Il Comune di Bari promuove un progetto contro il digital divide per over 55

No comments

Si chiama “Se ti vuoi aggiornare, pensa in digitale” ed è il servizio promosso dal Comune di Bari e realizzato da ADA Bari in collaborazione con l’associazione Alzheimer Bari e l’ADA Con Puglia per combattere il digital divide che affligge gli over 55.

Si tratta di un’iniziativa che nasce all’interno del progetto AReSS per la promozione dell’invecchiamento attivo grazie al finanziamento della Legge regionale n.16 del 30 Aprile 2019, promossa e presentata dai sindacati dei pensionati SPI-FNP-UILP Puglia unitamente alle confederazioni CGIL-CISL-UIL Puglia e alle associazioni di volontariato ADA-ANTEAS-AUSER.

Per contrastare il gap generazionale che separa gli anziani dalle tecnologie in uso e che impedisce di fruire correttamente e consapevolmente dei servizi sociali e socio-sanitari esistenti, il progetto di ADA Bari prevede l’organizzazione di corsi di alfabetizzazione informatica allo scopo di rendere l’utenza più attiva nell’esercizio dei diritti di cittadinanza e maggiormente consapevole in virtù di nuove competenze digitali di base indispensabili soprattutto dopo la pandemia.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Bari.

Smart NationIl Comune di Bari promuove un progetto contro il digital divide per over 55
Vai all'articolo

Vivi Internet al meglio, Fondazione Mondo Digitale presenta la nuova edizione dedicata alla diversità e all’inclusione

No comments

A Roma, presso gli spazi dell’Associazione Civita, sono state presentate le nuove attività del programma “Vivi Internet, al meglio”, l’iniziativa che Fondazione Mondo Digitale, supportata da Google e promossa insieme alla Polizia di Stato, Altroconsumo e Anteas, ha avviato per aiutare giovani e adulti a vivere il web responsabilmente nel rispetto dei principi della cittadinanza digitale e della sicurezza online.

In concomitanza con il nuovo anno scolastico, il programma punta a ridurre l’isolamento sociale dei minori affetti da disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento in particolare modo in presenza di un deficit di pragmatica del linguaggio e di minori fragili con bisogni educativi speciali.

Il programma gode della preziosa collaborazione da parte della Fondazione Don Gnocchi e dell’Unità operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Proprio grazie al contributo della Fondazione Don Gnocchi è stato ideato il gioco Interland4All, ispirato al videogioco online Interland sviluppato da Google per aiutare i bambini a imparare le basi della sicurezza sul web, con la particolarità di essere adeguato ai bambini con bisogni educativi speciali tramite il ricorso di scenari di realtà aumentata, fruibili da smartphone, intrecciati ad un kit concreto, con plancia, pedine e carte-domanda.

Maggiori dettagli nel comunicato di Fondazione Mondo Digitale.

Smart NationVivi Internet al meglio, Fondazione Mondo Digitale presenta la nuova edizione dedicata alla diversità e all’inclusione
Vai all'articolo

Poste Italiane lancia il progetto Polis

No comments

Si chiama Polis ed è il progetto di Poste Italiane destinato ai settemila Comuni italiani con meno di 15mila abitanti per semplificare l’accesso dei cittadini alla Pubblica Amministrazione trasformando, di fatto, gli uffici postali in sportelli in grado di erogare servizi della PA.

L’iniziativa, del valore di 1,12 miliardi di euro, è finanziata con 800 milioni tramite il piano complementare del PNRR mentre, per la restante parte, l’intervento è direttamente in capo a Poste Italiane.

Fra i servizi erogati dagli uffici postali appartenenti alla rete Polis vi sono: la richiesta di carta identità elettronica, la richiesta del passaporto, la richiesta dei certificati di stato civile e anagrafici, le autodichiarazioni di smarrimento, la denuncia di detenzione e trasporto di armi, la richiesta di riemissione di codice fiscale, l’estratto conto posizioni debitorie, la visura di planimetrie catastali, la domanda di esenzione canone Rai, le deleghe per i soggetti fragili, i certificati giudiziari, la documentazione ISEE, l’estratto contributivo, il modello Obis per i pensionati, la certificazione unica, il rilascio patente nautica e la denuncia e richiesta duplicati patente.

