Regione Basilicata aderisce a SEND

No comments

La Regione Basilicata aderisce ufficialmente a Send, il servizio di notifiche digitali creato da PagoPA con la collaborazione del Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Si tratta di una piattaforma che nasce per semplificare la gestione delle comunicazioni a valore legale per enti, cittadini e imprese la cui adozione si sta progressivamente diffondendo in tutta Italia.

Lo scopo è quello di digitalizzare e semplificare la notificazione a valore legale degli atti amministrativi con un evidente risparmio per la spesa pubblica grazie a minori oneri di notifica per i cittadini: l’esperienza delle notifiche è particolarmente accessibile anche perché è fortemente integrata con l’app IO.

Con l’adozione della nuova piattaforma per l’invio delle notifiche relative ad accertamenti di tributi e intimazioni di pagamento delle entrate extra tributarie, i cittadini della Basilicata potranno scegliere di gestire queste comunicazioni a valore legale interamente in digitale abbandonando la classica raccomandata cartacea.

Per poter aderire è necessario il possesso di un domicilio digitale eligibile tramite l’adozione di una casella PEC opportunamente segnalata nel registro pubblico dell’INAD, ossia, l’indice nazionale dei domicili digitali, oppure tramite inserimento nel portale di SEND o ancora attivando il servizio all’interno dell’app IO.

Maggiori informazioni nel comunicato di Regione Basilicata.

Smart NationRegione Basilicata aderisce a SEND
Vai all'articolo

Il Comune di Solaro promuove la diffusione di competenze digitali

No comments

Per avvicinare la cittadinanza ai servizi digitali pubblici il Comune di Solare avvia un ciclo di incontri tenuti da esperti del settore per illustrare il funzionamento del Fascicolo Sanitario Elettronico e PagoPA, il sistema di pagamenti verso la Pubblica Amministrazione.

Conoscere e utilizzare correttamente i servizi digitali significa facilitare l’accesso ai diritti di cittadinanza digitale semplificando la vita dei cittadini: una parte della popolazione, soprattutto per motivazioni di natura anagrafica, è distante dall’uso delle nuove tecnologie e, come tale, deve essere adeguatamente formato.

Per questo le varie Amministrazioni si stanno prodigando nel diffondere competenze digitali di base e non fa eccezione il Comune di Solaro con questo progetto.

L’iniziativa, organizzata presso i locali del Polo di Comunità Regina Elena di piazza Cadorna, è totalmente gratuita ed è promossa da Comuni Insieme, Piano Sociale di Zona, Rica Hub Solaro e Comune di Solaro con la partecipazione di Intrecci, Sir, Koinè e Spazio Giovani.

Tutti coloro che volessero partecipare possono prendere contatti con l’Informagiovani/Informafamiglie del Comune di Solaro.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Solaro.

Smart NationIl Comune di Solaro promuove la diffusione di competenze digitali
Vai all'articolo

Il Comune di Cesena avvia il nuovo hub di comunità

No comments

Il Comune di Cesena presso Sant’Egidio ha attivato il nuovo hub di comunità della città: si tratta di una sede distaccata degli uffici comunali di palazzo Albornoz che propone una convergenza di servizi alla persona e al cittadino.

Tra i servizi garantiti dal nuovo hub vi è l’ampliamento della rete bibliotecaria cittadina, l’arricchimento del servizio sociale territoriale per le persone fragili con attività rivolte a minori con disabilità, il baby pit stop per i neogenitori e soprattutto i servizi di affiancamento digitale tramite attività di facilitazione digitale destinati prevalentemente alla popolazione che abbia difficoltà nell’adozione dell’identità digitale (SPID e CIEID) ma anche nell’uso del Fascicolo Sanitario Elettronico, dell’app IO, di PagoPA e di molti altri servizi digitali pubblici.

Il nuovo hub è attivo dal martedì alla domenica.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Cesena.

Smart NationIl Comune di Cesena avvia il nuovo hub di comunità
Vai all'articolo

Transizione digitale, il divario digitale contrappone piccoli e grandi centri urbani

No comments

La transizione digitale che sta coinvolgendo l’Italia evidenzia una contrapposizione a cui il Paese non era abituato: il divario non è più quello che storicamente vede come protagonisti il Nord e il Sud Italia ma, più frequentemente, i piccoli e i grandi centri urbani.

Dall’indagine condotta dall’Osservatorio della Fondazione per la Sostenibilità Digitale emerge infatti che un italiano su tre che abita nelle grandi città ha una conoscenza limitata degli strumenti digitali mentre il rapporto sale al 50% per i residenti nei piccoli centri.

