La metà delle imprese italiane utilizza solo gli strumenti digitali di base

No comments

L’analisi effettuata da Unioncamere sulla base dei risultati relativi all’assessment riguardante la maturità digitale messo a punto dalle Camere di commercio italiane fotografa una situazione abbastanza netta.

La metà delle piccole e medie imprese italiane sta faticosamente tentando di migliorare la propria digitalizzazione affrontando la transizione digitale prospettata dalle tecnologie appartenenti all’ambito Impresa 4.0 (già Industria 4.0).

Le imprese più avanzate sul fronte della trasformazione digitale sono composte da un buon 30% che ha già digitalizzato buona parte dei processi, un 7% che ha applicato con successo i principi cardine di Impresa 4.0 e un 3% che non solo ha digitalizzato i propri processi ma ha anche fatto debito ricorso a tecnologie 4.0.

L’altra metà però è ancora al palo e utilizza solo strumenti digitali di base con difficoltà evidenti ad approfondire le tematiche.

Un’indagine ancora non del tutto estesa

L’indagine è stata condotta grazie a SELFI 4.0, lo strumento di autovalutazione online supportato dagli 88 Punti impresa digitale (Pid) che il sistema camerale ha creato per innescare la digitalizzazione del tessuto imprenditoriale nazionale.

Tale strumento è stato impiegato soprattutto dalle imprese di piccole dimensioni (il 70% con non più di 9 addetti), in gran parte provenienti dal Nord (62%).

Il dato significativo è che solo il 30% delle imprese ha utilizzato almeno un’agevolazione prevista dal Piano Nazionale Impresa 4.0: di queste, l’investimento prevalente è stato principalmente legato a tencologie abilitanti il 4.0 come, ad esempio, sistemi di gestione ERP, sistemi di pagamento mobile e soluzioni di e-commerce.

Al contrario il ricorso a tecnologie innovative è ancora poco sviluppato: il 7,2% delle imprese utilizza IoT, il 4,3% ricorre alla manifattura additiva, il 4,2% impiega soluzioni per la manifattura robotica avanzata e solo il 3,4% utilizza sistemi di realtà virtuale e aumentata.

Smart NationLa metà delle imprese italiane utilizza solo gli strumenti digitali di base
Vai all'articolo

Mazara del Vallo inaugura il primo laboratorio di fabbricazione digitale e stampa 3D

No comments

Mazara del Vallo si dota del suo primo FabLab, un laboratorio dedicato alla fabbricazione digitale e alla stampa 3D.

Fisicamente realizzato dall’associazione FabLab Mazara ETS grazie al supporto della Città di Mazara del Vallo, FabLab Mazara è un luogo aperto al trasferimento della conoscenza per tutti coloro che vogliano avvicinarsi al mondo delle nuove tecnologie con particolare interesse per la fabbricazione digitale e per la stampa 3D.

Studenti di tutte le età, docenti e semplici cittadini possono fruire di un ricco palinsesto di eventi e corsi di formazione dedicati all’insegnamento di competenze per creare oggetti grazie a stampanti 3D e altri dispositivi in grado di lavorare speciali materie plastiche ma anche utilizzare le schede elettroniche Arduino o sensori avanzati tipici dell’IoT.

FabLab Mazara, un luogo di conoscenza e aggregazione

FabLab Mazara è un luogo di conoscenza ma anche di aggregazione: è aperto tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì dalle 9.30 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00.
Durante questi orari è possibile essere assistiti nel processo di trasformazione che porta le idee a divenire progetti e poi fisicamente oggetti.

Smart NationMazara del Vallo inaugura il primo laboratorio di fabbricazione digitale e stampa 3D
Vai all'articolo

La piattaforma IoTIM diventa accessibile anche dalla televisione

No comments

TIM arricchisce la propria piattaforma per la smart home tramite nuove opportunità: grazie al decoder TIM Box è infatti possibile utilizzare l’ecosistema IoTIM oltre che da smartphone e web anche dalla propria televisione.

IoTIM è una piattaforma sviluppata per l’utilizzo degli oggetti connessi presenti nelle abitazioni: attraverso un’unica interfaccia di controllo si possono effettuare regolazioni su diversi apparati fra cui quelli di Nest, Netatmo, Fibaro, Everspring, Foscam ma anche i sistemi dedicati all’illuminazione connessa di Philips Hue.

