Progetto IO, anche Torino entra nella sperimentazione

No comments

Progetto IO è un’ambiziosa iniziativa promossa dal Team per la Trasformazione Digitale che intende rendere la Pubblica Amministrazione a portata del cittadino tramite un’applicazione, mobile by design (ossia concepita per l’utilizzo da dispositivi mobili come smartphone e tablet).

IO propone un cambio di paradigma nell’erogazione dei servizi della PA, portando il cittadino al centro del processo: tutti gli enti pubblici locali e nazionali potranno contattare direttamente i singoli cittadini via smartphone avvertendoli delle prossime scadenze come i tributi oppure per condividere informazioni relative alle pratiche in corso o ai servizi richiesti.

Trattandosi di un progetto attualmente allo stadio sperimentale è necessario che vi sia una base di utenti interessati a provare le opportunità offerte dall’applicazione e, in tal senso, è in corso una closed beta (beta testing a invito) per identificare i candidati più idonei a questa sperimentazione.

Alla chiamata ha risposto Torino, che si unisce a Milano e ad altri Comuni, come quelli del Veneto, per fornire la propria base di cittadini interessati a provare in anteprima il servizio.

I cittadini selezionati fra quelli richiedenti potranno provare la app nella vita di tutti i giorni interagendo con una prima serie di servizi reali ed effettuando operazioni e pagamenti validi a tutti gli effetti: l’invito è rivolto a tutti i torinesi residenti nel capoluogo piemontese in possesso di uno smartphone Android o iOS e di un’identità digitale SPID per accedere all’app.

Per candidarsi è sufficiente compilare il modulo online disponibile a questo link e inserendo il codice invito 4003.

Smart NationProgetto IO, anche Torino entra nella sperimentazione
Vai all'articolo

SPID, superata quota quattro milioni

No comments

Le identità digitali SPID superano quota quattro milioni, di fatto raddoppiando rispetto all’anno precedente.

Il rapido incremento è sicuramente dovuto ad una serie di agevolazioni, da Dote Scuola al Reddito di cittadinanza, messe in atto dalle Regioni e dal Governo e che nella gran parte dei casi richiedono l’iter digitale per essere correttamente finalizzate.

Dal momento che SPID è il metodo principe ormai per autenticarsi sui servizi della PA, non stupisce che la richiesta delle suddette credenziali sia aumentato in modo vertiginoso.

Basti pensare che a gennaio di quest’anno il numero delle identità digitali SPID era fermo a quota 3,4 milioni.

Non è ancora un risultato in linea con le prime aspettative al lancio del servizio ma c’è anche da dire che il numero di servizi e le PA aderenti sono ancora ferme alle circa 4 mila da grossomodo un paio d’anni: per questo motivo è lecito aspettarsi che i cittadini non sentano il senso di urgenza nel registrare la propria identità digitale cosa che avverrebbe più facilmente se, per esempio, ci fosse un servizio privato di grande richiamo (es. banche, trasporti, …) che utilizzi SPID come sistema di autenticazione.

Lo stato di avanzamento della diffusione delle identità digitali come di altri servizi legati al processo di trasformazione digitale dello Stato italiano si può tenere sotto controllo tramite un apposito sito avanzamentodigitale.italia.it.

Ricordiamo che il vantaggio di SPID è legato all’avere un’unica modalità di accesso per accedere a tutti i siti della PA: per ottenerlo è sufficiente possedere un indirizzo mail, un numero di cellulare, un documento d’identità valido e la tessera sanitaria con codice fiscale.

Gli Identity Provider, ossia le aziende interessate che possono erogare le credenziali SPID si trovano a questo indirizzo e sono nove al momento: Aruba, Infocert, IntesaId, Lepida, Namirial, Tim, Poste Italiane, Sielte, SpidItalia.

Smart NationSPID, superata quota quattro milioni
Vai all'articolo

Pubblicato il decalogo dedicato alla digitalizzazione dei Comuni

No comments

Il Team per la Trasformazione Digitale viene in soccorso alle PA locali e in particolare agli 8000 Comuni italiani impegnati nel percorso di digitalizzazione che, per molti versi, è spesso lungo e tortuoso.

La trasformazione digitale richiede certo un cambiamento di paradigma e importanti investimenti ma, di fatto, è una strada obbligata che, nel medio periodo, porta significativi vantaggi agli amministratori e ai cittadini.

Tramite un decalogo realizzato ad hoc, i Comuni hanno una guida chiara circa le aree su cui concentrare i propri sforzi per impostare il proprio cambiamento.

ANPR
L’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) è lo strumento fondamentale per la creazione di un’anagrafe unica nazionale con un passaggio immediato ad un sistema centralizzato più efficiente, sicuro, aggiornato e interconnesso: ogni Comune dovrebbe subentrarvi.

