Internet, il controllo passa all’ICANN

No comments

Da poche ore la supervisione di internet non è più sotto il controllo degli Stati Uniti ma è passata all’ICANN: l’internet governance è globale.
Infatti il Dipartimento del Commercio americano alla mezzanotte del 01 ottobre cede il controllo dei Dns (Domain Name System) all’ICANN.

ICANN è la sigla di Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, ente no profit nato nel 1998 con sede a Los Angeles e supervisionato dalla comunità internazionale.

Dal punto di vista pratico all’utente internet non cambia nulla, eppure allo stesso tempo cambia tutto.

ICANN e DNS

Tra i compiti dell’ICANN compare il coordinamento del sistema dei nomi di dominio, ossia i DNS, che corrisponde al registro distribuito che permette di collegare i nomi dei siti internet (es. smartnation.it) ai relativi indirizzi IP, ovvero gli indirizzi numerici (es. 107.155.110.102) che permettono di identificare la macchina server che consente al sito internet di essere presente online.

In pratica i DNS sono lo strumento che correla le targhe ai proprietari, senza il quale non sarebbe possibile navigare in modo human friendly.
Immaginate il dover ricordare un numero fino a 12 cifre per poter avviare la navigazione verso quel sito: sarebbe improponibile.

Fino dalla fondazione dell’ICANN, il Dipartimento del Commercio americano era ingerente sulle sue politiche ma, una volta che internet aveva iniziato a svilupparsi, l’amministrazione USA aveva deciso di chiamarsi fuori rendendo l’ICANN un ente privato no profit e mantenendo esclusivamente funzioni di controllo sulla cosiddetta root zone.

Si trattava della possibilità di controllare l’area più in alto nella struttura gerarchica del sistema di DNS, ossia quella che contiene i nomi e gli indirizzi Ip di tutti i domini di primo livello come .com, .net, .org.

Oggi, anche questo ultimo diritto viene meno e così il governo Usa esce definitivamente e ufficialmente dalla supervisione del sistema dei nomi di dominio.

Perché è importante per tutti i fruitori di internet?

Con questa data l’ICANN diventa totalmente indipendente e verrà gestita da una comunità internazionale che include rappresentati di governi, dell’industria, accademici ed esperti.
Se dal punto di vista pratico non ci sarnno modifiche, dal punto di vista teorico si afferma il principio di assoluta libertà e neutralità della rete da ingerenze statali e regolamentazioni nazionali.

Internet è un luogo libero.

Smart NationInternet, il controllo passa all’ICANN
Vai all'articolo