IoTIM e TIM Box, l’IoT si pilota facilmente

Il mondo dell’IoT rappresenta un asset strategico per molte aziende tecnologiche e di telecomunicazioni anche perché i consumatori si stanno dimostrando sempre più desiderosi di implementare nelle proprie case dispositivi in grado di migliorare la propria qualità della vita e, spesso e volentieri, abbassare i costi di esercizio.

La scelta di TIM si muove proprio nella direzione di semplificare ulteriormente questo processo di trasformazione digitale delle abitudini degli utenti e quindi, grazie all’inserimento di IoTIM sul decoder TIM Box, l’interfaccia di comando è ancora più accessibile.

Inoltre sempre tramite TIM Box è possibile utilizzare il servizio vocale Alexa di Amazon a riprova dell’interesse a far convergere di più soluzioni sinergiche.

Smart NationLa piattaforma IoTIM diventa accessibile anche dalla televisione
Vai all'articolo

A Torino la prima connessione alla rete 5G tramite smartphone

No comments

Torino conquista un nuovo primato nel settore tecnologico e registra la prima connessione, tramite smartphone, alla nuova rete 5G.

Il dispositivo protagonsita dell’esperimento è frutto di una collaborazione tra Tim, Ericsson e Qualcomm: quest’ultima ha realizzato il chipset Snapdragon X50 5G cuore tecnologico dello smartphone utilizzato per la prova.

Torino è quindi la città più avanti nella corsa verso la rete 5G iniziata con l’accensione, nel 2017, della prima antenna in Italia dedicata a questa nuova tipologia di connettività che offre indubbi vantaggi fra cui una maggiore stabilità delle connessioni telefoniche ma soprattutto le caratteristiche tecniche indispensabili per sostenere la diffusione dell’IoT e dei servizi intelligenti che possono trasformare ogni nostra città in una smart city.

L’esperimento è stato effettuato nei laboratori TIM di Torino impiegando una porzione della gamma di frequenze 3,4-3,8 GHz, aggiudicate a TIM, sulla rete 5G Nr (New Radio) in tecnologia Ericsson conforme allo standard 3Gpp di Release 15 attraverso un terminale di test 5G basato sul chipset Snapdragon X50.

Il 5G è a Torino ma anche in altre città italiane

Torino è molto avanti nelle operazioni che porteranno il 5G ad essere una rete disponibile a tutti i cittadini ma anche Bari, Matera e la Repubblica di San Marino sono poli in cui si stanno portando avanti processi che l’arrivo del 5G, previsto tra il 2019 e il 2020.

Smart NationA Torino la prima connessione alla rete 5G tramite smartphone
Vai all'articolo

A Castelfranco Veneto al via un progetto innovativo per migliorare la qualità della vita degli anziani

No comments

Presso il centro residenziale per anziani Sartor di Castelfranco Veneto è stato avviato un progetto che punta a migliorare la qualità della vita dei propri ospiti.

Il centro Sartor, grazie alla collaborazione fra Regione Veneto, tre università del Veneto e 22 aziende partner, ha dato il via infatti ad un’iniziativa basata sul massiccio uso di intelligenza artificiale, IoT, domotica e automazione.

Il progetto Sistema domotico IoT integrato ad elevata sicurezza informatica per smart building è sostenuto dalla Regione Veneto nell’ambito del bando POR-FESR per la ricerca a sostegno dei Distretti e Reti Innovative Regionali; tale progetto viene sperimentato in appositi trial center di cui il centro Sartor fa parte.

Al Centro Sartor un ambiente intelligente per una qualità della vita migliore

Lo scopo è il miglioramento degli ambienti di vita rendendoli intelligenti e a misura degli utenti che interagiscono con essi.

L’iniziativa prevede uno sviluppo a fasi: la prima di ricerca industriale include lo studio dell’utente e della sua interazione con gli ambienti come anche della tecnologia IoT necessaria per rendere intelligenti oggetti e spazi.

Le successive fasi invece si occuperanno di prototipazione e test sul campo dei sistemi così ideati.

I prototipi riguarderanno la possibilità di far indossare agli ospiti della struttura appositi dispositivi per la detenzione e il controllo dei movimenti per monitorare eventuali cadute o problematiche inerenti alla capacità di muoversi autonomamente come anche la possibilità di introdurre sistemi di videomonitoraggio intelligente in grado di reperire parametri vitali e analizzare i comportamenti dei soggetti.

L’analisi del comportamento può infatti far emergere l’insorgenza di segnali indicatori di potenziali problematiche che possono essere affrontate per tempo se conosciute tempestivamente.

Altre automazioni domestiche riguarderanno luci, porte, climatizzazione e altre strutture a disposizione degli ospiti del centro.