PagoPA
Lo strumento principale per gestire i pagamenti di multe, TARI, rette e ogni altro incasso che la Pubblica Amministrazione deve effettuare: rappresenta la piattaforma ideale per snellire le operazioni di pagamento e ogni Comune dovrebbe agganciare i propri sistemi ad esso.

SPID
Il Sistema Pubblico di Identità Digitale permette di riconoscere in modo universale il cittadino nel proprio dialogo digitale con la PA.

CIE
La Carta d’Identità Elettronica è il documento di identità sicuro e digitale che sostituisce la vecchia versione in cartaceo e fornisce nuove opportunità.

Open Source
Il software realizzato deve essere reso disponibile in open source e in generale questo deve essere privilegiato, a parità di condizioni, rispetto ad altre soluzioni come un prodotto proprietario.

Cloud
Il cloud è la soluzione più indicata per ospitare piattaforme scalabili piuttosto che organizzare, gestire e proteggere server e locali proprietari.

Servizi digitali
L’integrazione dei servizi sopra esposti, come SPID, PagoPA e ANPR, permette di creare un vero e proprio ecosistema di servizi digitali in grado di migliorare la vita dei cittadini senza doverli costringere ogni volta a recarsi agli sportelli del Comune innescando un risparmio in termini di personale.

Design
L’omologazione dell’esperienza utente di tutti i servizi della Pubblica Amministrazione seguendo un unico standard che consenta a tutti di uniformare le modalità comunicative ed evitare la parcellizzazione delle interfacce grafiche che crea problemi di comprensione all’utenza.

IO
Tramite il progetto IO si crea un canale proattivo della PA per veicolare servizi al cittadino attraverso smartphone dialogando in modo semplice, efficiente e veloce.

Open Data
I Comuni devono usare i propri dati e renderli accessibile in ottica del riuso creando valore per la comunità e consentendole di creare valore e opportunità rilevanti.

Per maggiori informazioni, il contenuto originario è disponibile qui.

Smart NationPubblicato il decalogo dedicato alla digitalizzazione dei Comuni
Vai all'articolo

Agi e Censis inquadrano il livello di interazione digitale tra cittadini e PA

No comments

In Italia la Pubblica Amministrazione non è in grado di raggiungere in maniera soddisfacente i cittadini a causa di una sostanziale arretratezza nello sviluppo dei sistemi che consentano di dialogare digitalmente con la popolazione.

L’ultimo rapporto Agi-Censis delinea un quadro allarmante circa il livello di interazione digitale tra cittadini e PA: nel 2018 solo il 24% degli italiani ha dichiarato di essere riuscito ad interagire con la PA attraverso strumenti telematici.

Il dato è indicativo dello stato di digitalizzazione del Paese e di diffusione di competenze digitali fra la popolazione che tende a snobbare i canali internet: basti pensare che in Danimarca il 92% della popolazione è abituata a interfacciarsi con la PA digitalmente, seguono nella graduatoria i francesi (71%) e gli spagnoli (57%) con un valore medio nell’Unione Europea del 52%.

L’Italia fa quindi parte del fanalino di coda, davanti esclusivamente a Bulgaria e Romani, in modo non dissimile a quanto è accaduto per la valutazione effettuata dal DESI 2018.

Il motivo del ritardo, secondo l’analisi Agi-Censis realizzata nell’ambito del programma pluriennale Diario dell’Innovazione, è da rintracciare in parte sulla scarsa conoscenza dei processi in atto ma soprattutto della sostanziale assenza di competenze digitali diffuse nella popolazione.

Gli italiani infatti vivono in un mondo analogico, la trasformazione digitale della PA è certamente iniziata a riprova dei grandi cambiamenti in positivo effettuati negli ultimi cinque anni ma storicamente i cittadini portano in dote una diffidenza e una scarsa dimestichezza con le nuove tecnologie.

Per vincere questo ostacolo si può lavorare sull’alfabetizzazione digitale, come il progetto di Casa Digitale tenta di fare, ma soprattutto si dovrebbe lavorare sul design dei servizi: l’esperienza di interazione con la PA dovrebbe essere semplice quanto effettuare un acquisto su Amazon.

In un Paese che invecchia infatti il ritardo d’innovazione si può vincere esclusivamente ripensando le modalità organizzative dei processi senza disperdersi in azioni che catalizzino esclusivamente il consenso politico locale, cosa che invece è prassi diffusa e che va contro l’idea di armonizzazione e omologazione di processi su scala nazionale.

Il simbolo di questa resistenza è, per esempio, nella difficoltà di armonizzare un’anagrafe centralizzata (ANPR) o nelle resistenze delle PA locali a non dialogare fra loro.

Siamo quindi ancora all’inizio di un percorso lungo e tortuoso.

