La digital transformation di Ikea passa attraverso la realtà virtuale

No comments

Nell’incessante percorso di miglioramento della propria offerta commerciale, le aziende più attente agli sviluppi tecnologici sono ampiamente avvantaggiate.
Ikea, il colosso svedese attivo nel settore dell’arredamento, è sicuramente una delle aziende più interessate all’innovazione dato che ha reso l’innovazione del processo di assemblaggio dei mobili il proprio marchio distintivo stravolgendo un mercato.

Con il nuovo catalogo Ikea 2017 però sta mettendo in cantiere una nuova potenziale rivoluzione: la app di Ikea, disponibile sia per iOS che per Android, è stata aggiornata introducendo per la prima volta la realtà virtuale.
Ikea infatti aveva già puntato da alcuni anni sulla realtà aumentata per dare modo agli utenti più tecnologici di sperimentare un’esperienza di consultazione più reale e quindi orientare il consumatore ad acquisti più soddisfacenti.

Con l’utilizzo della realtà virtuale si va verso uno scenario più immersivo.

Si potrà quindi sperimentare in modo del tutto realistico la valutazione circa la migliore collocazione di un armadio o di una libreria all’interno dello spazio che si vuole arredare potendo sceglierne i particolari tra cui il colore e i dettagli più adeguati al proprio gusto.

Per poter beneficiare di questa nuova disponibilità occorrerà utilizzare un dispositivo idoneo, come ad esempio Oculus Rift o Samsung Gear VR.

Inoltre Ikea ha deciso di installare nei punti vendita cinque ambienti interattivi in cui si potranno sperimentare i visori per la realtà immersiva Oculus Rift, che consentiranno di esplorare gli ambienti in 3D.
Le installazioni saranno disponibili in tutti i negozi Ikea per cinque settimane, a partire dal 1° settembre.

Questi passi sono propedeutici alla digital transformation dell’azienda, sempre più attenta alle esigenze del commercio dematerializzato: non a caso a Cagliari è stato recentemente inaguaro il primo Pick-Up & Order Point, un formato di punto vendita fino a questo momento inedito per l’Italia, dove ordinare i propri mobili e soprattutto ritirarli gratuitamente senza il classico percorso espositivo.

L’idea è quella di poter sostituire, nel prossimo futuro, completamente l’esperienza reale con un netto risparmio di tempo e costi tanto per l’azienda quanto per il consumatore finale.

Smart NationLa digital transformation di Ikea passa attraverso la realtà virtuale
Vai all'articolo

Il Google Cultural Institute porta online la Valle dei Templi

No comments

Visitare la Valle dei Templi comodamente da casa propria? Certo, non è la stessa cosa, almeno fino a quando le piattaforme di realtà virtuale non saranno così evolute da permettere scenari totalmente immersivi, ma grazie a Google e al Google Cultural Institute si può apprezzare una nuova opportunità.

Il Google Cultural Institute è la piattaforma di Google che si occupa di sviluppare tecnologia con l’obiettivo di promuovere e preservare la cultura online: tale piattaforma contiene diversi siti di rilievo nazionale ed internazionale (come ad esempio i Castelli della Loira, ma da questi giorni si arricchisce di nuovi contenuti e immagini dedicate ad uno dei luoghi più suggestivi che offre il Sud Italia.

La Valle dei Templi copre un’area archeologica della Sicilia caratterizzata da una serie di importanti templi in stile dorico del periodo Ellenistico: dal 1997 l’intera area è stata inclusa, dall’UNESCO, nella lista dei luoghi considerati Patrimonio mondiale dell’umanità.

Grazie ad una joint venture con la direzione del Parco Valle dei Templi tramite il sito g.co/valledeitempli, gli utenti di ogni parte del mondo potranno camminare virtualmente per gli oltre 1.300 ettari del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento attraverso 4 percorsi di visita virtuale e migliaia di immagini Street View, anche in modalità notturna.

Il progetto è stato possibile tramite l’uso del speciale sistema Trekker formato da 15 fotocamera da 5 megapixel ciascuna montato su una specie di zaino indossato dagli addetti di Google Street View che, visitando il sito archeologico, hanno potuto digitalizzare i loro percorsi.
L’area quindi può essere visitata anche in modo immersivo grazie alla realtà virtuale e alle foto a 360 gradi di Street View, in particolare i templi di Zeus, di Giunone, e la Necropoli Paleocristiana: per farlo è sufficiente dotarsi di un visore come Cardboard e l’app Arts & Culture del Cultural Institute per iOS ed Android.

Inoltre sarà possibile scoprire usi e costumi della vita nella antica Akragas, il monumentale nucleo d’origine dell’attuale città di Agrigento, attraverso 11 mostre digitali, disponibili sia in italiano sia in inglese, con oltre 1.000 immagini e foto d’archivio.

Smart NationIl Google Cultural Institute porta online la Valle dei Templi
Vai all'articolo