I primi 18 sportelli della rete Polis, su un totale stimato di 6.933 uffici postali da realizzare nei successivi anni, apriranno a marzo nei Comuni di Tolmezzo (Ud), Lamon (Bi), Calazicorte (LC), Gattico-Veruno (NO), Taggia (IM), Colecchio (PR), Alto Remo Terme (BO), Borgo a Mozzano (LU), Magione (PG), Cepagatti (PE), Macchiagodena (IS), Piedimonte Matese (CE), Bernalda (MT), Cetraro (CS) e Aragona (AG).

Inoltre, è prevista la nascita di 250 sedi per il co-working nel centro di medie e piccole città e la collocazione, all’esterno degli uffici, di appositi armadi digitali con i quali erogare servizi con un’operatività 24 ore su 24.

Gli uffici postali fungono così da presidio territoriale istituzionale per le quasi 11 milioni di persone, di cui più della metà ha oltre 65 anni, che potrebbero risultare escluse dall’accesso dei servizi digitali della Pubblica Amministrazione.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Poste Italiane.

Smart NationPoste Italiane lancia il progetto Polis
Vai all'articolo

Il Comune di Cremona punta sul digitale per efficientare il lavoro della Polizia Locale

No comments

E’ ufficialmente partita la sperimentazione, da parte del Corpo della Polizia Locale del Comune di Cremona, dell’uso di palmari e dispositivi digitali destinati agli operatori su strada per semplificare il disbrigo delle operazioni di routine

La sperimentazione, della durata di circa un mese, permette agli agenti di compiere diverse azioni sul campo con maggiore velocità e una minore dispersione di risorse: fra queste la visura di targhe e l’accesso a determinate banche dati senza richiedere l’ausilio della centrale operativa.

Non solo, i nuovi dispositivi si inseriscono in una piattaforma che consente agli accertatori la compilazione e la firma digitale dei verbali garantendo un approccio più rapido ma anche più scientifico con l’analisi dei dati raccolti e l’elaborazione di statistiche per ottenere una vera e propria mappatura degli eventi sul territorio anche grazie alla geolocalizzazione delle operazioni.

La raccolta delle informazioni e il suo successivo studio permette non solo di consultare ma anche di prevenire potenziali problematiche cooperando con le altre forze di polizia che agiscono sul territorio condividendo la raccolta di segnalazioni, le operazioni di controllo dei documenti e l’eventuale recupero di veicoli rubati o abbandonati.

Maggiori dettagli sul sito del Comune di Cremona.

Smart NationIl Comune di Cremona punta sul digitale per efficientare il lavoro della Polizia Locale
Vai all'articolo

Il Comune di Pianella digitalizza l’accesso alla mensa scolastica

No comments

In coerenza con il programma di trasformazione digitale del Comune di Pianella, è stata introdotta un’innovazione che consente agli utenti della mensa scolastica comunale di fruire del servizio tramite i ticket acquisiti digitalmente.

I genitori dei figli che intendono rivolgersi alla mensa scolastica, infatti, non saranno più chiamati a reperire quotidianamente i buoni mensa nei vari punti di distribuzione ma potranno effettuare l’acquisto tramite smartphone seguendo pochi e semplici passaggi.

La transazione avviene attraverso l’infrastruttura PagoPA senza doversi fisicamente recare negli uffici: il tutto avviene tramite app.

Per agevolare la migrazione verso la nuova procedura verrà inoltre pubblicato un tutorial sul sito web del Comune di Pianella dove si possono reperire maggiori informazioni.

Smart NationIl Comune di Pianella digitalizza l’accesso alla mensa scolastica
Vai all'articolo

Smart Train, Gruppo FS presenta l’innovativo progetto di sensoristica dedicato all’efficientamento della marcia del treno

No comments

Gruppo FS ha presentato l’innovativo progetto pilota, lanciato da Mercitalia Intermodal e TX Logistik AG, che colleziona dati sulla base di una sensoristica avanzata in grado poi di dialogare con il personale di condotta e i sistemi di guida per efficientare e migliorare trasporto e processi.

