Agcom avvia la consultazione pubblica sulla libera scelta dei dispositivi per la connessione a internet

No comments

Chiunque abbia richiesto l’attivazione di una nuova linea internet o effettuato il passaggio ad un altro operatore si sarà trovato con il problema di ricevere spesso un’imposizione, da parte del Provider, di un dispositivo per la connessione alla rete internet.

Il modem infatti viene frequentemente fornito dal Provider e sembra inscindibile dall’offerta della linea dati al punto che l’operatore impedisce la connessione con apparecchi di terze parti e non pubblica le specifiche per l’impostazione di un dispositivo differente da quello dato in comodato d’uso o venduto ratealmente.

Questa pratica lede la libertà dei consumatori e contrasta con le indicazioni del Regolamento UE Regolamento (UE) n. 2015/2120 del 25 novembre 2015 inerente all’ccesso ad una rete internet libera ed aperta.

Agcom interviene per risolvere il

Per risolvere il problema l’AGCOM è intervenuta con l’apertura di una consultazione pubblica sulle possibili misure per la libera scelta delle apparecchiature terminali: l’obiettivo è quello di porre fine alla condotta dei Provider garantendo agli utenti di poter scegliere liberamente e consapevolmente quale modem utilizzare per la connessione secondo i principi della neutralità della rete.

La consultazione pubblica, della durata di 30 giorni, verte su tre grandi aree: stabilire un perimetro di analisi relativo all’identificazione di quali siano le apparecchiature terminali oggetto della riforma, raccogliere informazioni su problematiche e possibili barriere all’utilizzo derivanti dalla complessità dei prodotti e infine valutare l’opportunità di un regolamento specifico a garanzia della libertà e della qualità dei servizi di accesso alla rete.

Maggiori informazioni qui.

Smart NationAgcom avvia la consultazione pubblica sulla libera scelta dei dispositivi per la connessione a internet
Vai all'articolo