A Nola è disponibile la fibra ottica di Open Fiber

No comments

Open Fiber collega Nola, in particolare sono cablate le prime tremila unità immobiliari del Comune napoletano ad appena due mesi dall’avvio dei lavori che porteranno ben 11mila immobili fra abitazioni private, negozi, imprese e uffici ad essere collegati in modalità FTTH alla fibra ottica di Open Fiber.

Si tratta di un traguardo molto importante per l’area perché la connessione in fibra ottica con velocità fino a 1 Gigabit per secondo è molto importante per lo sviluppo del territorio in quanto rappresenta un’innovativa rete di telecomunicazione in grado di sostenere servizi tecnologici evoluti che contribuiranno al miglioramento della qualità della vita e del PIL dell’area.

Con un investimento di circa 4 milioni di euro si raggiungeranno i 102 chilometri di rete a banda ultra larga permettendo a Nola di equiparare la qualità della connettività a città come Napoli, Benevento o Caserta.

La velocità di esecuzione è dovuta anche ad una particolare sensibilità dell’Amministrazione comunale.

I servizi abilitati dalla banda ultra larga di Open Fiber sono diversi fra cui la didattica a distanza, l’e-health o l’accesso ai servizi evoluti della Pubblica Amministrazione.

Per maggiori dettagli è disponibile il comunicato stampa sul sito di Open Fiber.

Smart NationA Nola è disponibile la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Il Comune di Civitanova Marche sigla un accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica

No comments

Il Comune di Civitanova Marche ha siglato un accordo con Open Fiber per la copertura del territorio cittadino con la realizzazione di una nuova infrastruttura in fibra ottica che colleghi i cittadini tramite una connettività in modalità FTTH consentendo a famiglie ed imprese di navigare fino a 1 Gbps.

La rete punta a collegare 18mila unità immobiliari, fra case, uffici ed enti locali, con una lunghezza di circa 67 chilometri e un investimento di 4,5 milioni di euro.

La gran parte della nuova rete non richiederà scavi dedicati in quanto il 76% del tracciato previsto verrà realizzato riusando cavidotti e infrastrutture esistenti: il restante invece sarà predisposto sfruttando moderne tecnologie di lavorazione che privilegino la sostenibilità e riducano l’impatto ambientale.

I lavori cominceranno intorno a Via Verga, via Cavallotti, via Quasimodo e via Dante Alighieri spostandosi progressivamente alle restanti aree cittadine.

I servizi erogati da Open Fiber consentono ai cittadini di sfruttare servizi innovativi ad alta velocità fruendo anche di soluzioni evolute altrimenti non implementabili come la gestione intelligente dell’illuminazione pubblica, la telemedicina, lo straming di grandi quantità di dati e svariate altre opportunità.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationIl Comune di Civitanova Marche sigla un accordo con Open Fiber per la nuova rete in fibra ottica
Vai all'articolo

A Bergamo arriva la fibra ottica di Open Fiber

No comments

I cittadini di Bergamo possono iniziare a sfruttare la velocità della fibra ottica di Open Fiber: l’azienda ha infatti allacciato le prime 13mila unità immobiliari incluse nel progetto di copertura del territorio comunale potendo quindi beneficiare dei servizi innovativi abilitati dall’elevata velocità e dalla bassa latenza dell’infrastruttura di rete.

Il piano, sostenuto da un ambizioso investimento di 20 milioni di euro, punta a coprire con la fibra ottica in modalità FTTH ben 49mila unità immobiliari per un totale di circa 300 chilometri di rete che attualmente collega i quartieri di Loreto, San Paolo, Borgo Palazzo, Boccaleone, San Colombano, Monterosso, Malpensata, Boccaleone e Carnovalo.

I lavori effettuati sino a questo momento rispettano le caratteristiche di sostenibilità ambientale, riutilizzando cavidotti e passaggi esistenti e minimizzando la necessità di nuovi scavi.

La velocità di punta garantita alle utenze è di 1 Gigabit al secondo ma, in futuro, potrà spingersi fino a 40 Gigabit per secondo: tale velocità permette già oggi di potenziare servizi evoluti come la didattica a distanza, il settore della telemedicina, il cloud computing ma anche l’erogazione di contenuti online come anche i servizi tipici delle smart city come il controllo elettronico degli accessi, il monitoraggio ambientale, la gestione intelligente dell’illuminazione pubblica e la digitalizzazione dei servizi per il turismo.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationA Bergamo arriva la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Al via la stesura della rete in fibra ottica di Open Fiber a Martina Franca

No comments

Il Comune di Martina Franca, città simbolo del versante meridionale della Murgia pugliese, ha raggiunto l’accordo con Open Fiber, l’azienda che sta provvedendo alla copertura nazionale tramite rete in fibra ottica in modalità FTTH, per il cablaggio della cittadina pugliese.

