MLOL, la versione digitale della biblioteca pubblica

No comments

MLOL, acronimo di Media Library Online, è il primo sistema bibliotecario digitale nazionale che raccoglie online la rete delle biblioteche pubbliche italiane.

Il progetto, partito nel 2005, ha visto il lancio della piattaforma online nel 2009 con un catalogo di oltre 28.000 eBook e l’adesione di 350 biblioteche sparse fra Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna e Umbria.

Oggi MLOL ha raccolto oltre 5.000 biblioteche in Italia con la capacità di offrire 24 ore su 24 a tutti i cittadini italiani contenuti multimediali fra cui eBook, quotidiani italiani ed esteri ma anche audiolibri, musica e film.

Si tratta di un servizio gratuito, con uno storico solido sebbene inspiegabilmente non pubblicizzato.

MLOL: un sistema bibliotecario digtale poco pubblicizzato ma che funziona

Per accedere al servizio reso da MLOL è necessario recarsi presso una delle biblioteche affiliate, iscriversi e ottenere la classica tessera bibliotecaria per poi aderire al servizio online.

Potrebbe essere in tal senso utile l’abilitazione di un servizio di autenticazione maggiormente digitale, come per esempio il ricorso a SPID ma per ora non ci sono novità in tal senso.

Recentemente anche la biblioteca civica di Gattinara ha aderito alla piattaforma online mentre la biblioteca civica di Monza è già da tempo nel circuito.

Smart NationMLOL, la versione digitale della biblioteca pubblica
Vai all'articolo

SPID cresce fra i cittadini ma frena fra le Pubbliche Amministrazioni

No comments

A quasi un anno e mezzo dal lancio di SPID, l’identità digitale sta convincendo i cittadini ma trova forti resistenze nelle Pubbliche Amministrazioni.

SPID è senza dubbio un’innovazione strategica per il rilancio del Paese: è infatti la chiave di accesso per interagire con la regione, il comune, l’azienda sanitaria, il fisco, la scuola, la previdenza e svariati altri servizi necessari ai cittadini.

Poco più di due milioni di italiani ne sono in possesso anche in virtù del fatto che procurarsi le credenziali SPID è abbastanza veloce e, per ora, gratuito.

La PA fa difficoltà ad adeguarsi a SPID

Il problema però sembra essere concentrato sulla Pubblica Amministrazione che non è veloce quanto dovrebbe nell’adottare SPID e renderlo funzionante sui propri sistemi.

Alcuni esempi: SPID non può essere attualmente utilizzato sul sito del Ministero dell’Interno per prenotare un appuntamento presso il comune di residenza e ottenere la Carta di Identità Elettronica (CIE).

Il sito dell’Agenzia delle Entrate ha avuto recentemente non poche difficoltà con l’autenticazione tramite SPID.

Il Comune di Roma, per permettere ai cittadini di ottenere la CIE, non considera l’uso di SPID e adotta un’applicazione fornita da privati.

In attesa del nuovo anno, ci si auspica che il percorso di diffusione di SPID sia progressivamente più veloce.

Smart NationSPID cresce fra i cittadini ma frena fra le Pubbliche Amministrazioni
Vai all'articolo

SPID, Aruba lancia una promozione per le imprese

No comments

Aruba crede in SPID e lo fa lanciando il servizio alle imprese gratuito per il primo anno.
Dopo essere diventata un Identity Provider, ossia un fornitore accreditato per l’erogazione dell’identità digitale, e aver iniziato a fornire identità digitali di livello 1 (solo username e password) e livello 2 (dispositivo OTP), ora Aruba è il primo servizio a gestire le credenziali SPID di livello 3 con autenticazione di nome utente e password insieme con l’utilizzo di un dispositivo di accesso.

La novità però è che, nell’ambito della volontà di diffondere l’impiego della soluzione di autenticazione anche alle imprese, il provider aretino ha deciso di offrire gratuitamente un’identità digitale a tutte le imprese italiane.

La promozione è valida fino al 31/05/2018 e comporta un risparmio di 35€ per il primo anno.

SPID, aziende e Unione Europea

L’iniziativa vuole facilitare l’ingresso delle imprese nel mondo dei servizi digitali messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione con la totale sicurezza del trattamento e della certificazione dell’identità online.

Questo aspetto assumerà un ruolo sempre più crescente anche in considerazione del prossimo utilizzo da parte della UE di SPID come sistema di identità digitale in forza del regolamento europeo EIDAS (regolamento UE n. 910/2014) sulle regole per la piena interoperabilità a livello comunitario degli strumenti per l’identificazione web dei cittadini.

Per attivare il servizio SPID con credenziali L3 occorre effettuare la procedura di riconoscimento gratuità tramite CNS oppure Carta di Identità Elettronica (CIE) o ancora attraverso un dispositivo di firma digitale o remota.

Maggiori informazioni qui.

Smart NationSPID, Aruba lancia una promozione per le imprese
Vai all'articolo

Roma lancia il prototipo del Sistema Unico di Segnalazione

No comments

L’obiettivo è permettere ai cittadini un accesso più semplice e immediato alla piattaforma che consenta di collaborare con l’amministrazione per rilevare problematiche in città e facilitare la loro risoluzione.

