SELFIE, lo strumento dedicato alle scuole per valutare l’uso di tecnologie didattiche innovative

No comments

Per favorire l’apprendimento e l’insegnamento nelle scuole tramite l’uso delle nuove tecnologie oggi esiste un nuovo sistema voluto dall’UE.

Si tratta di SELFIE ed è uno strumento gratuito, personalizzabile e di facile utilizzo che aiuta le scuole a valutare la propria situazione in relazione all’apprendimento nell’era digitale.

Disponibile in 24 lingue, SELFIE viene offerto a 76,7 milioni di studenti e insegnanti in 250 000 scuole su base volontaria.

Tutte le scuole interessate, dalle primarie alle superiori, possono accedere alla piattaforma SELFIE, previa iscrizione: così facendo gli studenti, i dirigenti scolastici e gli insegnanti possono iniziare un percorso di autovalutazione della durate di 20-30 minuti in cui, grazie ad una serie di dichiarazioni tra cui alcune facoltative e altre personalizzabili, possono valutare quantitativamente e qualitativamente se le tecnologie vengono utilizzate per l’insegnamento e/o l’apprendimento.

La piattaforma consente poi di elaborare una relazione conclusiva riguardante la scuola che può essere utilizzata per promuovere un dialogo all’interno della comunità scolastica per definire misure volte a migliorare l’uso delle tecnologie digitali per migliorare l’apprendimento: durante il processo non vengono raccolti dati personali e le risposte sono anonimate.

SELFIE è una delle iniziative per l’istruzione digitale

SELFIE è solo una delle 11 iniziative previste nel piano d’azione per l’istruzione digitale presentato dalla Commissione europea ad inizio dell’anno.

L’obiettivo è quello di rafforzare le competenze digitali in Europa e a sostenere l’uso innovativo delle tecnologie digitali nell’insegnamento e nell’apprendimento.

Smart NationSELFIE, lo strumento dedicato alle scuole per valutare l’uso di tecnologie didattiche innovative
Vai all'articolo

Social Kamp, un innovativo programma di alternanza scuola-lavoro presso il Binario F

No comments

Al via a Roma, presso la sede del Binario F, un’iniziativa che ha il suo fulcro nell’alternanza scuola-lavoro: si tratta di Social Kamp, un progetto ideato da Facebook Italia insieme a Skuola.net.

La sede del Binario F, il centro costruito da Facebook presso l’Hub di LVenture Group e LUISS EnLabs alla Stazione Termini di Roma, è stata scelta per l’evidente tangenza rispetto alla missione di sviluppare le competenze digitali dei partecipanti.

La filosofia perseguita da Social Kamp è quella di riprogettare i programmi di alternanza scuola-lavoro concentrandosi sui bisogni emergenti dagli utilizzatori finali: il 70% di circa 6mila studenti coinvolti in programmi di alternanza scuola-lavoro e intervistati da Skuola.net hanno infatti apprezzato l’esperienza formativa qualora fosse incentrata sul confronto costante con i tutor e la collaborazione, anche attraverso una componente pratica, nell’apprendimento della conoscenza.

Social Kamp per un’alternanza scuola-lavoro pratica

Social Kamp è quindi focalizzato sulla promozione delle competenze digitali mettendo i ragazzi in contatto con i migliori esperti del panorama italiano del digitale per acquisire competenze realmente spendibili nel mondo del lavoro: dalle basi della digital economy e del digital marketing fino al personal branding e all’uso consapevole dei social media.

La metodologia didattica di Social Kamp è quella del workshop contenente un laboratorio esperienziale: alla teoria gestita da un esperto si associa un’attività pratica per toccare con mano quanto spiegato per poi scambiare collegialmente osservazioni e valutazioni finali sul lavoro svolto dagli studenti coinvolti.

I partecipanti di Social Kamp sono circa un centinaio e provengono da diverse scuole secondarie dell’area metropolitana di Roma da diversi indirizzi di studio: all’interno del programma hanno a disposizione 25 ore di alternanza.

Smart NationSocial Kamp, un innovativo programma di alternanza scuola-lavoro presso il Binario F
Vai all'articolo

Al via Didacta, Firenze ospita la fiera dedicata all’innovazione della scuola

No comments

Con oggi parte ufficialmente la Fiera Didacta Italia, la manifestazione a Firenze che rende la città toscana capitale nazionale della scuola fino a sabato 20 ottobre.

