Take The Date, la piattaforma per tutti gli eventi politici ed economici in Italia

No comments

Se siete interessati alla politica italiana e agli eventi ad essa collegati anche in ambito economico, vi sarà capitato di fare fatica nel destreggiarvi nella giungla di convegni, conferenze stampa, eventi istituzionali, presentazioni di libri ad essa dedicati.

Non esisteva infatti un unico archivio centralizzato che faccia ordine nella materia catalogando gli avvenimenti più importanti, fino ad oggi.

Nomos Centro Studi Parlamentari ha infatti creato la soluzione digitale al problema.

Si tratta di Take The Date, una piattaforma interamente gratuita e unica nel suo genere che è in grado di segnalare tutti gli eventi politici ed economici a carattere istituzionale che si svolgono in Italia.

Gli eventi sono divisi in base a specifiche macroaree fra cui: energia, ambiente, sanità, politica, TLC, PA, lavoro e trasporti.

Gli eventi sono ricercabili tramite il motore di ricerca interno, ordinabili per data

Take The Date, non solo lettura ma anche segnalazione

Inoltre, grazie alla funzione di segnalazione, è possibile inserire un evento che, dopo essere stato verificato, verrà pubblicato gratuitamente sul portale a beneficio di tutti i visitatori.

Ogni venerdì pomeriggio, tutti gli utenti iscritti potranno ricevere inoltre una newsletter informativa contenente informazioni utili sui prossimi eventi calendarizzati in funzione delle categorie di interesse.

Smart NationTake The Date, la piattaforma per tutti gli eventi politici ed economici in Italia
Vai all'articolo

SMAU, la nuova edizione è all’insegna della condivisione

No comments

L’innovazione senza la condivisione perde molto del proprio potenziale.
Sulla base di questo assunto parte la nuova edizione di SMAU che da una fiera tecnologica si è evoluta nel corso del tempo in un appuntamento in cui la centralità è appunto la condivisione della conoscenza con l’incontro e il confronto di diverse esperienze in ambito innovativo italiane ed estere.

Nato nel 1964 come Salone Macchine e Attrezzature per l’Ufficio, lo SMAU ha cambiato più volte pelle nel corso degli anni fino a diventare, con l’edizione attuale, un luogo in cui le grandi, medie e piccole imprese di qualsiasi settore produttivo, come per esempio l’agrifood e il manifatturiero, possono trovare nuove opportunità e strumenti di lavoro per aumentare l’efficienza e la competitività in chiave digitale.

In tal senso è utile conoscere le strategie e le iniziative che grandi aziende hi tech come Cisco, Enel, Intel, QVC, Zambon stanno sviluppando in Italia e che verranno illustrate in un evento di Open Innovation.

Durante SMAU Sono previsti 250 workshop brevi, di meno di un’ora l’uno, dedicati alla formazione con professionisti indipendenti, docenti, formatori specializzati ed esperti di grandi aziende.
Gli argomenti sono svariati: Datacenter, Infrastrutture, soluzioni di Backup, Networking, Cloud Computing, Information Security, IoT, Big Data, Cybercrime, Business Continuity.

Spazio anche al RGPD

Durante la tre giorni di SMAU sarà prevista anche un’occasione per riflettere e discutere anche sul Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (RGPD), con il quale la Commissione europea intende supportare attivamente la protezione dei dati personali dei cittadini dell’Unione all’interno e all’esterno dei propri confini.

Il RGPD è già in vigore ma attualmente il 70% delle imprese italiane non risultano essersi adeguate: c’è tempo fino a maggio 2018 da quando scatterà il profilo sanzionatorio e, per questo, è bene che gli imprenditori ne siano debitamente informati.

Nei tre giorni di SMAU saranno presenti a Fieramilanocity 400 aziende, tra cui 250 startup.

Smart NationSMAU, la nuova edizione è all’insegna della condivisione
Vai all'articolo

L’Estonia si prepara ad avere una propria moneta digitale

No comments

L’Estonia si prepara ad essere la prima nazione al mondo ad avere una propria moneta digitale in grado di essere utilizzata per scambi globali.

