Al via i nuovi processi digitali propedeutici all’adozione del Documento Unico di circolazione

No comments

I preparativi per l’entrata in vigore del Documento Unico di circolazione, il nuovo supporto che sostituisce il vecchio libretto di circolazione, continuano a susseguirsi: il MIT e ACI hanno infatti ufficializzato il passaggio ai nuovi processi digitali per alcune operazioni attinenti alla proprietà degli autoveicoli.

Si tratta di un percorso graduale iniziato a settembre con la comunicazione, da parte del MIT, a tutti gli operatori interessati alla gestione delle pratiche automobilistiche per le quali è prevista la trasformazione al digitale ossia gli uffici periferici di ACI, quelli della Motorizzazione Civile e tutti gli STA, ossia gli Studi di Consulenza Automobilistica e le delegazioni ACI.

Le uniche documentazioni cartacee ammesse sono quelle relative alle targhe e gli atti per la preventiva verifica di conformità.

Dal primo gennaio 2020 tutti i processi saranno dematerializzati e verrà rilasciato il Documento Unico del veicolo mentre per l’input si dovrà utilizzare il modello di istanza unificata.

Maggiori dettagli nel comunicato congiunto.

Smart NationAl via i nuovi processi digitali propedeutici all’adozione del Documento Unico di circolazione
Vai all'articolo