Smart NationA Castelfranco Veneto al via un progetto innovativo per migliorare la qualità della vita degli anziani
Vai all'articolo

Vodafone porta in Italia la piattaforma SmartThings di Samsung

No comments

Nell’ultimo periodo le soluzioni smart home rappresentano una delle tecnologie più interessanti per i consumatori: a tale riguardo Vodafone ha deciso di non rimanere ferma e di muoversi sul mercato coinvolgendo Samsung.

Grazie ad una collaborazione fra le due aziende infatti, in Italia arriva il sistema V-Home di Vodafone: una soluzione tecnologica nata per rendere la casa intelligente e basata sulla piattaforma aperta SmartThings di Samsung.

La V-Home consente infatti di gestire e monitorare i dispositivi connessi della casa tramite lo smartphone con l’obiettivo di rendere il luogo dove si vive un posto più sicuro ed evoluto.

V-Home: un kit per rendere la casa smart

La soluzione di Vodafone e Samsung si basa su un kit che comprende il Samsung SmartThings Wifi hub, una telecamera di sicurezza, un sensore multifunzione e una sirena.

Tutti i dispositivi sono collegati in modalità wireless e si controllano dall’applicazione V by Vodafone che supporta le notifiche all’utente nel caso di violazione del perimetro domestico sulla base della configurazione che l’utente deciderà di impostare.

Inoltre la soluzione di Vodafone si presta a far interagire fra loro gli altri dispositivi intelligenti della casa, anche di altre case produttrici: dalle lampadine ai sensori di temperatura e alle centraline meteo, tutto potrà essere gestito da un unico centro di comando che ha il compito di coordinare tutti i dispositivi e periferiche IoT presenti nel panorama domestico.

Smart NationVodafone porta in Italia la piattaforma SmartThings di Samsung
Vai all'articolo

IoT, a Catania inaugurato il Business Innovation Center

No comments

Un luogo dove dare impulso allo sviluppo dell’Internet of Things (IoT) e sostegno ai processi di trasformazione digitale che riguardano il Paese partendo però dal Sud: questa in sintesi la descrizione del nuovo Business Innovation Center inaugurato a Catania grazie a TIM e Huawei.

Gli ambiti di applicazione del nuovo polo tecnologico saranno in prevalenza soluzioni riguardanti i parcheggi intelligenti, la gestione sostenibile dell’acqua con la possibilità di misurare le perdite idriche, la prevenzione degli incendi e infine la gestione zootecnica innovativa.

Business Innovation Center: 3 milioni per l’IoT made in Sud Italia

Per alimentare la ricerca e lo sviluppo di soluzioni avanzate all’interno del nuovo Business Innovation Center sono previsti investimenti di circa 3 milioni di euro in 3 anni: l’obiettivo è la creazione di un ecosistema sul territorio di circa 30 startup e pmi innovative in grado di orientare gli studenti verso le nuove tecnologie e generare nuovi posti di lavoro.

L’iniziativa di TIM e Huawei rappresenta inoltre l’attuazione pratica del Memorandum of Understanding firmato dalle due aziende durante il Mobile World Congress di Barcellona.

Smart NationIoT, a Catania inaugurato il Business Innovation Center
Vai all'articolo

In ripresa il mercato digitale italiano

No comments

Dopo anni di crisi si registrano alcuni segnali di ripresa nel mercato digitale italiano: non si tratta certo di risultati miracolosi ma la tendenza sembra essere in inversione rispetto alle problematiche emerse fino a questo momento.

I dati che supportano una crescita, seppure timida, provengono dall’ultima analisi realizzata da Anitec-Assinform (Associazione Italiana per l’ICT): nel 2017, il mercato digitale italiano è cresciuto del 2,3% con un ulteriore incremento stimato in circa lo 0,3% YoY (anno su anno) fino al 2020.

La sensibilità all’innovazione digitale da parte delle imprese che necessitano di trasformarsi accogliendo le opportunità offerte dal digitale ha infatti permesso di incrementare gli investimenti anche grazie al piano Industria 4.0 supportato dal Governo.

Il mercato digitale frenato dal gap digitale

Pesa tuttavia il rallentamento derivante dal gap digitale accumulato nell’ultimo ventennio che impone una marcata accelerazione sulle politiche già avviate per l’innovazione e per l’ammodernamento della PA con la diffusione delle competenze digitali.

All’interno del trend di crescita, sono in rialzo i contenuti e pubblicità digitale (+7,7%) ma anche i servizi ICT (+4%), il software e le soluzioni (+5,9%), mentre i dispositivi e sistemi e le infrastrutture immateriali resistono.