Il Paese, nel corso dell’ultimo ventennio, è diventato il più tecnologico d’Europa grazie ad una serie di misure ma soprattutto una visione lungimirante del proprio Governo: si contraddistingue infatti per una presenza massiccia e diffusa della banda larga, una grande concentrazione di popolazione e talenti (soprattutto nella città di Tallin), molte agevolazioni per chi è interessato ad avviare una nuova attività in particolare modo se tecnologica e infine un programma di cittadinanza digitale fra i più innovativi e avanzati al mondo.

Vale la pena infatti ricordare che nel 2015 l’Estonia ha lanciato la propria eResidency, ossia una residenza elettronica per cui chiunque può diventare cittadino estone e aprire un’impresa in poco tempo senza dover effettuare fisicamente alcun ingresso nel Paese.

Non solo, nel giugno 2017 ha annunciato di essere in procinto di aprire un primo data center in Lussemburgo, per garantire la ridondanza di dati in caso di attacco o disastro, che avrà le medesime regole di protezione e autonomia che si applicano ad ambasciate estere.

Est Coin, la prima valuta digitale creata da uno Stato

Ora, in affiancamento alla residenza elettronica, è la volta della moneta elettronica.

Si chiama Est Coin ed è, a tutti gli effetti, la prima moneta virtuale creata da uno Stato: l’infrastruttura digitale sarà finanziata, sviluppata e regolata dal governo estone.

L’Est Coin sarà una valuta utilizzabile a livello globale, come confermato dal blog di Kaspar Korjus, il direttore del programma di eResidency del Governo estone, e il progetto è supportato anche dal fondatore del sistema per le transazioni monetarie Ethereum.

La sicurezza sarebbe garantita, oltre che dai soliti protocolli di sicurezza in materia di valute digitali, anche dal fatto che gli unici a poter gestire la moneta virtuale estone potrebbero essere coloro i quali siano in possesso di un’identità digitale estone affinché, appunto, il sistema di transazioni sia del tutto trasparente e affidabile.

Smart NationL’Estonia si prepara ad avere una propria moneta digitale
Vai all'articolo

Casa del cittadino, a Bari una piattaforma digitale per governare meglio il Comune

No comments

Il Comune di Bari, all’interno del programma di digitalizzazione dei processi amministrativi, sta progettando una serie di iniziative grazie alle risorse del Programma Operativo Nazionale per Città Metropolitane 2014-2020.

Fra queste spicca il progetto che l’Amministrazione locale ha battezzato come Casa del cittadino che rappresenta il cuore dell’Agenda Digitale del Comune di Bari 2016-2018.

Si tratta di un’iniziativa che punta a rivoluzionare il rapporto tra amministrazione e cittadini incentivando la piena partecipazione digitale sulle priorità della città grazie a strumenti tecnologici in grado di favorire il dibattito pubblico.

L’obiettivo è uno snellimento, nella massima trasparenza, del dialogo tra istituzioni e portatori di interesse locali.

Casa del cittadino: un luogo virtuale per esaltare la partecipazione alla vita della città

La Casa del cittadino del Comune di Bari punta ad attivare ambienti di discussione virtuali sui principali temi dell’agenda urbana dotando i cittadini di strumenti come le petizioni online, laboratori di co-progettazione, le consultazioni certificate o il crowdfunding civico.

In questo modo i cittadini potranno esprimere le proprie opinioni orientando le scelte dell’Amministrazione nel pieno rispetto dell’autonomia del Comune e del bisogno evidente di valorizzazione della partecipazione civica ai processi decisionali.

Si può parlare quindi di una vera e propria piattaforma abilitante dedicata alla eDemocracy che il Comune di Bari sta integrando in modo nativo nel portale comunale al fine di garantire il pieno esercizio dei diritti di cittadinanza digitale a quanti vorranno fornire pareri sull’operato dell’Amministrazione o elaborare proposte in forma singola o collaborativa che partano dal basso.

Smart NationCasa del cittadino, a Bari una piattaforma digitale per governare meglio il Comune
Vai all'articolo

Online il portale open data della Regione Siciliana

No comments

La Regione Siciliana ha pubblicato il proprio portale ufficiale dedicato agli open data con l’intenzione di creare le fondamenta per un modello di open government data dell’intero territorio regionale.

