eIDAS 2.0, al via la revisione del regolamento sull’identificazione elettronica

No comments

Oggi entra ufficialmente in vigore Eidas 2.0, la revisione del regolamento sull’identificazione elettronica e sui servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno europeo: si tratta di un’importante novità che si traduce nell’introduzione operativa del portafoglio digitale europeo che rivoluzionerà la gestione delle identità digitali dei singoli Paesi membri e, di conseguenza, l’accesso ai servizi digitali pubblici.

L’Italia è all’avanguardia in tal senso e prevede che già da gennaio 2025 il portafoglio sarà disponibile a tutti i cittadini mentre nel resto della UE la data di implementazione è prevista per il 2026.

Eidas 2.0 fornisce ai cittadini della UE l’accesso a un’identità digitale armonizzata e interoperabile in uno qualunque dei Paesi membri per facilitare l’interazione con servizi pubblici e privati: in particolare il portafoglio digitale europeo permetter di conservare le proprie credenziali digitali in modo sicuro e di utilizzarle per identificarsi online ma anche firmare documenti digitalmente potendo quindi accedere a una vasta gamma di servizi.

Per quanto riguarda l’Italia il portafoglio digitale europeo apparirà integrato nell’app IO e conterrà, nel primo rilascio, la tessera sanitaria, la patente e la carta europea della disabilità: con la sua introduzione anche l’identificazione personale sarà totalmente dematerializzata.

Smart NationeIDAS 2.0, al via la revisione del regolamento sull’identificazione elettronica
Vai all'articolo

Il Comune di Torino fornisce la PEC ai cittadini

No comments

Il Comune di Torino, aderendo alla convenzione con Namirial, ha deciso di fornire gratuitamente tramite SPID una casella di Posta Elettronica Certificata ai cittadini maggiorenni residenti a Torino che non posseggano un indirizzo PEC.

L’incentivo offerto dal Comune permette l’assegnazione gratuita per un anno dall’attivazione, con un eventuale rinnovo per l’anno successivo, di una PEC di tipologia standard da 1 Gb di spazio: il numero di caselle offerte è vincolato alla disponibilità finanziaria dedicata al progetto.

La casella PEC, accessibile esclusivamente tramite l’identità digitale SPID, viene rilasciata solo alle persone fisiche maggiorenni residenti a Torino al momento della richiesta e potrà essere utilizzata anche per comunicazioni con altri soggetti diversi dalla Pubblica Amministrazione.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Torino.

Smart NationIl Comune di Torino fornisce la PEC ai cittadini
Vai all'articolo

I Comuni del Nuovo Circondario Imolese attivano i propri punti di facilitazione digitale

No comments

Per supportare i cittadini nell’utilizzare le nuove tecnologie i Comuni del Nuovo Circondario Imolese si attrezzano con una rete di punti di facilitazione digitale: sono 7 gli sportelli aperti sul territorio che, tramite dei facilitatori digitali, forniranno alla popolazione assistenza e formazione gratuita nell’uso dell’identità digitale (SPID e CIEID), della mail, del Fascicolo Sanitario Elettronico, di PagoPA e di molto altro.

I punti di facilitazione digitale prevedono l’assistenza individuali di tutti coloro che fossero interessati ma anche l’organizzazione di corsi di formazione in piccoli gruppi e progetti speciali per i giovani con scarse competenze digitali e per i cittadini residenti nei Comuni Montani tramite sportelli itineranti.

Per prenotazioni e informazioni è possibile recarsi direttamente ai punti di facilitazione nelle giornate di apertura.

Maggiori informazioni nel comunicato del Nuovo Circondario Imolese

Smart NationI Comuni del Nuovo Circondario Imolese attivano i propri punti di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Il Comune di Cesena avvia il nuovo hub di comunità

No comments

Il Comune di Cesena presso Sant’Egidio ha attivato il nuovo hub di comunità della città: si tratta di una sede distaccata degli uffici comunali di palazzo Albornoz che propone una convergenza di servizi alla persona e al cittadino.