Smart NationAgi e Censis inquadrano il livello di interazione digitale tra cittadini e PA
Vai all'articolo

La Polizia Municipale di Palermo passa all’uso dello smartphone

No comments

La Polizia Municipale di Palermo abbandona la carta e passa alla nuova procedura di verbalizzazione interamente digitale.

Grazie all’uso degli smartphone in dotazione infatti, gli agenti potranno assolvere ai loro compiti di controllo sanzionando i trasgressori delle norme del codice della strada comprese le violazioni della sosta.

Tramite smartphone infatti un agente impegnato sul territorio può verificare in tempo reale, tramite scansione della targa del veicolo, le informazioni relative alla vettura come per esempio la copertura assicurativa, la scadenza della revisione o l’eventuale permesso di sosta.

La scansione può avvenire tramite fotocamera o anche con sistemi alternativi come l’inserimento vocale o digitando direttamente il numero sul dispositivo.

La strumentazione digitale a disposizione degli agenti è corredata di un apposito software in grado di garantire la piena operatività in mobilità compresa l’evasione di tutti gli atti amministrativi: grazie all’interconnessione con il sistema centrale inoltre e l’uso di apposite stampanti termiche portatili, l’agente potrà consegnare il verbale al contravventore.

Il ricorso a questa riorganizzazione grazie al digitale consente di ridurre i costi e aumentare l’efficienza della macchina burocratica permettendo anche ai cittadini di trovare online quasi in tempo reale i verbali di contravvenzione che saranno saldabili anche tramite internet.

Smart NationLa Polizia Municipale di Palermo passa all’uso dello smartphone
Vai all'articolo

I servizi digitali del Comune di Firenze coinvolgono le edicole

No comments

Gli edicolanti diventano parte attiva nella filiera dei servizi digitali del Comune di Firenze: i cittadini infatti, al costo di sessanta centesimi di euro, potranno usufruire delle edicole presenti sul territorio comunale per ottenere l’emissione dei certificati richiedibili al Comune ed eventuali servizi di orientamento.

Questa è la decisione dell’Amministrazione fiorentina che intende disseminare la città di punti informativi digitali del Comune per assistere il cittadino circa i servizi che vengono forniti telematicamente e che spesso non vengono utilizzati dalla popolazione che potrebbe riscontrare difficoltà nell’uso.

Tutte le edicole interessate ad entrare a far parte del circuito di facilitazione possono avanzare richiesta al Comune di Firenze che fornirà il materiale necessario a diffondere le opportunità offerte da Firenze semplice, ossia l’insieme dei servizi digitali erogati dal Comune a imprese e cittadini.

Si tratta di un’iniziativa che, oltre a migliorare l’efficacia del Piano Firenze Digitale, porta ai soggetti coinvolti, ossia le edicole, nuove possibilità di introito: un progetto simile è stato realizzato dal Comune di Modena, ne avevamo parlato qui.

Smart NationI servizi digitali del Comune di Firenze coinvolgono le edicole
Vai all'articolo

Progetto IO, la Regione Veneto aderisce alla sperimentazione

No comments

Progetto IO è uno dei progetti di punta voluto dal Team per la Trasformazione Digitale: si tratta di un’applicazione, mobile by design (ossia concepita per l’utilizzo da dispositivi mobili come smartphone e tablet), che consente di rendere il cittadino al centro dei servizi della Pubblica Amministrazione.

La rivoluzione di Progetto IO è quella di permettere alla PA di essere non solo più facilmente raggiungibile al cittadino che può, a portata di tap, effettuare operazioni completamente dematerializzate ma anche essere proattiva avvertendolo, tramite notifiche, circa le prossime scadenze come per esempio i tributi o gli atti da effettuare.

Questo è possibile grazie all’integrazione con le varie risorse messe a disposizione dai principali Enti con cui i cittadini si trovano a dialogare durante la propria vita come per esempio i Comuni, l’ACI, l’INPS, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione e molti altri.

Progetto IO è attualmente in closed beta, ossia in fase di sperimentazione su invito, in alcuni Comuni dell’Italia.

Oggi è stato annunciato che la Regione Veneto è ufficialmente entrata nel percorso di sperimentazione ed è la prima regione italiana a salire a bordo del progetto.

I cittadini del Veneto potranno così in anteprima provare le funzioni previste per la piattaforma: verranno rilasciate a breve le informazioni necessarie per richiedere l’accesso e scaricare l’app.

Smart NationProgetto IO, la Regione Veneto aderisce alla sperimentazione
Vai all'articolo

Online il nuovo portale del Comune di Bergamo

No comments

Il Comune di Bergamo, dopo tre anni di lavoro, ha presentato presso Palazzo Frizzoni il proprio nuovo portale nell’ottica di semplificare il rapporto tra Amministrazione e cittadini.

