A Vercelli Amazon apre un nuovo Operations Innovation Lab

No comments

Amazon, celebre multinazionale dell’e-commerce ma non solo, ha inaugurato il nuovo Operations Innovation Lab a Vercelli: si tratta del primo centro d’innovazione non solo in Italia ma anche di tutta Europa oltre ad essere terzo al mondo dopo quelli di Seattle e Boston.

Si tratta di un laboratorio destinato a fornire soluzioni tecnologiche in grado di migliorare l’esperienza di coloro che lavorano per la multinazionale fornendo supporto nelle attività lavorative quotidiane ma anche dei clienti.

Fra gli scopi dell’iniziativa vi è la sperimentazione delle ultime tecnologie, incluse soluzioni di robotica avanzata e l’impiego dell’intelligenza artificiale, per rivoluzionare la rete europea di centri logistici Amazon: all’interno del Operations Innovation Lab di Vercelli viene dato ampio spazio alla formazione dei dipendenti che lavorano con le tecnologie Amazon Robotics oltre alla possibilità per il pubblico di effettuare visite guidate per osservare da vicino le tecnologie avanzate impiegate dalla multinazionale.

Il primo Amazon Operations Innovation Lab è nato nel 2017 a Seattle.

Maggiori informazioni nell’articolo dedicato agli Innovation Lab di Amazon.

Smart NationA Vercelli Amazon apre un nuovo Operations Innovation Lab
Vai all'articolo

Smart Train, Gruppo FS presenta l’innovativo progetto di sensoristica dedicato all’efficientamento della marcia del treno

No comments

Gruppo FS ha presentato l’innovativo progetto pilota, lanciato da Mercitalia Intermodal e TX Logistik AG, che colleziona dati sulla base di una sensoristica avanzata in grado poi di dialogare con il personale di condotta e i sistemi di guida per efficientare e migliorare trasporto e processi.

Tramite l’adozione delle più avanzate tecniche di machine learning e della tecnologia attualmente disponibile, i carri ferroviari sono equipaggiati con una vasta gamma di sensori che monitorano per esempio il monitoraggio del sistema del freno durante la marcia del treno, la percorrenza chilometrica e la geolocalizzazione: le informazioni raccolte verranno impiegate per generare modelli di manutenzione predittiva migliorando l’efficienza operativa.

L’obiettivo è trovare l’integrazione ottimale della tecnologia digitale per la movimentazione delle merci garantendo margini di miglioramento attraverso processi operativi, manutentivi e di sicurezza.

I nuovi carri dotati di funzioni intelligenti sono attualmente 600 di cui 100 adattabili a tutte le funzionalità evolute con una successiva estensione di altri 160 esemplari nel corso del 2023.

Maggiori informazioni nell’articolo di Gruppo FS.

Smart NationSmart Train, Gruppo FS presenta l’innovativo progetto di sensoristica dedicato all’efficientamento della marcia del treno
Vai all'articolo

Amazon ottiene l’autorizzazione per svolgere il servizio di corriere postale

No comments

Grandi novità nel mondo della logistica, in Italia infatti arriva ufficialmente Amazon in qualità di corriere.
Dopo che l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, il 2 agosto scorso aveva sanzionato la celebre compagnia statunitense con una multa da 300mila euro per lo svolgimento di attività postali senza la necessaria autorizzazione, ecco che Amazon è corsa ai ripari.

Agcom infatti ha competenza anche in materia postale ed è proprio in questo ambito che Amazon ha svolto, da tempi non sospetti, attività quali la logistica e la consegna di pacchi o la gestione dei centri di recapito.

Per ovviare al problema in modo definitivo Amazon ha depositato alcune settimane fa al Ministero dello Sviluppo Economico la richiesta per ottenere la licenza di corriere postale e il 16 novembre è arrivato il via libera.

Ad oggi Amazon compare infatti sull’elenco degli operatori postali, sotto le diciture Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Transport, che conta complessivamente 4.463 soggetti autorizzati al servizio.