Tra i servizi garantiti dal nuovo hub vi è l’ampliamento della rete bibliotecaria cittadina, l’arricchimento del servizio sociale territoriale per le persone fragili con attività rivolte a minori con disabilità, il baby pit stop per i neogenitori e soprattutto i servizi di affiancamento digitale tramite attività di facilitazione digitale destinati prevalentemente alla popolazione che abbia difficoltà nell’adozione dell’identità digitale (SPID e CIEID) ma anche nell’uso del Fascicolo Sanitario Elettronico, dell’app IO, di PagoPA e di molti altri servizi digitali pubblici.

Il nuovo hub è attivo dal martedì alla domenica.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Cesena.

Smart NationIl Comune di Cesena avvia il nuovo hub di comunità
Vai all'articolo

Transizione digitale, il divario digitale contrappone piccoli e grandi centri urbani

No comments

La transizione digitale che sta coinvolgendo l’Italia evidenzia una contrapposizione a cui il Paese non era abituato: il divario non è più quello che storicamente vede come protagonisti il Nord e il Sud Italia ma, più frequentemente, i piccoli e i grandi centri urbani.

Dall’indagine condotta dall’Osservatorio della Fondazione per la Sostenibilità Digitale emerge infatti che un italiano su tre che abita nelle grandi città ha una conoscenza limitata degli strumenti digitali mentre il rapporto sale al 50% per i residenti nei piccoli centri.

Fra le statistiche raccolte dalla Fondazione emerge un ridotto uso dell’identità digitale che segue il trend appena descritto: SPID, per esempio, viene utilizzato dal 54% dei residenti dei grandi centri e dal 34,0% dei residenti dei piccoli centri come anche una sorte analoga è riservata all’uso di CIEID e dell’infrastruttura di pagamento PagoPA.

I dati fanno emergere la necessità di nuovi modelli di sviluppo e governance territoriale del processo di trasformazione digitale soprattutto considerando che l’80% dei Comuni italiani è al di sotto dei 3.000 abitanti.

La scarsa comprensione del fenomeno digitale impatta infatti significativamente con l’affermazione dei diritti di cittadinanza digitale che ciascun cittadino dovrebbe poter esercitare.

Maggiori informazioni nel sito della Fondazione per la Sostenibilità Digitale.

Smart NationTransizione digitale, il divario digitale contrappone piccoli e grandi centri urbani
Vai all'articolo

Il Comune di Bari attiva i propri sportelli di facilitazione digitale

No comments

Il Comune di Bari comunica l’attivazione degli sportelli di facilitazione digitale presso varie sedi comunali al fine di promuovere l’inclusione digitale attraverso azioni di alfabetizzazione digitale accessibili ai cittadini grazie alla disponibilità di operatori qualificati.

I punti sono stati attivati prevalentemente presso le sedi URP dei Municipi e sono pensati per supportare individualmente il cittadino nell’utilizzo dei dispostivi digitali nelle attività quotidiane e nella fruizione dei servizi digitali pubblici come anche l’impiego dell’identità digitale, SPID e CIEID, e anche l’infrastruttura di pagamento PagoPA.

Grazie ad attività di formazione individuale o collettive i facilitatori digitali, ossia il personale che presidia i punti di facilitazione digitale, spingeranno gli utenti a consolidare un’indipendenza nella fruizione degli strumenti digitali.

L’apertura degli sportelli è sostenuta dalle risorse del PNRR per promuovere il pieno godimento dei diritti di cittadinanza digitale attiva da parte di tutti i cittadini migliorando l’adozione dei servizi online.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Bari.

Smart NationIl Comune di Bari attiva i propri sportelli di facilitazione digitale
Vai all'articolo

Il Comune di Livorno forma i cittadini all’uso dei servizi digitali pubblici

No comments

Per aiutare i cittadini over 50, soprattutto quelli più impacciati nell’uso delle tecnologie, il Comune di Livorno ha deciso di promuovere un corso gratuito finalizzato all’acquisizione di competenze digitali di base e, in particolare, all’uso dei servizi digitali pubblici.

Tramite lo stanziamento di risorse comunali, l’Ufficio Servizi Informativi del Comune ha progettato un corso gratuito che toccherà alcuni argomenti fra cui l’uso dello SPID e della CIEID per accedere ai portali pubblici tanto da smartphone quanto da pc.