Tramite l’adozione delle più avanzate tecniche di machine learning e della tecnologia attualmente disponibile, i carri ferroviari sono equipaggiati con una vasta gamma di sensori che monitorano per esempio il monitoraggio del sistema del freno durante la marcia del treno, la percorrenza chilometrica e la geolocalizzazione: le informazioni raccolte verranno impiegate per generare modelli di manutenzione predittiva migliorando l’efficienza operativa.

L’obiettivo è trovare l’integrazione ottimale della tecnologia digitale per la movimentazione delle merci garantendo margini di miglioramento attraverso processi operativi, manutentivi e di sicurezza.

I nuovi carri dotati di funzioni intelligenti sono attualmente 600 di cui 100 adattabili a tutte le funzionalità evolute con una successiva estensione di altri 160 esemplari nel corso del 2023.

Maggiori informazioni nell’articolo di Gruppo FS.

Smart NationSmart Train, Gruppo FS presenta l’innovativo progetto di sensoristica dedicato all’efficientamento della marcia del treno
Vai all'articolo

Al via il progetto per migliorare i servizi digitali erogati nella Città metropolitana di Bari

No comments

Presentato oggi presso il Palazzo della Città metropolitana di Bari il progetto eGov destinato al miglioramento dei servizi digitali erogati dal Comune di Bari e dei 41 Comuni che costituiscono la città metropolitana quali Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Alberobello, Altamura, Binetto, Bitetto, Bitonto, Bitritto, Capurso, Casamassima, Cassano delle Murge, Castellana Grotte, Cellamare, Conversano, Corato, Gioia del Colle, Giovinazzo, Gravina in Puglia, Grumo Appula, Locorotondo, Modugno, Mola di Bari, Molfetta, Monopoli, Noci, Noicattaro, Palo del Colle, Poggiorsini, Polignano a Mare, Putignano, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Sammichele di Bari, Sannicandro di Bari, Santeramo in Colle, Terlizzi, Toritto, Triggiano, Turi e Valenzano.

Il progetto eGov intende soddisfare i bisogni interni all’organizzazione degli Enti coinvolti e dell’utenza che si rivolge agli stessi tramite l’identificazione digitale attraverso SPID: in piena aderenza all’Agenda digitale metropolitana 2030, l’iniziativa prevede la realizzazione di una porta unica di accesso per i servizi online dedicati a cittadini e imprese sviluppando omogeneamente i servizi digitali di e-government in tutti gli ambiti di interesse degli operatori economici, dei professionisti e delle amministrazioni locali territoriali.

Fra le piattaforme applicative coinvolte vi sono il SUE (front-end & back-end dello Sportello Unico Edilizia), il SUAP (front-end & back-end dello Sportello Unico Attività Produttive), il SIT (Sistema Informativo Territoriale) e le piattaforme di Protocollo, Gestione Atti e Albo Pretorio.

Il soggetto attuatore del progetto è la ripartizione Innovazione tecnologica, Sistemi informativi e Telecomunicazioni del Comune di Bari.

Smart NationAl via il progetto per migliorare i servizi digitali erogati nella Città metropolitana di Bari
Vai all'articolo

Prosit, presentata la mappa digitale dei vigneti in Toscana

No comments

Nel corso di un convegno organizzato dal Crea Agricoltura Ambiente all’Accademia dei Georgofili è stata presentata l’app Prosit, uno strumento a disposizione di tutti gli agricoltori della Regione Toscana, previa registrazione.

Si tratta di un’applicazione che consente di visualizzare una mappatura digitale di vigneti e terroir su scala aziendale e di distretto con una precisione millimetrica: il sistema fornisce per ogni 100 metri la digitalizzazione di 7 mappe attuali e 47 mappe storiche comprese le informazioni chimico fisiche sui suoli viticoli della Toscana distinte per orizzonti.