Fra le statistiche raccolte dalla Fondazione emerge un ridotto uso dell’identità digitale che segue il trend appena descritto: SPID, per esempio, viene utilizzato dal 54% dei residenti dei grandi centri e dal 34,0% dei residenti dei piccoli centri come anche una sorte analoga è riservata all’uso di CIEID e dell’infrastruttura di pagamento PagoPA.

I dati fanno emergere la necessità di nuovi modelli di sviluppo e governance territoriale del processo di trasformazione digitale soprattutto considerando che l’80% dei Comuni italiani è al di sotto dei 3.000 abitanti.

La scarsa comprensione del fenomeno digitale impatta infatti significativamente con l’affermazione dei diritti di cittadinanza digitale che ciascun cittadino dovrebbe poter esercitare.

Maggiori informazioni nel sito della Fondazione per la Sostenibilità Digitale.

Smart NationTransizione digitale, il divario digitale contrappone piccoli e grandi centri urbani
Vai all'articolo

Il Comune di Agrigento rilascia nuovi servizi digitali

No comments

Il Comune di Agrigento lancia l’iter di pubblicazione dei nuovi servizi digitali che contemplano la pubblicazione del nuovo portale istituzionale dell’Ente ideato per una fruizione più semplice e moderna da parte della popolazione nel rispetto dei più recenti requisiti previsti per le piattaforme online della Pubblica Amministrazione.

Il lancio del nuovo sito internet si affianca all’implementazione del pacchetto per l’identità digitale SPID, l’abilitazione della piattaforma cloud e il generale miglioramento dei servizi digitali: fra questi vi è la Stanza del Cittadino (SdC) che consiste in un’area personale riservata al cittadino per facilitarne il rapporto con l’Ente, la gestione delle istanze e delle procedure documentali.

Tramite la Stanza del Cittadino è possibile accedere ad un cruscotto dove trovare messaggi diretti alla popolazione come la scadenza del pagamento tributi o la scadenza della carta di identità ma anche le pratiche in corso con relativo stato di avanzamento, tutti i pagamenti tramite PagoPA e molto altro.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Agrigento.

Smart NationIl Comune di Agrigento rilascia nuovi servizi digitali
Vai all'articolo

Regione Emilia-Romagna promuove l’accessibilità dell’identità digitale alle persone anziane

No comments

Per rendere ancora più accessibile l’identità digitale, e in particolare SPID, alle persone anziane su tutto il territorio regionale, Regione Emilia-Romagna potenzia le iniziative di facilitazione digitale e gli sportelli di prossimità rinnovando l’accordo con Lepida e le organizzazioni sindacali dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil.

Lo scopo è quello di potenziare il precedente accordo del 2022 incrementando le attività e le iniziative di accompagnamento e supporto in tutta l’Emilia-Romagna promuovendo tra le fasce più deboli della popolazione, un maggiore utilizzo di SPID e dei servizi digitali pubblici fra cui app come il Fascicolo Sanitario Elettronico, ERSalute, IO e PagoPA.

La diffusione delle competenze digitali di base permette infatti di ridurre il divario digitale che affligge la popolazione anziana e fragile per ottenere una regione al 100% digitale e inclusiva.

Fra le attività svolte vi è un ampio ricorso a quelle di facilitazione digitale, che verranno svolte all’interno degli sportelli di prossimità tramite la formazione e l’assistenza personalizzata individuale per accompagnare le persone anziane nell’uso dei dispositivi mobili, nella gestione delle app e soprattutto nell’uso dell’identità digitale.

Maggiori dettagli nel comunicato di Regione Emilia-Romagna.

Smart NationRegione Emilia-Romagna promuove l’accessibilità dell’identità digitale alle persone anziane
Vai all'articolo

SEND, al via la piattaforma pubblica per le notifiche digitali

No comments

Si chiama SEND ed è la piattaforma pubblica per le notifiche digitali realizzata da PagoPA e messa a disposizione degli Enti pubblici.

Il progetto, voluto dal Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione tecnica con PagoPA, punta a digitalizzare e semplificare la notificazione a valore legale degli atti amministrativi: affiancandosi all’ordinario sistema analogico, SEND amplia le possibilità di invio, ricezione, gestione, controllo e conservazione delle comunicazioni a valore legale garantendo una maggiore efficienza e sicurezza a favore delle amministrazioni e dei loro utenti.

I vantaggi sono chiari: un notevole risparmio per la spesa pubblica, minori oneri di notifica per i cittadini ed un’esperienza utente più efficace.

Attualmente sono quattro i Comuni ad avere inviato le prime notifiche digitali: si tratta di Gattinara, Misano Adriatica, Mortara e Verona.