L’obiettivo è avvicinare la popolazione all’uso delle risorse digitali della PA fra cui il sito dell’INPS, dell’ASL e ovviamente del Comune.

L’appuntamento è previsto per il 9 aprile alle 17.30 e non richiede prenotazione.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Livorno.

Smart NationIl Comune di Livorno forma i cittadini all’uso dei servizi digitali pubblici
Vai all'articolo

Casalinghe Digitali, il Comune di Ancona promuove la diffusione di competenze digitali

No comments

Per agevolare l’acquisizione di competenze digitali da parte di poco meno di 10.000 fra casalinghe e casalinghi il Comune di Ancona ha deciso di supportare il progetto Casalinghe Digitali il cui obiettivo è la formazione finalizzata all’inserimento lavorativo e alla valorizzazione delle attività di cura.

Il progetto prevede 8 corsi di formazione webinar da 42 ore ciascuno con 150 partecipanti previsti per classe: il ciclo di lezioni verrà realizzato in un arco di dodici mesi grazie alla collaborazione di una rete di soggetti pubblici, privati e del terzo settore che si sono uniti per ottenere il finanziamento da parte del bando del Dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Gli argomenti trattati vanno dalla ricerca delle informazioni sul web alla creazione di contenuti passando per la gestione delle più comuni piattaforme di comunicazione ma anche alla conoscenza dei servizi digitali al cittadino offerti dalla pubblica amministrazione con particolare interesse verso l’identità digitale (SPID e CIEID) ma anche all’app IO e al Fascicolo Sanitario Elettronico.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Ancona.

Smart NationCasalinghe Digitali, il Comune di Ancona promuove la diffusione di competenze digitali
Vai all'articolo

Pillole Digitali, il Comune di Olbia promuove un percorso di alfabetizzazione digitale

No comments

Il Comune di Olbia promuove un percorso formativo dedicato al digitale organizzato dall’Olbia Community Hub e destinato a diffondere ai cittadini le conoscenze fondamentali per destreggiarsi nel mondo digitale.

L’iniziativa è organizzata in cinque lezioni tematiche dedicate a vari argomenti che vanno dalla gestione della posta elettronica all’uso dell’identità digitale (SPID e CIEID) passando per l’utilizzo dei più comuni software ad uso ufficio.

Le lezioni sono pratiche e studiate per essere fortemente interattive con il passaggio di concetti pratici e immediatamente spendibili in contesti reali: la struttura del corso è poi studiata per consentire di seguire le lezioni anche singolarmente senza necessariamente frequentare tutto il programma.

Ogni lezione dura un’ora ed è richiesta la prenotazione.

Maggiori informazioni nel comunicato del Comune di Olbia.

Smart NationPillole Digitali, il Comune di Olbia promuove un percorso di alfabetizzazione digitale
Vai all'articolo

ANPR, online i certificati elettorali

No comments

Su ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, sono ora disponibili nuovi servizi che consentono ai cittadini di consultare online i propri dati elettorali e di scaricare, in formato digitale, il certificato di iscrizione nelle liste elettorali e di godimento dei diritti politici.

La nuova funzione è stata realizzata grazie al lavoro congiunto del Ministero dell’Interno, del Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Sogei come partner tecnologico.

Dal punto di vista tecnico, l’innovazione è resa possibile dall’integrazione delle liste elettorali con i dati anagrafici esistenti in ANPR secondo le previsioni del CAD: si tratta di un primo passo che porterà ad attivare il certificato elettorale digitale ideato per sostituire, nel futuro, le tessere elettorali cartacee.

I cittadini che vogliano sfruttare i nuovi servizi possono autenticarsi sulla piattaforma digitale dell’ANPR tramite l’identità digitale, SPID e CIEID, quindi accedendo alla sezione dedicata ai servizi elettorali consultandoli ed eventualmente scaricando i relativi certificati.

Maggiori informazioni nel comunicato del Ministero dell’Interno.

Smart NationANPR, online i certificati elettorali
Vai all'articolo