Anche le attività riconducibili ai digital enabler, come il cloud, l’IoT, il mobile business e la cybersecurity crescono in modo significativo.

Smart NationIn ripresa il mercato digitale italiano
Vai all'articolo

Il Comune di Bari punta su big data e digitale per migliorare la gestione della città

No comments

Bari è sempre più una smart city grazie ad un nuovo sistema informatico in grado di monitorare ambiente, energia, sicurezza e welfare.

Il Comune infatti in collaborazione con un raggruppamento temporaneo d’impresa formato da Exprivia, Links e Ibm e con il supporto di Tera ha creato un sistema informatizzato capace di fornire un’immagine completa della città con l’obiettivo di facilitare le decisioni strategiche e operative dell’Ente.

I dati raccolti dal sistema provengono da fonti interne al Comune, come la polizia municipale e l’anagrafe, ma anche esterne, tra cui l’Istat, Arpa, Amiu, Amtab, oltre alle infrastrutture connesse come le videocamere di sicurezza o sensoristica dedicata e i profili social gestiti dal Comune.

Una volta raccolti, i dati vengono aggregati e, una volta elaborati, restituiscono importanti indicazioni per coloro che devono prendere decisioni.

Per esempio, è possibile gestire il traffico in maniera più intelligente incrociando i dati sull’inquinamento e quelli metereologici come anche migliorare la raccolta rifiuti e il sistema di illuminazione grazie alla raccolta dati sull’ambiente e sull’efficienza energetica.

Il sistema si inserisce all’interno del progetto M.U.S.I.C.A. (Monitoraggio Urbano attraverso Soluzioni Innovative per Città Agili), finanziato dai fondi PO FESR 2007/2013, che ha l’obiettivo di rendere l’amministrazione sempre più trasparente migliorando la qualità della vita dei cittadini.

Un aiuto dai cittadini grazie a BaRisolve

Il nuovo sistema informatico del Comune di Bari inoltre è interfacciato con un’app a disposizione dei cittadini per interagire con la Pubblica Amministrazione.

Attraverso BaRisolve infatti, i cittadini baresi possono segnalare buche stradali, rifiuti abbandonati e manutenzione del verde pubblico.

Smart NationIl Comune di Bari punta su big data e digitale per migliorare la gestione della città
Vai all'articolo

Nintendo Labo disponibile in Italia

No comments

Nintendo, la celebre azienda nipponica attiva nel settore videoludico, non è nuova a progetti di grandissimo successo e particolarmente innovativi.

E sono proprio l’innovazione e l’alto contenuto tecnologico ad essere le caratteristiche fondamentali di Nintendo Labo, il nuovo progetto del colosso giapponese.

Disponibile oggi in Italia, Nintendo Labo è un kit di cartone che può essere trasformato in qualsiasi oggetto in grado di prendere vita una volta collegato ad una console Nintendo Switch.

Un’anima di cartone che prende vita grazie alla tecnologia

Nintendo Labo consiste in una serie di fogli di cartone pre-sagomati che possono essere montati per creare degli oggetti da far interagire con la console Nintendo Switch e i suoi controller Joy-Con rendendo reale un ambiente virtuale: un pianoforte di cartone può quindi emettere suoni oppure una macchinina di cartone può essere pilotata usando la console come telecomando.

Nintendo Labo arriva in Italia con due kit: Assortito e Robot.
Con il primo è possibile costruire diversi oggetti come una semplice macchina radiocomandata, una canna da pesca o un mini-pianoforte: ciascun oggetto richiede un periodo di montaggio differente.

Il secondo kit, chiamato Robot, contiene delle lastre sagomate che vanno a costituire un’armatura da robot indossabile in grado di trasferire i propri movimenti ad un robot virtuale visualizzato sullo schermo della televisione a cui è collegata la console Nintendo Switch.
Il robot virtuale si muoverà quindi attraverso diversi scenari potendosi trasformare in automobile o ancora estendendo le braccia per volare.

Il comune denominatore delle creazioni di Nintendo Labo è la fantasia che unisce il piano virtuale e quello reale.

Inoltre, grazie al Garage Toy-Con è prevista la possibilità di configurare gli ingranaggi virtuali di Labo per programmare combinazioni innumerevoli di gesti e relative azioni al di fuori delle specifiche predeterminate da parte di Nintendo.

Smart NationNintendo Labo disponibile in Italia
Vai all'articolo