Il portale, raggiungibile al sito dati.regione.sicilia.it è uno strumento di primaria importanza per la corretta valorizzazione del patrimonio informativo pubblico.

Esso infatti consente di poter consultare dati pubblici in formato aperto e incentivarne il riuso per favorire trasparenza e facilità di accesso alle informazioni prodotte ed elaborate dalla PA regionale.

La piattaforma tecnologica si basa sulla soluzione open source CKAN (Comprehensive Knowledge Archive Network) sviluppata dalla organizzazione no profit Open Knowledge Foundation ed adottata anche da varie altre regioni italiane tra le quali Emilia Romagna, Toscana, Sardegna, Marche, Basilicata, Lazio, Puglia, Umbria e Veneto.

Open data per tutto il territorio

Si tratta dell’avvio di un progetto ad ampio respiro che vuole portare gradualmente ad arricchire la capacità del territorio siciliano di catalizzare dataset

L’obiettivo progettuale è la pubblicazione, attraverso un processo graduale, di dataset di titolarità della Regione Siciliana e di altre pubbliche amministrazioni del territorio regionale che consentano la realizzazione di sinergie con tutti i soggetti, anche privati, coinvolti nell’erogazione dei servizi pubblici.

Il portale open data della Regione Siciliana si inquadra nelle iniziative concernenti l’Agenda Digitale regionale all’interno delle misure previste dal Piano triennale per l’informatica nella PA 2017 – 2019 (Allegato 5 – Paniere dataset open data, componente regionale) ed è curato dall’Assessorato dell’economia con il supporto dell’Ufficio per l’attività di coordinamento dei sistemi informativi regionali e l’attività informatica della Regione e delle pubbliche amministrazioni regionali.

Smart NationOnline il portale open data della Regione Siciliana
Vai all'articolo

SPC, al via la federazione delle infrastrutture digitali della PA

No comments

La Pubblica Amministrazione italiana si dota di un nuovo strumento a vantaggio dei cittadini per snellire l’erogazione dei servizi digitali e attuare la propria trasformazione digitale.

Grazie all’accordo relativo al Lotto 4 del contratto quadro del Sistema Pubblico di Connettività tra il raggruppamento temporaneo d’imprese (Almaviva, Almawave, Indra e PwC) e Consip, si completa l’iter che prevede la possibilità, da parte della PA, di richiedere l’attivazione di portali e servizi digitali.

Il vantaggio è che ogni PA, dal Ministero fino al piccolissimo Comune, può effettuare la richiesta di attivazione di uno specifico servizio on line che verrà abilitato nel giro di un paio di mesi dalla richiesta senza dover passare attraverso l’iter burocratico di gare e aggiudicazioni, spesso fonte di ricorsi e lungaggini amministrative. e abbattendo i costi.

La piattaforma permetterà ai cittadini e alle imprese di accedere a ciascun servizio abilitato anche con un’applicazione attraverso il proprio smartphone o tablet.

I servizi digitali attivabili riguardano settori nevralgici come l’anagrafe (fra cui la richiesta dei certificati, residenza, stato civile, …), il controllo dei tributi, il pagamento delle multe ma anche l’accesso al fascicolo digitale del cittadino, quello sanitario elettronico, l’interazione con i Centri Unici per la Prenotazione (CUP) e l’accesso ai musei.

SPC: un sistema per l’abbattimento dei costi della PA relativi al digitale

Grazie a questa nuova opportunità, la PA si appresta ad eliminare le soluzioni in-house di ogni singolo ente e garantire l’interoperabilità dei sistemi che saranno perfettamente integrati con SPID e la piattaforma PagoPA.

Qualunque Comune, sia esso una grande città come Milano o un piccolo Comune della provincia, potrà avere i medesimi servizi.

Le Pubbliche Amministrazioni interessate potranno aderire al contratto quadro tramite l’apposito sito www.spclotto4.it presentando un piano dei fabbisogni.