La decisione di Amazon è stata dettata dalla necessità di dover regolarizzare una posizione che per diverso tempo l’ha vista utilizzare società non munite di autorizzazione generale per svolgere servizi postali, consistenti nell’attività di smistamento e nella successiva fase recapito di pacchi oltre ad aver gestito punti di recapito (locker) senza essere abilitata.

Si apre quindi una nuova importante fase del commercio online dove sicuramente Amazon, ora in possesso di tutti i titoli abilitativi, strutturerà il servizio in modo ancora più capillare.

Smart NationAmazon ottiene l’autorizzazione per svolgere il servizio di corriere postale
Vai all'articolo

Poste Italiane supporta Amazon nella distribuzione serale e nei week-end

No comments

Poste Italiane e Amazon danno il via ad una collaborazione che porterà il gruppo postale a servire le esigenze logistiche del famoso e-commerce per la distribuzione dei prodotti nella fascia serale e durante i week-end.

Se Amazon non ha mai fatto mistero di voler gestire in prima persona la logistica dei propri prodotti attraverso corrieri e soluzioni innovative, il volume delle transazioni e la particolare necessità di essere rapidi e capillari nelle consegne hanno spinto il gigante americano a trovare nuove strade per poter rendere il proprio servizio sempre più appetibile.

Poste Italiane ha infatti recentemente avviato il programma Joint Delivery una rivoluzione nel proprio modello di consegna che si presta allo scopo di Amazon.

Consegne più veloci ogni giorno

L’accordo, della durata triennale, prevede che Amazon possa utilizzare la capillare presenza territoriale di Poste Italiane possibile grazie agli oltre trentamila portalettere impiegabili nelle operazioni di recapito ma anche alle flotte del corriere espresso SDA e MistralAir (la compagnia aerea di Poste Italiane).
Le consegne dei pacchi saranno quindi effettuate anche la sera fino alle 19.45 e nei week-end; per garantire il servizio è atteso inoltre un incremento occupazionale dei dipendenti impegnati nel settore della logistica.

Maggiori informazioni qui.

Smart NationPoste Italiane supporta Amazon nella distribuzione serale e nei week-end
Vai all'articolo

E-commerce, Poste Italiane evolve il proprio modello di consegna

No comments

Poste Italiane sta rivoluzionando il proprio sistema distributivo per reggere la concorrenza, soprattutto quella dettata da Amazon che sta sviluppando un sistema distributivo autonomo per la consegna degli acquisti effettuati dagli utenti sul proprio portale di e-commerce.

Per questo motivo la rete logistica di Poste Italiane sta iniziando a consegnare i pacchi tutti i giorni fino a sera e anche durante il week end.

Le consegne dei pacchi fino a 5 chili, che rappresentano l’85% del volume dell’e-commerce, vengono affidate ai portalettere che lavoreranno fino alle 19:45 anche nel fine settimana.

Durante la mattina verranno effettuate le consegne nei quartieri dove ci sono più uffici mentre di pomeriggio e di sera verranno servite le zone residenziali.

Non solo, sono in arrivo le prime installazioni degli armadietti fai da te, similarmente alla soluzione Amazon Locker che ha riscosso un notevole successo fra le persone che non sono spesso a casa.

L’alternativa di Poste Italiane sarà presente presso i supermercati e centri commerciali ma anche al negozio sotto casa in modo da coprire le città quartiere per quartiere.

Postino 4.0, una copertura graduale del territorio

Il nuovo modello di consegna di Poste Italiane è stato avviato in sperimentazione a partire dal 16 aprile scorso e vedrà la copertura del territorio nazionale entro il 2019.

L’obiettivo è quello di raggiungere 50 milioni di pacchi nel 2018 crescendo fino a quota 100 milioni nel 2022.

Entro l’anno verranno attivati i primi 350 locker di Poste Italiane sul territorio.

Smart NationE-commerce, Poste Italiane evolve il proprio modello di consegna
Vai all'articolo