L’infrastruttura di Open Fiber è dimensionata per restituire velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo e latenza inferiore ai 5 millisecondi con una prima copertura di 16mila unità immobiliari ed un investimento di circa 6 milioni di euro.

L’avvio dei lavori è imminente in seguito alla firma della convenzione e prevede, come da tradizione di Open Fiber, il rispetto della sostenibilità ambientale nelle fasi di scavo e cablaggio riutilizzando reti e cavidotti esistenti e minimizzando il ricorso a nuove installazioni privilegiando comunque metodologie di intervento innovative e a basso impatto ambientale.

La rete di Martina Franca raggiungerà circa 10mila chilometri di cavi in fibra ottica con la fine dei lavori calendarizzata entro 18 mesi.

La connettività garantita da Open Fiber permette di abilitare servizi che vanno a beneficio della comunità, fra cui il potenziamento della resa dello smart working, della didattica a distanza e della telemedicina: non vanno dimenticati i benefici per i servizi evoluti cittadini come la videosorveglianza o la gestione intelligente dell’illuminazione pubblica.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationAl via la stesura della rete in fibra ottica di Open Fiber a Martina Franca
Vai all'articolo

Open Fiber accelera la copertura in fibra ottica delle scuole italiane

No comments

La rete in fibra ottica in modalità FTTH di Open Fiber è sempre più diffusa sul territorio italiano, soprattutto nelle scuole dove l’azienda ha consolidato un programma di copertura prioritario al fine di consentire agli istituti scolastici di poter godere delle migliori prestazioni per la didattica presente e futura.

Insegnanti e studenti, grazie ad una connettività performante, possono sfruttare al meglio le nuove opportunità offerte dalla didattica a distanza: per questo motivo Infratel, la società partecipata del MiSE, ha indetto il bando Piano Scuole che prevede la possibilità per i plessi scolastici di chiedere una connessione simmetrica in fibra fino ad 1 Gigabit al secondo del tutto gratuita per un periodo di 5 anni dalla data di attivazione.

Si tratta di un impegno significativo che punta a garantire a quanti più possibile il diritto allo studio nella scuola del domani in cui il digitale sarà protagonista.

L’elenco completo delle scuole cablate e subito attivabili è consultabile nella pagina dedicata.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationOpen Fiber accelera la copertura in fibra ottica delle scuole italiane
Vai all'articolo

A Modica partono i lavori per cablare la città con la fibra ottica di Open Fiber

No comments

Open Fiber ha siglato l’accordo con il Comune di Modica per la realizzazione di una rete di telecomunicazioni interamente in fibra ottica in grado di soddisfare le esigenze di connettività di cittadini, imprese ed Enti locali del territorio comunale.

Grazie ad un intervento di cablaggio non invasivo e a basso impatto ambientale, che sfrutta ove possibile i cavidotti e le reti preesistenti, Open Fiber è pronta a rendere disponibile la propria infrastruttura di rete in modalità FTTH (Fiber To The Home).

L’avvio dei lavori è subordinato ad un intervento di circa 6 milioni di euro per cablare 17mila unità immobiliari tramite 10mila chilometri di cavi in fibra ottica ed un fine lavori entro 18 mesi.

Grazie alla fibra la Città di Modica si troverà proiettata nel futuro con l’accesso a nuovi servizi che vanno a beneficio dell’intera collettività come la telemedicina, la videosorveglianza urbana, il monitoraggio energetico intelligente o l’educazione a distanza.

Già nei prossimi mesi i cittadini potranno richiedere l’attivazione della fibra ottica per la propria utenza dopo aver verificato la copertura del proprio indirizzo sul sito openfiber.it.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa sul sito di Open Fiber.

Smart NationA Modica partono i lavori per cablare la città con la fibra ottica di Open Fiber
Vai all'articolo

Open Fiber collega Imperia alla propria rete in fibra ottica

No comments

Imperia può finalmente beneficiare della velocità garantita dall’infrastruttura di rete interamente in fibra ottica di Open Fiber: l’azienda ha infatti ultimato la copertura di oltre 2000 unità immobiliari del quartiere di Oneglia, il primo di una serie di aree urbane raggiunte dalla nuova rete che verrà conclusa nel 2022.

I cittadini possono quindi richiedere l’attivazione della fibra ottica in modalità FTTH ad uno dei partner commerciali di Open Fiber e navigare così alla velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo.