Smart NationSPC, al via la federazione delle infrastrutture digitali della PA
Vai all'articolo

Dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un dataset relativo alle patenti di guida

No comments

Continua la pubblicazione di dati aperti da parte della Pubblica Amministrazione: questa volta tocca al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che, sul portale dedicato ai dati aperti, ha pubblicato un nuovo dataset relativo alle patenti di guida.

Si tratta di un archivio contenente l’elenco delle patenti di guida attive, ossia le autorizzazioni amministrative alla guida di autoveicoli e motoveicoli, prelevato dal database nazionale gestito dalla Motorizzazione Civile per gli individui abilitati alla guida su strada.

Le patenti di guida in formato aperto e suddivise per regione

I dati contenuti nell’archivio pubblicato, aggiornati al 26 maggio scorso, sono divisi per Regioni e permettono moltissime elaborazioni in virtù della grande mole di informazioni contenute: sono infatti presenti le date di rilascio, i punti complessivi, l’età dei conducenti e così via.

Delle 38.731.069 patenti attive in Italia, la Lombardia detiene il primato con 6,4 milioni di patenti pari al 16,64% del totale, seguita dal Lazio con 3,7 milioni, pari al 9,67%.

Seguono Campania, Veneto e Sicilia tutte con poco più di 3 milioni di patenti di guida attive.

Dalle informazioni ricavate, dal nuovo dataset si scopre che il 58,23% delle patenti (oltre 22,5 milioni) appartiene a conducenti tra i 45 anni fino a oltre 65 anni mentre il 19% dei conducenti è tra i 35 e i 44 anni, il 14% tra i 25 e i 34 anni e infine circa un 8% per le persone al di sotto dei 25 anni.

Gli italiani sono piuttosto virtuosi alla guida, con circa il 54,49% degli aventi diritto con il massimo di 30 punti, mentre il 43% hanno tra i 29 e i 20 punti patente.

Risulta prossimo allo 0 il dato dei guidatori con un numero esiguo di punti compreso tra 9 e zero.

Smart NationDal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un dataset relativo alle patenti di guida
Vai all'articolo

FatturaPA, cresce l’utilizzo della fattura elettronica

No comments

La fatturazione elettronica è un processo che riscuote un discreto successo: dal giugno 2014 si calcolano oltre 55 milioni di fattura elettroniche gestite dalle amministrazioni, di cui 30 milioni soltanto nel 2016.

Oltre 1 miliardo di risparmi annui per le PA italiana, ma anche un tasso di adozione in crescita fra le aziende con quasi il 30% di queste che impiegano i sistemi elettronici: una percentuale significativa più elevata della media UE che si attesta sul 18%.

I maggiori benefici sono a carico degli enti locali dal momento che quasi la metà degli uffici destinati alla fatturazione elettronica appartiene alla macchina della Pubblica Amministrazione comunale o a consorzi ad essa collegati.

Dal 2014 al 2016 il tasso di adozione presso gli uffici è quasi raddoppiato: da quota 30.000 a quota 56.800.

FatturaPA: non solo per la PA ma anche per le imprese

Il successo di FatturaPA si misura però non solo nella Pubblica Amministrazione: FatturaPA risulta oggi molto diffusa anche tra le imprese italiane di diversa dimensione tenendo conto che solo dalle PMI sono state emesse quasi 2 milioni di fatture nello scorso biennio.

Stando all’ultimo report del DESI, l’Italia raggiunge quindi il quarto posto tra i Paesi UE per l’uso della fatturazione elettronica che, da gennaio 2017, è stato adeguata nelle procedure per permettere che venga usata anche tra privati attraverso il Sistema di interscambio.

Smart NationFatturaPA, cresce l’utilizzo della fattura elettronica
Vai all'articolo

Giustizia, cosa cambia con il Piano Triennale

No comments

La digitalizzazione del sistema giudiziario è un passo imprescindibile per lo snellimento della Pubblica Amministrazione e per il rilancio del Paese.

Si tratta certo di un aspetto strategico per il destino dell’Italia tanto che vi sono diversi riferimenti nel Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione messo a punto da Agid in collaborazione con il Team digitale di palazzo Chigi guidato da Diego Piacentini e approvato lo scorso 31 maggio.