Entro fine luglio altri 100 Enti pubblici approderanno sulla piattaforma che vengono così sollevati da tutti gli adempimenti legati al processo di notificazione offrendo la certezza della reperibilità del destinatario.

La piattaforma SEND è integrata nativamente con INAD, l’indice nazionale dei domicili digitali: con la progressiva adozione della nuova piattaforma sul territorio nazionale, i cittadini potranno scegliere di gestire interamente in digitale le notifiche tramite domicilio digitale, tramite il sito dedicato oppure tramite l’app IO.

Maggiori dettagli nel comunicato del Dipartimento per la Trasformazione Digitale.

Smart NationSEND, al via la piattaforma pubblica per le notifiche digitali
Vai all'articolo

Il Comune di Trento attiva una rete di sportelli di facilitazione digitale

No comments

Al via questa settimana a Trento una rete di sportelli di facilitazione digitale, presidiato dai volontari del Servizio civile digitale, per offrire un supporto concreto a coloro che hanno difficoltà nell’uso dei servizi digitali della Pubblica Amministrazioni ma anche nell’utilizzo dell’identità digitale o dei pagamenti tramite piattaforma PagoPA.

Gli sportelli della rete sono tredici, suddivisi in tutto il territorio comunale nelle biblioteche e negli spazi attivati presso le circoscrizioni anche all’interno delle sedi dei servizi dell’area Welfare e per la coesione sociale.

L’accesso agli sportelli è libero ma è consigliabile fissare un appuntamento chiamando al telefono o inviando un messaggio, anche su WhatsApp.

L’iniziativa risponde alla necessità di avvicinare la popolazione ai servizi digitali perché l’esclusione digitale comporta ormai l’esclusione sociale: il progetto intende accompagnare i cittadini con minori competenze digitali dettate da fattori anagrafici, culturali o linguistici.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Trento.

Smart NationIl Comune di Trento attiva una rete di sportelli di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Regione Emilia-Romagna individua i primi sportelli di prossimità per la facilitazione digitale

No comments

Per facilitare l’uso dei servizi pubblici digitali e supportare le categorie più fragili dal punto di vista digitale Regione Emilia-Romagna ha iniziato il percorso di individuazione e organizzazione di particolari sportelli di prossimità da destinare alla facilitazione digitale.

Si tratta di 154 sedi presso 90 Comuni del territorio regionale in cui, tramite supporto e formazione rese dalle organizzazioni sindacali dei pensionati, possa venire offerta assistenza su SPID e sui temi della transizione digitale alla popolazione over 65 o comunque particolarmente resistente alla tecnologia.

L’attivazione della rete di sportelli ha richiesto la formazione di 303 operatori sindacali affinché fossero in grado di erogare supporto dedicato agli sportelli: l’obiettivo è la semplificazione all’uso di LepidaID, l’identità digitale offerta dall’identity provider di Regione Emilia-Romagna, ma anche dei servizi online.

La formazione resa agli operatori riguarda SPID ma anche il Fascicolo Sanitario Elettronico, l’app ER Salute, la app Io e PagoPA.

Tutte le sedi sindacali sono state rifornite di materiale informativo.

Maggiori dettagli nel comunicato di Regione Emilia-Romagna.

Smart NationRegione Emilia-Romagna individua i primi sportelli di prossimità per la facilitazione digitale
Vai all'articolo

Piemonte Digitale 2030, il nuovo programma di Regione Piemonte per la trasformazione digitale

No comments

Si chiama Piemonte Digitale 2030 ed è il nuovo programma che Regione Piemonte ha lanciato per sostenere i Comuni del territorio nell’accesso ai fondi per la trasformazione digitale.

Il supporto avviene tramite una squadra dedicata di professionisti in grado di assistere i Comuni nell’istruzione dei bandi, fra cui quelli del PNRR, in modo da operare a supporto di questi aspetti.

Per presentare l’iniziativa sono stati pianificati degli appuntamenti sul territorio ad Asti, Novara e Torino: lo scopo è favorire la conoscenza e le opportunità di assistenza che Regione Piemonte intende mettere in campo per rafforzare l’ecosistema pubblico digitale.

Tra i capitoli di spesa vi sono quelli destinati all’implementazione di azioni quali la migrazione al cloud per trasferire sistemi, dati e applicazioni certificati e sicuri, il consolidamento della piattaforma PagoPA, l’adozione dell’app IO, l’incremento dell’adozione dell’identità digitale SPID e il miglioramento dell’esperienza dei cittadini nei servizi digitali pubblici.

Maggiori informazioni nel comunicato di Regione Piemonte.

Smart NationPiemonte Digitale 2030, il nuovo programma di Regione Piemonte per la trasformazione digitale
Vai all'articolo