L’appuntamento è rivolto a docenti, dirigenti scolastici, educatori, formatori, professionisti e imprenditori del settore scuola e tecnologia: si tratta della seconda edizione ed è dedicata a Margherita Hack, la celebre astrofisica fiorentina.

L’evento, che si tiene presso la Fortezza da Basso, prevede una serie di convegni sul Programma Erasmus+, eTwinning, sulle Avanguardie Educative, sulle Piccole Scuole e sugli Istituti Tecnici Superiori.

Didacta, l’innovazione al servizio della scuola

Il tema ricorrente è la fusione fra le opportunità scientifiche e tecnologiche e la didattica per innovare metodologie e processi a vantaggio dei docenti ma soprattutto degli studenti che nella scuola devono trovare il primo alleato per la propria crescita personale e intellettuale.

A Didacta saranno presenti ricercatori delle Università di Harvard e di Princeton, con le quali l’Indire ha avviato una collaborazione scientifica in tema di innovazione didattica ma anche personalità di primo piano nel mondo della cultura fra cui il famoso paroliere Mogol, il sociologo, psicanalista Umberto Galimberti, il filologo e membro onorario dell’Accademia della Crusca Francesco Sabatini.

La manifestazione è organizzata da Firenze Fiera in collaborazione con, fra gli altri, MIUR, Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere e Didacta International.

Smart NationAl via Didacta, Firenze ospita la fiera dedicata all’innovazione della scuola
Vai all'articolo

Scuola digitale, l’uso delle risorse digitali è ostacolato dall’inadeguatezza delle strutture

No comments

La scuola digitale è un progetto ambizioso e sicuramente indispensabile per il futuro del nostro Paese ma ad oggi ha ancora numerosi problemi ad affermarsi.

Esistono infatti ancora grosse difformità fra la digitalizzazione del sistema scolastico delle regioni del Nord Italia rispetto a quelle del Sud Italia soprattutto per la scarsa diffusione di una connettività adeguata a sostenere le nuove opportunità tecnologiche.

Questo in sintesi lo spaccato che trapela da un sondaggio recentemente diffuso da Skuola.net in relazione al programma scuola digitale che ormai interessa le varie scuole italiane.

C’è grande sovrabbondanza di dispositivi elettronici, quasi raddoppiati rispetto all’anno scorso: il 28% degli studenti ha a disposizione un tablet e le aule computer sono ormai presenti ovunque, in 9 scuole su 10.

Ciò che manca è l’utilizzo delle risorse, basti pensare che 34% dei ragazzi non è mai entrato all’interno di un aula informatica: una percentuale importante che sale ulteriormente al Sud (52%).

Stesso discorso per la LIM, la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) non viene utilizzata dal 17% del campione pur essendo presente: anche qui al Sud i numeri si alzano fino ad arrivare al 32%.

La scarsa connettività è il maggior problema della scuola digitale

E anche per la connettività il problema è similare: gli studenti potrebbero sfruttarla ma non è adeguata: quasi uno studente su 4 (il 23% del campione) non ha a disposizione una rete wifi che connetta la propria classe e laddove questa è presente, spesso risulta poco performante.

Smart NationScuola digitale, l’uso delle risorse digitali è ostacolato dall’inadeguatezza delle strutture
Vai all'articolo

A Badia Polesine il servizio di mensa scolastica diventa digitale

No comments

Il servizio mensa delle scuole di Badia Polesine diventa digitale: l’innovazione voluta dal Comune è in corso di implementazione anche grazie al supporto da parte dell’azienda che ha vinto la gara di appalto per la gestione del servizio.

Le scuole interessate saranno l’asilo nido comunale, la scuola dell’infanzia statale e la scuola primaria statale.

Durante la mattinata i bidelli delle scuole tramite tablet appositamente forniti dalla ditta appaltatrice si occuperanno di registrare le prenotazioni tramite un’app proprietaria: in questo modo il fornitore potrà evadere le richieste mantenendo sotto controllo l’intero ciclo, dalla produzione alla distribuzione.

Ai genitori degli alunni che vorranno avvalersi del servizio sarà consegnata una tessera prepagata ricaricabile da cui sarà scalato il credito in funzione dei pasti effettuati dai figli.

