta l’unico luogo nella regione attrezzato per le attività svolte con droni, robot, stampante laser e 3D.

Tali attività, rivolte ai ragazzi, aiutano la diffusione della cultura dei laboratori digitali e del making appassionandoli all’informatica.

Il FabLab di Fano è nato nel 2016 nei locali dell’Ex Cilo grazie ad un finanziamento regionale e rappresenta un laboratorio di creatività per i ragazzi nel settore digitale. Nella stanza accanto erano presenti le due sale prova pubbliche e gratuite e questo connubio musica e digitale si è dimostrato unico nella panoramica nazionale.

Maggiori info sul sito del Comune.

Smart NationFabLab e istruzione, a Fano si usa la fabbricazione digitale contro l’abbandono scolastico
Vai all'articolo

Binario F, Facebook apre a Roma un centro per le competenze digitali

No comments

Annunciato nelle scorse settimane, apre oggi a Roma Binario F, un centro dedicato alle competenze digitali fortemente voluto da Facebook.

Binario F è uno spazio dedicato alla formazione che apre presso la Stazione Termini di Roma, all’interno delle aree già messe a disposizione di L Venture Group/Luiss Enlabs.

Lo scopo è la formazione, entro il 2019, di 97mila persone relativamente alle competenze digitali necessarie per oltre il 70% delle PMI italiane che necessitano di figure professionali al passo con i tempi.

Binario F, una struttura dedicata alla formazione

La struttura è a tutti gli effetti un hub che ospita diverse attività gratuite, comprese quelle laboratoriali, per arginare la mancanza di competenze digitali grazie soprattutto a workshop ed eventi, anche curati da terze parti, che animeranno il palinsesto degli appuntamenti presso un’area di circa 190mq che saranno presto espansi a 900mq.

Oltre alla disponibilità di diverse aule è presente un Live Studio con tutte le attrezzature necessarie per fare dirette Facebook o Instagram ed una postazione test per provare e capire come sfruttare i visori Oculus.

La formazione ospitata sarà varia e organizzata direttamente da Facebook, dai partner e dalla comunità stessa che potrà candidarsi: i primi workshop saranno quelli tenuti dal programma Boots your Business di Confcommercio e #SheMeansBusiness di Fondazione Mondo Digitale dedicato alle donne che vogliono fare impresa.

Gli argomenti trattati dalla formazione faranno riferimento a otto categorie progettuali: istituzioni, accademici, studenti, editori, istituzioni culturali, no profit e imprese.

Maggiori dettagli qui.

Smart NationBinario F, Facebook apre a Roma un centro per le competenze digitali
Vai all'articolo

eSkills4Change, la formazione di Microsoft e Fondazione Mondo Digitale per gli studenti

No comments

Microsoft e Fondazione Mondo Digitale uniscono le forze e danno il via ad un programma di formazione indirizzato agli studenti per sfruttare al meglio le opportunità offerte dalle nuove tecnologie rendendole accessibili a tutti, soprattutto ai più giovani.

eSkills4Change, questo il nome dell’iniziativa, è un innovativo modello formativo che punta a fornire agli studenti competenze digitali fondamentali per l’accesso al mercato del lavoro.

I destinatari sono 10.000 giovani in tutta Italia con un’età compresa fra i 15 e i 24 anni.

Il programma prevede eventi aggregativi fuori e dentro la scuola che hanno lo scopo di permettere, in modo esperienziale, di acquisire velocemente la giusta attitudine mentale per affrontare i problemi e risolverli con l’aiuto delle nuove tecnologie.

eSkills4Change, scuole e studenti per la formazione del futuro

30 scuole in 10 regioni italiane rappresentano la palestra creativa per gli studenti che vengono accompagnati nel loro percorso formativo da esperti di Microsoft e di Fondazione Mondo Digitale attraverso percorsi di auto-imprenditorialità che puntano a progettare servizi e applicazioni smart in grado di migliorare la vita delle persone.

Fabbricazione digitale, realtà aumentata e realtà virtuale sono alcune delle tecnologie impiegabili durante i percorsi di eSkills4Change.

Smart NationeSkills4Change, la formazione di Microsoft e Fondazione Mondo Digitale per gli studenti
Vai all'articolo

Grow with Google, un’iniziativa a sostegno delle imprese italiane

No comments

Google crede nella missione di aiutare le imprese italiane ad innovarsi e, per farlo, lancia una nuova iniziativa ad esse dedicata per aumentare la conoscenza delle opportunità offerte dalla rete.

Grow with Google, questo il nome dell’iniziativa, è un programma che prevede una serie di incontri nelle varie città dell’Italia per avvicinare le imprese del territorio alle opportunità della Rete.

Il progetto, un roadshow formativo, è organizzato con Unioncamere e le Camere di Commercio: la prima tappa si terrà a Roma, nella Sala del Tempio di Adriano, il 20 ed il 21 febbraio.

Un’iniziativa per ascoltare gli imprenditori a supporto della trasformazione digitale

L’obiettivo primario del tour è quello di ascoltare le esigenze degli imprenditori locali supportandoli nel processo di trasformazione digitale, con corsi di formazione gratuiti e la possibilità di ricevere consulenza.

Qualsiasi azienda, a prescindere dal settore e dalla dimensione, può trovare nel digitale un aiuto concreto per la crescita e l’occupazione.

Il roadshow permetterà anche di far conoscere agli imprenditori alcune attività di successo che sono nate o sensibilmente migliorate grazie al digitale: fra queste Lux Made In, che accompagna il distretto della gioielleria nel commercio digitale, e Whead, agenzia di strategie online nata in seguito a precedenti iniziative formative di Google sul territorio.

Smart NationGrow with Google, un’iniziativa a sostegno delle imprese italiane
Vai all'articolo

Al via il primo centro didattico digitale del Friuli Venezia Giulia

No comments

La Regione Friuli Venezia Giulia avvia il suo primo Centro didattico digitale.

Si tratta di un’iniziativa finanziata dalla Regione e promossa da Insiel, la società pubblica regionale che si occupa di trasferimento tecnologico e soluzioni informatiche.

L’intento è quello di creare una rete di strutture sul territorio, i centri didattici digitale appunto, in grado di portare, soprattutto nei centri minori esclusi dai grandi contesti urbani, tutto ciò che è legato all’innovazione.

Inoltre tali centri dovrebbero, nelle intenzioni, supportare progetti di inclusione digitale (e-inclusion) per riempire di contenuti le strutture con attività di formazione digitale in vari ambiti.

I destinatari dell’iniziativa saranno tutti i cittadini della Regione, a prescindere dall’età anagrafica, che potranno beneficiare di questi centri per ricevere, a seconda delle specifiche esigenze, competenze digitali da parte di una rete di facilitatori formati da Insiel.

In questo modo si imparerà a lavorare e studiare attraverso le nuove tecnologie, utilizzando dispositivi e attrezzature all’avanguardia di cui verranno dotati tutti i centri.

Una rete di facilitatori per diffondere le competenze digitali

I promotori del progetto, Regione Friuli Venezia Giulia, Insiel e l’Unione territoriale della Carnia hanno già firmato le prime convenzioni per attrezzare la prima sede in via Carnia Libera ’44 delle periferiche necessarie per l’erogazione dei servizi didattici, formativi e digitali in senso lato.

La strategia di sviluppo prevede la creazione di 6 centri entri l’anno, di cui il secondo sorgerà a Maniago.

Per ulteriori informazioni è attivo l’indirizzo e-mail fvgdigitalacademy@insiel.it.

Smart NationAl via il primo centro didattico digitale del Friuli Venezia Giulia
Vai all'articolo