Si tratta di un’iniziativa che punta ad un vero e proprio cambio di prospettiva dove la digitalizzazione rappresenta un passaggio indispensabile per consentire alla PA di essere più efficiente e rispondere più velocemente alle necessità della popolazione.

Tutti i servizi del Comune, a tendere, transiteranno online per consentire alla comunità di effettuare le operazioni a portata di clic.

Con il nuovo portale ben 510 servizi telematici saranno accessibili al cittadino che troverà, all’interno del sito internet, 355 uffici mappati: insieme ai nuovi servizi è avvenuta anche una riorganizzazione della precedente offerta telematica che ha portato a sopprimere sette siti web collaterali che sono stati riorganizzati.

Fra le novità incluse nel nuovo portale c’è la creazione dello sportello telematico polifunzionale: si tratta di uno sportello digitale che permette di presentare qualunque pratica rispettando e attuando le nuove disposizioni legislative previste in materia di trasparenza amministrativa e nella più completa dematerializzazione.

Il cittadino quindi potrà interagire con il Comune senza dover passare attraverso gli sportelli fisici comunali.

Il portale del Comune di Bergamo rispetta le linee guida di design dei servizi digitali della PA.

Smart NationOnline il nuovo portale del Comune di Bergamo
Vai all'articolo

ANPR, procede la diffusione tra i Comuni italiani

No comments

L’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) ha raggiunto i 4.000 Comuni, quasi la metà di quelli presenti sul territorio italiani: si tratta di un traguardo importante nella tabella di marcia che vede l’estendersi di quello che è considerato un tassello importantissimo per la digitalizzazione del Paese.

Nello specifico 1.765 Comuni sono già inseriti mentre altri 2.213 sono in fase di subentro: si stima che entro il 2019 si avrà la piena copertura del territorio con oltre 45 milioni di anagrafiche censite.

Il subentro in ANPR è infatti un passaggio dovuto per legge in forza del CAD, il Codice dell’Amministrazione Digitale, oltre ad essenziale per un Comune che abbia prospettive di volersi mantenere al passo con i tempi.

L’ANPR è un asset strategico per l’evoluzione della PA italiana perché permette di azzerare il flusso di documenti cartacei che tradizionalmente veniva ad originarsi durante le fasi di dialogo delle varie PA centrali e locali.

Grazie ad un certosino lavoro da parte del Team per la Trasformazione Digitale, ANPR è stata resa facilmente integrabile in modo che Enti come INPS, Agenzia delle Entrate Riscossione, Motorizzazione civile, Istat, potessero fare in modo che le proprie tecnologie dialogassero velocemente con ANPR, per evitare al cittadino la produzione di modulistica addizionale.

In questo modo, per esempio, dopo un cambio di residenza la Motorizzazione civile potrà inviare automaticamente l’adesivo con il nuovo indirizzo da applicare sul libretto di circolazione senza che il cittadino debba attivarsi.

Allo stesso modo l’Agenzia delle Entrate provvederà ad inviare autonomamente il codice fiscale ai nuovi nati: lo Stato quindi sarà proattivo nei confronti della popolazione.

Sul sito di ANPR i cittadini possono verificare lo stato di subentro di un comune scrivendone semplicemente il nome.

Smart NationANPR, procede la diffusione tra i Comuni italiani
Vai all'articolo

A Ladispoli le pratiche edilizie si presentano online

No comments

Il Comune di Ladispoli prosegue nello sviluppo dei propri servizi digitali per consentire alla popolazione di migliorare il proprio rapporto con la Pubblica Amministrazione, velocizzando una serie di operazioni grazie ad Internet.

In particolare, da domani 4 febbraio, sarà attivo il portale internet dedicato ai servizi del SUE, lo Sportello Unico Edilizia.

Lo sportello è deputato ad accogliere tutte le richieste dei cittadini che, nell’ambito del territorio comunale, hanno intenzione di realizzare un intervento edilizio.

La digitalizzazione del SUE per accelerare le pratiche

La possibilità di digitalizzare il processo snellisce tutta l’attività di autorizzazioni e permette riscontri più veloci nella presentazione delle domande: tutte le pratiche edilizie potranno essere gestite, dalla comunicazione di inizio e fine lavori al permesso di costruire ma anche per l’ottenimento del certificato di destinazione urbanistica o dell’autorizzazione paesaggistica ordinaria e semplificata.

Per i cittadini meno digitalizzati sarà comunque possibile presentare le pratiche nella modalità tradizionale fino al 4 maggio: dopo questa data tutto il processo sarà digitale e quindi il SUE sarà esclusivamente online.

Smart NationA Ladispoli le pratiche edilizie si presentano online
Vai all'articolo