La mensa scolastica digitale consente un maggiore controllo

Gli studenti delle scuole saranno appositamente censiti tramite un registro informatico che ne raccoglie i dati anagrafici: il monitoraggio dei pasti permetterà una più efficiente gestione

Il funzionamento del nuovo sistema sarà inoltre spiegato ai genitori tramite un appuntamento dedicato per sabato 8 settembre, alle 11.15 nell’aula magna delle scuole G. Ghirardini.

Maggiori informazioni sul sito del Comune di Badia Polesine.

Smart NationA Badia Polesine il servizio di mensa scolastica diventa digitale
Vai all'articolo

Immersive Summer Camp, al via il percorso di orientamento di TIM e Fondazione Mondo Digitale

No comments

Al via una nuova iniziativa voluta da TIM e da Fondazione Mondo Digitale con l’obiettivo di avvicinare i giovani alle professioni del futuro collegate alla trasformazione digitale.

A Roma, presso la sede di Fondazione Mondo Digitale, parte infatti l’Immersive Summer Camp: si tratta di un percorso di orientamento, della durata di una settimana (dal 18 al 24 giugno), dove 20 studenti sono stati selezionati per essere orientati alla scoperta delle professioni chiave della trasformazione digitale.

L’iniziativa, che lega il mondo delle aziende, della scuola e del non profit, punta a rendere i più giovani protagonisti attivi del cambiamento e della trasformazione digitale dell’Italia insistendo sulle opportunità offerte dal programma di Alternanza Scuola-Lavoro che TIM ha promosso in 24 scuole di 10 città italiane.

Immersive Summer Camp, un’iniziativa sulle competenze digitali del futuro

L’Immersive Summer Camp prevede un programma esteso sulle competenze digitali connesse alla trasformazione digitale: dalla realtà virtuale per migliorare l’esperienza del cliente, agli strumenti per creare connessioni fra oggetti, ambienti e persone (IoT).
Gli studenti verranno inoltre formati dai docenti selezionati da TIM e Fondazione Mondo Digitale alle soft skills più richieste dai modelli lavorativi del futuro: dal team building alla condivisione di informazioni e capacità di problem solving.

Alla fine del percorso formativo è prevista una prova pratica con l’ideazione e prototipazione di un progetto di innovazione e trasformazione digitale.

Maggiori informazioni qui

Smart NationImmersive Summer Camp, al via il percorso di orientamento di TIM e Fondazione Mondo Digitale
Vai all'articolo

eSkills4Change, la formazione di Microsoft e Fondazione Mondo Digitale per gli studenti

No comments

Microsoft e Fondazione Mondo Digitale uniscono le forze e danno il via ad un programma di formazione indirizzato agli studenti per sfruttare al meglio le opportunità offerte dalle nuove tecnologie rendendole accessibili a tutti, soprattutto ai più giovani.

eSkills4Change, questo il nome dell’iniziativa, è un innovativo modello formativo che punta a fornire agli studenti competenze digitali fondamentali per l’accesso al mercato del lavoro.

I destinatari sono 10.000 giovani in tutta Italia con un’età compresa fra i 15 e i 24 anni.

Il programma prevede eventi aggregativi fuori e dentro la scuola che hanno lo scopo di permettere, in modo esperienziale, di acquisire velocemente la giusta attitudine mentale per affrontare i problemi e risolverli con l’aiuto delle nuove tecnologie.

eSkills4Change, scuole e studenti per la formazione del futuro

30 scuole in 10 regioni italiane rappresentano la palestra creativa per gli studenti che vengono accompagnati nel loro percorso formativo da esperti di Microsoft e di Fondazione Mondo Digitale attraverso percorsi di auto-imprenditorialità che puntano a progettare servizi e applicazioni smart in grado di migliorare la vita delle persone.

Fabbricazione digitale, realtà aumentata e realtà virtuale sono alcune delle tecnologie impiegabili durante i percorsi di eSkills4Change.

Smart NationeSkills4Change, la formazione di Microsoft e Fondazione Mondo Digitale per gli studenti
Vai all'articolo

A Cortina il digitale entra nella scuola primaria

No comments

A Cortina, nell’ottica di garantire agli studenti fin da piccoli la possibilità di accedere alle nuove tecnologie, la scuola elementare Duca d’Aosta ha deciso di continuare il proprio percorso di innovazione puntando sul digitale.

Grazie alla collaborazione del Comune che ha supportato l’istituto con un finanziamento per l’installazione di una rete Wi-Fi e del materiale informatico necessario per la digitalizzazione della scuola.