Grazie ai rilevamenti fisici e chimici viene valutata la carbon footprint, l’erosione potenziale, lo stress idrico il ristagno e i fabbisogni nutrizionali del suolo: queste informazioni sono utili per la realizzazione di nuovi impianti ma anche per indicare i portainnesti più adatti per la gestione interfilare dei vigneti esistenti.

L’iniziativa è frutto della collaborazione fra Crea Agricoltura e Ambiente di Firenze e Crea Viticoltura ed Enologia di Arezzo.

Maggiori informazioni nella pagina dedicata alla presentazione dell’app.

Smart NationProsit, presentata la mappa digitale dei vigneti in Toscana
Vai all'articolo

Musei Civici, il Comune di Firenze attiva la carta digitale dedicata agli studenti universitari

No comments

Da oggi gli studenti dell’Università di Firenze e delle università americane aderenti ad Aacupi possono accedere ai Musei civici e a una serie di luoghi della cultura cittadini tramite la speciale card digitale ideata dal Comune di Firenze di cui avevamo già parlato.

Tramite la Musei Civici – Unifi Card, la tessera digitale nominativa al prezzo di 10 euro con validità annuale, gli studenti dell’Ateneo fiorentino non residenti a Firenze o nella Città metropolitana possono accedere alla proposta museale fiorentina in assoluta autonomia e, ad eccezione della Cappella Brancacci, senza alcuna prenotazione: questa opportunità si aggiunge alla Card del Fiorentino che consente agli studenti dell’Università di Firenze residenti in città e nell’area metropolitana di beneficiare dell’agevolazione.

Anche gli studenti americani/canadesi delle università del circuito Aacupi possono beneficiare delle medesime opportunità, al medesimo costo, tramite l’omologa Civic Museums of Florence – Aacupi Card.

Il progetto, insieme all’implementazione del portale dei musei civici fiorentini, è stato realizzato con il supporto di Firenze Smart e il finanziamento Pon Metro.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Firenze.

Smart NationMusei Civici, il Comune di Firenze attiva la carta digitale dedicata agli studenti universitari
Vai all'articolo

Monitoraggio Attivo, al via il progetto digitale per contrastare l’isolamento sociale

No comments

Si chiama Monitoraggio Attivo ed è il progetto realizzato dai Servizi sociali dell’Unione delle Terre d’Argine, in collaborazione con il distretto socio-sanitario, che prevede l’assistenza di grandi anziani ultra settantacinquenni e di disabili adulti che vivono da soli al fine di contrastare l’isolamento sociale a cui sono esposti a causa della distanza dai parenti e dalla rete familiare.

L’iniziativa consiste nella distribuzione ai caregiver di un dispositivo digitale che ha l’aspetto di un braccialetto indossabile con continuità e che non richiede uno smartphone per funzionare: questo dispositivo è in grado di monitorare in tempo reale eventuali cadute e segnali di emergenza indotti dal comportamento del portatore o da una sua diretta segnalazione affinché possa ricevere assistenza.

Fra i parametri monitorati vi sono quelli considerati tipici per valutare il benessere dell’anziano o del disabile come la qualità e la quantità del sonno, le attività fisiche, il movimento o i battiti cardiaci.

La potenzialità del servizio è notevole perché infonde maggiore sicurezza nel portatore che può approcciare attività essendo sicuro di essere sorvegliato dal proprio caregiver anche a distanza oltre a rafforzare il legame con una quotidianità che spesso si perde con la progressiva perdita di autonomia o con la chiusura derivante dall’isolamento.

Anomalie e criticità sono gestite dalla rete dei caregiver assegnati al monitoraggio dei portatori: per iniziare sono stati acquistati 40 dispositivi intelligenti che sono stati assegnati ad altrettante persone, selezionate grazie al supporto degli assistenti sociali e residenti nei Comuni dell’Unione, che presentano varie tipologie di fragilità.

Per coloro che volessero partecipare all’iniziativa è possibile presentare una richiesta presso lo sportello sociale del proprio comune o lo Sportello caregiver al numero 059 646421.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa dei Comuni dell’Unione delle Terre d’Argine.

Smart NationMonitoraggio Attivo, al via il progetto digitale per contrastare l’isolamento sociale
Vai all'articolo