In primo luogo la riservatezza delle intercettazioni entra a pieno titolo nel Piano Triennale con specifiche previsioni per rendere sicuro ma anche tracciabile ogni passaggio di mano delle suddette.

Ma anche policy di cybersicurezza, multi video conferenza, pagamenti telematici e portali web per la gestione di alcune procedure giudiziarie.

La vera rivoluzione però risiede nella destrutturazione degli interventi sulla base di specifiche aree di interesse o ecosistemi: dalla sanità all’agricoltura, dalla scuola ai beni culturali.
Ciascuna area può includere diversi domini che coinvolgono enti e organismi pubblici ma anche soggetti privati che operano nella stessa area di interesse per il raggiungimento di obiettivi comuni attraverso la condivisione delle esigenze e delle modalità operative, la condivisione delle differenti competenze e la pianificazione e la realizzazione di progetti ICT.

Così ad esempio l’ecosistema Finanza pubblica che include l’Agenzia delle Entrate, le Regioni, la Guardia di Finanza e, lato soggetti privati, commercialisti, CAF, avvocati e fiscalisti.

L’ecosistema Giustizia nel Piano Triennale

Nel caso dell’ecosistema Giustizia si attende la nomina di un Responsabile per la transizione alle modalità operative digitali e l’istituzione di un Gruppo di Lavoro per la gestione e lo sviluppo tecnologico dell’ecosistema stesso.

Le progettualità saranno legate al Processo civile telematico, al Processo tributario telematico, al Processo penale telematico, al Processo amministrativo telematico nonché alla costituzione dei Punti di accesso per fornire ai soggetti abilitati esterni all’ecosistema i servizi di connessione al portale dei servizi telematici.

Inoltre è prevista l’adesione al sistema PagoPa per il pagamento del contributo unificato e spese di giustizia, alla modifica delle reti di trasporto delle intercettazioni per garantire sicurezza e alla conservazione degli atti giudiziari.

A settembre invece sarà operativo il Portale delle vendite giudiziarie.

Smart NationGiustizia, cosa cambia con il Piano Triennale
Vai all'articolo

Open Data Barometer, l’Italia avanza nell’uso degli open data

No comments

L’importanza dei dati aperti per un Paese è elevatissima perché sono lo strumento tecnologico di eccellenza per la partecipazione alla vita pubblica.

Essi infatti permettono, in assoluta trasparenza, di rendere pubbliche le azioni degli amministratori affinché i cittadini possano tenere sotto controllo quanto accade alla propria città, regione o Paese non solo a livello di Pubblica Amministrazione ma anche in altri ambiti, dai trasporti ai cantieri.

Ma il vero valore degli open data è nel riuso che ne viene fatto, dai cittadini, dalle imprese e soprattutto da analisti e giornalisti.

La quarta edizione del rapporto realizzato da Open Data Barometer, l’organizzazione internazionale che monitora l’adozione e l’utilizzo degli open data da parte dei vari Paesi, vede l’Italia risalire di una posizione, passando dal 21° al 20° posto su 115 Stati, davanti la Finlandia e subito dopo la Svizzera.

Un risultato incoraggiante alla luce delle politiche portate avanti sino ad ora nel nostro Paese.

La classifica vede in testa il Regno Unito, seguito da Canada e Francia: gli Stati Uniti quarti.

Open Data: criteri standard per tutti

Open Data Barometer ha stabilito dei criteri di giudizio riportati nella Carta degli open data che i Paesi monitorati hanno sottoscritto, che spiega e propone la cultura e la pratica degli open data affinché persista, ad esempio, al cambiamento politico.

La classifica si basa su sei criteri principali:l’offerta dei data set chiave come quelli relativi ai bilanci governativi, la loro completezza e frequenza di aggiornamento, l’uso di una licenza aperta, la pubblicazione in un formato leggibile e riutilizzabile, l’incidenza sul miglioramento dell’efficienza del governo e infine quello sull’innovazione e lo sviluppo derivato dal riutilizzo dei dati aperti.

Smart NationOpen Data Barometer, l’Italia avanza nell’uso degli open data
Vai all'articolo