Il Comune di Santarcangelo di Romagna lancia uno sportello di facilitazione digitale

No comments

Si chiama Help Desk Digitale ed è il nuovo servizio di facilitazione digitale proposto dal Comune di Santarcangelo di Romagna: si tratta di uno sportello fisico di supporto all’uso delle nuove tecnologie attivato su appuntamento presso lo Sportello al Cittadino con lo scopo di mettere i cittadini nella condizione di accedere ai servizi pubblici digitali in modo più agevole e progressivamente autonomo.

L’iniziativa è stata realizzata con le risorse del primo bando di Servizio civile digitale attivato in Italia a cui il Comune ha aderito lo scorso anno, unico Ente a farlo in tutta la provincia di Rimini, tramite il progetto denominato “Sportelli digitali, cittadini connessi”.

Lo sportello è gestito da una volontaria, operativa fino a maggio 2023, che offrirà un servizio di supporto in presenza all’uso dei servizi digitali pubblici dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30, previa appuntamento ottenibile contattando il numero 0541 356353 oppure scrivendo a digitale(at)comune.santarcangelo.rn.it.

I temi affrontabili presso lo sportello di facilitazione digitale sono diversi e ruotano attorno all’attivazione dell’identità digitale SPID, l’ottenimento dei certificati digitali relativi all’anagrafe o le domande per le agevolazioni pubbliche.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Santarcangelo di Romagna.

Smart NationIl Comune di Santarcangelo di Romagna lancia uno sportello di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Il Comune di Bitonto attiva due sportelli di facilitazione digitale

No comments

Il Comune di Bitonto ha attivato presso la sede del Palazzo di Città nella sede dell’Ufficio di Piano alcuni sportelli di facilitazione digitale destinati ai cittadini.

Gli sportelli, presidiati dai volontari del Servizio Civile Digitale, sono a disposizione della popolazione per la registrazione delle credenziali SPID, l’identità digitale che permette ai cittadini di interagire con la Pubblica Amministrazione, e per il supporto nell’uso della tecnologia come per esempio l’accesso e l’uso della piattaforma Puglia Salute o ancora dello sportello telematico per i servizi online del Comune di Bitonto.

Fra i servizi erogati vi è il supporto per la compilazione di domande per ottenere contributi comunali in modalità digitale come il buono libro o caregiver ma anche per la procedura di scelta e revoca del medico curante, nonché per la richiesta di certificazioni anagrafiche sul portale dell’ANPR, ossia l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente.

Gli sportelli facilitazione digitale sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e il giovedì pomeriggio dalle ore 16 alle ore 18: gli accessi avvengono solo su prenotazione ai numeri 0803716104 per lo sportello Palazzo di Città e 3371050649 per lo sportello all’Ufficio di Piano, quest’ultimo usabile anche tramite WhatsApp.

Contestualmente, nella sede del Servizio Demografico, è stata resa operativa una postazione per effettuare la prenotazione dell’appuntamento per il rilascio della CIE, ossia la carta d’identità elettronica, direttamente sulla piattaforma dedicata del Ministero dell’Interno: la postazione è attiva dalle ore 8.30 alle ore 11.30 dal lunedì al venerdì.

Maggiori dettagli nel comunicato del Comune di Bitonto.

Smart NationIl Comune di Bitonto attiva due sportelli di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Al via il reclutamento per il Servizio civile digitale

No comments

Dopo l’approvazione dei 45 progetti pilota che daranno il via ufficialmente all’iniziativa del Servizio civile digitale oggi si aggiunge un altro importante tassello: la pubblicazione del bando per la selezione di 1007 ragazzi che verranno reclutati per essere impiegati attivamente nelle proposte accettate.

Gradualmente il Servizio civile digitale sta prendendo corpo per procedere a quella fase sperimentale propedeutica all’entrata a regime del progetto.

I giovani reclutati potranno partecipare ad un percorso formativo volto a migliorare le loro conoscenze e competenze in ambito digitale finalizzato ad aiutare i cittadini con maggiori difficoltà verso la tecnologia per essere autonomi nell’uso del digitale e dei servizi pubblici erogati online.

Per le candidature è necessario consultare il sito ufficiale del Servizio Civile Universale scegliendo il progetto e inviando la candidatura entro il 26 gennaio 2022.

Le graduatorie per le domande che verranno ricevute saranno pubblicate sul sito del Dipartimento per le Politiche giovanili entro luglio.

Nelle prossime settimane verrà inoltre aperto il bando per la presentazione del secondo corso di progetti che andranno a sommarsi a quelli già approvati per un nuovo successivo reclutamento di giovani fino a coinvolgere, nel triennio 2021-2023, circa 9700 operatori e 100 enti con lo scopo di formare almeno 1 milione di cittadini.

Maggiori informazioni nella pagina del bando.

Smart NationAl via il reclutamento per il Servizio civile digitale
Vai all'articolo

Al via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale

No comments

In data odierna è stato pubblicato l’avviso che permette agli Enti iscritti all’Albo del Servizio Civile Universale di predisporre la domanda per presentare i programmi di intervento atti a sviluppare le competenze digitali dei cittadini resistenti alla tecnologia.

L’idea alla base è quella di utilizzare i giovani, adeguatamente formati, per supportare nell’uso del digitale le persone che hanno maggiori difficoltà per fattori anagrafici o culturali.

L’iniziativa viene avviata quest’anno in forma sperimentale ed è una delle azioni del Piano Operativo della Strategia Nazionale per le Competenze Digitali, inclusa nel PNRR: è previsto l’ampliamento, in funzione dell’andamento della fase sperimentale, nel triennio 2021-2023.

La prima fase prevede l’impiego di 1000 operatori volontari con l’incarico di facilitatori digitali e testimonia la collaborazione fra il Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale e il Dipartimento per la trasformazione digitale al fine di sostenere la transizione digitale.

I giovani impiegati otterranno inoltre, al termine del servizio, una specifica certificazione per il percorso svolto.

Maggiori informazioni nel comunicato del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Smart NationAl via il bando per la sperimentazione del Servizio Civile Digitale
Vai all'articolo