Sono state infatti inaugurate in ciascuna delle dieci aule della scuola elementare le postazioni multimediali collegate alla rete Wi-Fi che prevedono la disponibilità di un computer e un videoproiettore.

Per il prossimo anno inoltre è già stato previsto lo stanziamento del budget che consentirà di trasformare l’attuale connessione adsl in fibra ottica, migliorando così le opportunità di studenti e insegnanti.

Il digitale a scuola come tecnologia collaborativa

Ad inaugurare le nuove aule divenute multimediali della scuola primaria Duca d’Aosta ci hanno pensato gli studenti di quinta che hanno coinvolto i genitori per una lezione multimediale.

Gli alunni non possono mandare né ricevere messaggi dall’esterno ma possono usare la tecnologia per condividere i file solamente tra loro stimolando il reciproco apprendimento.

Smart NationA Cortina il digitale entra nella scuola primaria
Vai all'articolo

Maturità, stop a tablet e smartphone

No comments

L’esame di Stato conclusivo del corso di studio di istruzione secondaria superiore non sarà accessibile utilizzando tablet, smartphone, pc e qualsiasi altro dispositivo elettronico fatte salvo le calcolatrici scientifiche e/o grafiche nella seconda prova.

La conferma arriva dalla circolare sugli adempimenti tecnici emanata dal MIUR, in concomitanza con la Conferenza Nazionale dei Dirigenti Tecnici e dei componenti le task-force regionali che organizzeranno tutte le fasi dell’esame di Stato.

Il divieto divieto tassativo per maturande e maturandi, nei giorni delle prove scritte, di fruire di apparecchiature elettroniche con l’eccezione per alcune specifiche calcolatrici è disciplinato da una circolare divulgata a marzo.

Accesso internet controllato prima delle prove dell’esame di Stato

Nei giorni in cui si tengono la prima, la seconda e l’eventuale quarta prova scritta, per tutti le tracce inviate con plico telematico e fino alla loro stampa, l’accesso a internet è riservato ai computer utilizzati dal dirigente scolastico o da chi ne fa le veci, dal direttore dei servizi generali e amministrativi dietro autorizzazione del dirigente e dal referente o dai referenti di sede.

Anche l’invio, mediante plico telematico o cartaceo delle prove per candidate e candidati con disabilità visive e per coloro che sostengono l’esame presso sezioni carcerarie od ospedaliere è strettamente controllato affinché internet non diventi un sistema di diffusione non autorizzato.

Maggiori informazioni sul sito del MIUR.

Smart NationMaturità, stop a tablet e smartphone
Vai all'articolo

Terra Reale 4.0, a Montesilvano arriva #FuturaPescara

No comments

Pescara ospita la tappa abruzzese di #Futura, l’evento lanciato dal MIUR a Bologna per portare sul territorio nazionale i temi del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD).

Con il nome di Terra reale 4.0, dal 29 al 31 maggio il Pala Dean Martin di Montesilvano ospita gli studenti provenienti da scuole di tutto il territorio abruzzese avvicinandoli a molteplici attività come workshop, mostre, dibattiti, vetrine tecnologiche, gare di droni e molto altro.

Inoltre, Terra reale 4.0 ospita la Robocup Junior 2018 European Championship, un torneo internazionale che vede la partecipazione di studenti provenienti da 17 nazioni.

Il torneo, organizzato dall’ISS A. Volta di Pescara, è una divisione della Federazione RoboCup, che promuove nelle scuole primarie e secondarie i temi della robotica e dell’intelligenza artificiale organizzando relative competizioni.

Le gare di RoboCupJunior sono divise in tre leghe: Soccer, Rescue e On Stage.

Spazio anche alla formazione per i docenti

Durante la tre giorni non macano occasioni di formazione per docenti che potranno scegliere fra i molteplici workshop tematici e tavole rotonde dedicati alle piccole scuole, alla presenza delle donne nelle discipline STEM ma anche all’intelligenza artificiale e alle nuove frontiere delle tecnologie nella didattica.

Non mancano appuntamenti dedicati al coding e all’innovazione digitale come anche possibilità di collaborare con gli studenti contribuendo alla crescita e al futuro sostenibili del territorio abruzzese.

Il programma dettagliato di #FuturaPescara è consultabile qui.

Smart NationTerra Reale 4.0, a Montesilvano arriva #FuturaPescara
Vai all'articolo