Fondazione Vodafone annuncia il primo localizzatore al mondo per persone affette da autismo

No comments

Fondazione Vodafone, in collaborazione con Cervelli Ribelli, ha annunciato la nascita del primo localizzatore al mondo ideato per ridurre il rischio di scomparsa di persone affette da autismo.

La soluzione tecnologica risponde alla necessità dimostrata dalle persone autistiche e dalle relative famiglie onde soddisfare il bisogno di prevenire l’eventualità di incidenti che potrebbero essere originati in seguito alla patologia: capita infatti che i pazienti autistici perdano i propri riferimenti con il rischio di iniziare a vagare senza meta, allontanandosi da zone sicure.

Per questo timore, in assenza di uno strumento di controllo, si tende a limitare la libertà di movimento all’aria aperta comprimendo di conseguenza le occasioni di inclusione: la problematica è condivisa, peraltro, anche dagli individui affetti da un’altra patologia fortemente limitante quale l’Alzheimer cui potrebbe essere destinata la medesima soluzione opportunamente declinata.

Il rilascio del prodotto è previsto per i prossimi mesi ed è frutto della collaborazione fra il promotore, Fondazione Vodafone, e Cervelli Ribelli coadiuvati da un un team di esperti formato da medici, psicologi, educatori, informatici e designer.

La fase di prototipazione è prevista per settembre, cui seguirà la sperimentazione sul campo per valutare gli indici di benessere delle persone che lo utilizzeranno e l’affidabilità del dispositivo oltre all’usabilità del dispositivo indossabile adatto alle persone con autismo.

Smart NationFondazione Vodafone annuncia il primo localizzatore al mondo per persone affette da autismo
Vai all'articolo