La connettività di Open Fiber consente inoltre a scuole, aziende e uffici pubblici di compiere un vero e proprio salto tecnologico permettendo un miglioramento significativo allo smart working, alla didattica a distanza ma anche l’introduzione di nuove opportunità come la telemedicina o i servizi intelligenti tipici delle smart city.

La rete di Open Fiber a Imperia prevede un’estensione di circa 70 chilometri con un investimento totale di circa 5 milioni di euro: i lavori di cablaggio sono stati progettati all’insegna della massima sostenibilità.

L’investimento a carico di Open Fiber nella città di Imperia ammonta a 5 milioni di euro, e verrà posata una rete a banda ultra larga di circa 70 chilometri.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationOpen Fiber collega Imperia alla propria rete in fibra ottica
Vai all'articolo

Open Fiber collega i piccoli borghi della Toscana

No comments

La rivoluzione infrastrutturale di Open Fiber che ha come obiettivo il collegamento di tutta Italia con un’unica grande rete in fibra ottica diventa protagonista in Toscana e interessa i piccoli borghi che sono storicamente rimasti tagliati fuori dall’interconnessione.

Nelle aree bianche delle Regione Toscana infatti, Open Fiber sta realizzando un’infrastruttura in banda ultra larga che vuole servire in modalità FTTH le zone periferiche e i borghi rurali dove i cittadini potranno finalmente navigare a una velocità di connessione fino a 1 gigabit al secondo.

Il progetto viene sviluppato nell’ambito dei bandi Infratel del piano BUL e coinvolge oltre 450 mila unità immobiliari in FTTH e FWA in 254 Comuni del territorio regionale: entro fine anno il servizio sarà disponibile complessivamente in 113 comuni tra FTTH e FWA.

La nuova infrastruttura rappresenta il rilancio dei piccoli comuni, la cui economia e il cui turismo stanno soffrendo moltissimo per le chiusure imposte dalla pandemia.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationOpen Fiber collega i piccoli borghi della Toscana
Vai all'articolo

Como, la fibra ottica di Open Fiber raggiunge le prime unità immobiliari

No comments

L’infrastruttura di rete in fibra ottica in modalità FTTH di Open Fiber è disponibile a Como: risultano connesse 8.500 unità immobiliari che possono fruire dei servizi innovativi garantiti dalla rete ad alta velocità e bassa latenza.

I cittadini di Como possono quindi interfacciarsi con i partner commerciali di Open Fiber per richiedere di essere allacciati all’infrastruttura veloce e navigare su internet ad una velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo.

I primi quartieri cittadini ad essere cablati sono quelli di Borghi, Garzola e Como est, mentre sono iniziati i lavori per la copertura di Como Centro e Como ovest con un piano che prevede il cablaggio di oltre 28mila case e uffici tramite un investimento di circa 10 milioni di euro finalizzato a posare una rete a banda ultra larga di oltre 150 chilometri.

Di tutta la rete, ben il 40% verrà realizzato mediante il riutilizzo di infrastrutture e cavidotti già esistenti onde abbattere l’impatto ambientale.

La rete di Open Fiber è orientata all’utilizzo per diverse attività fra cui la telemedicina, l’Internet of Things e per usufruire di tutte le applicazioni online della PA cui l’Amministrazione comunale di Como risulta essere particolarmente sensibile.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationComo, la fibra ottica di Open Fiber raggiunge le prime unità immobiliari
Vai all'articolo

Ad Asti proseguono i lavori di Open Fiber per la rete in fibra ottica

No comments

Ad Asti i lavori di posa dell’infrastruttura in fibra ottica di Open Fiber in modalità FTTH continuano la propria espansione: ben 14mila unità abitative risultano già connesse con la copertura dei quartieri San Pietro, San Lazzaro, San Paolo, San Rocco, Don Bosco e Tanaro.

I quartieri di San Silvestro e Cattedrale sono in fase di copertura mentre in zona Santa Maria Nuova i lavori sono in ultimazione.

La rete, con un totale di circa 45km che collegano case e uffici in modalità FTTH, è frutto della convenzione con il Comune di Asti per raggiungere un totale di 28mila unità immobiliari e supportare la cosiddetta Gigabit Economy che necessita di larghezze di banda rilevanti.

Anche la pandemia ha ovviamente imposto una maggiore attenzione sulla fibra ottica come veicolo per rendere possibile il lavoro agile di migliaia di lavoratori e la fruizione da remoto di una serie risorse indispensabili per consentire il funzionamento dell’economia digitale.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa di Open Fiber.

Smart NationAd Asti proseguono i lavori di Open Fiber per la rete in fibra ottica
Vai all'articolo