Tramite smartphone, tablet e pc è infatti possibile accedere al prototipo dell’interfaccia unica che integra diverse modalità di segnalazione come per esempio la piattaforma IoSegnalo o ancora il Sistema di Gestione dei Reclami.

Grazie al prototipo del Sistema Unico di Segnalazione i cittadini possono simulare l’intero processo di segnalazione provvedendo ad inserire una richiesta corredandola di foto, video e posizione satellitare.

Una volta effettuato l’inserimento, il cittadino potrà verificare l’avanzamento della lavorazione della segnalazione nei suoi vari stati: registrate, in lavorazione e chiuse.

Il cittadino può inoltre essere informato circa quale sia la struttura che è incaricata della pratica, l’iter di segnalazione e la data di prevista chiusura della stessa.

Una consultazione pubblica per la valutazione delle funzionalità

Per quattro settimane inoltre è attiva una consultazione pubblica attraverso cui i cittadini potranno esprimere le loro opinioni sulla nuova piattaforma di segnalazione ed esprimere il proprio gradimento circa funzionalità e facilità d’uso della stessa.

Per sperimentare il nuovo servizio e partecipare alla consultazione pubblica è necessario accedere tramite una registrazione al portale o utilizzando le credenziali del portale del Comune di Roma o ancora si può utilizzare SPID.

Smart NationRoma lancia il prototipo del Sistema Unico di Segnalazione
Vai all'articolo

Via libera al domicilio digitale per i cittadini

No comments

La Pubblica Amministrazione cambia grazie all’innovazione e così cambiano anche le abitudini del cittadino.

Nella bozza del decreto correttivo del CAD, il Codice dell’Amministrazione Digitale che è in esame al Consiglio dei Ministri, compare una marcata innovazione che riguarda la domiciliazione del cittadino.

Via libera infatti al domicilio digitale, l’indirizzo online attraverso il quale ognuno potrà essere raggiunto dalla Pubblica Amministrazione in modalità alternativa alla vecchia casella di posta elettronica.

Il cittadino potrà, se interessato, eleggere un indirizzo elettronico che vorrà utilizzare come domiciliazione digitale: da quel momento diventerà l’unico canale di comunicazione con le pubbliche amministrazioni, dove ricevere ogni tipo di notifica e comunicazione comprese le multe.

Il domicilio funzionerà a tutti gli effetti come posta elettronica certificata o servizio elettronico di recapito in linea con le regole Ue e avrà validità per ogni canale di comunicazione via web che rispetti le regole europee in materia di sicurezza.

Per erogare il domicilio digitale è prevista la realizzazione di un’infrastruttura, comprensiva di un portale online ad hoc, che conterrà un indice di tutti i domicili digitali: la piattaforma prenderà il via nel 2018 per entrare a regime nel corso del 2019.

Il cittadino potrà comunicare il proprio domicilio digitale in tre modalità differenti: il portale web dedicato, tramite autenticazione via SPID o Carta nazionale dei servizi (Cns), il trasferimento nel registro della PEC presente su Ini-Pec oppure utilizzando, sempre tramite autenticazione via SPID o Carta nazionale dei servizi (Cns), specifiche sezioni dei portali nazionali di servizio dedicati al cittadino.

La modifica al decreto prevede anche l’introduzione di un unico difensore civico per il digitale, istituito presso l’Agenzia per l’Italia Digitale, che sostituisca la moltiplicità di garanti attualmente presenti (uno per singola Pubblica Amministrazione).

Si è deciso quindi di non attendere il pieno funzionamento dell’ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolaziona Residente, recentemente ripartita grazie all’impegno del Team per la Trasformazione Digitale che si è proposto di attuarla in tempi celeri nonostante alcune resistenze data la sua complessità operativa.

L’ANPR infatti è un database strutturato che riunisce le singole anagrafi comunali ed è attualmente in fase di test presso alcuni Comuni pilota, anche di medio-grandi dimensioni, ma è lontana dalla piena operatività per tutta la nazione.

Il domicilio digitale rappresenta un grosso risparmio per la Pubblica Amministrazione

Il domicilio digitale, che richiederà una PEC o il possesso dello SPID, rappresenterà un risparmio potenziale di circa 250 milioni di euro per le casse pubbliche.

La Pubblica Amministrazione infatti non dovrà più sostenere i costi per produrre, conservare, trasmettere documenti cartacei, né altri costi, diretti (carta, toner, buste, etc.) e indiretti (costo del lavoro, tempo per attività manuali, tempo impiegato dal destinatario in caso di assenza per recuperare una raccomandata, etc.).

Smart NationVia libera al domicilio digitale per i cittadini
Vai all'articolo

Bonus asilo nido, attiva la procedura di richiesta tramite SPID

No comments

Il bonus asilo nido è uno degli interventi normativi indirizzati a sostenere la genitorialità sulla base di un contributo economico per integrare i redditi delle famiglie richiedenti.

Il bonus asilo nido consiste in un importo di massimo di 1000 euro su base annua e parametrato a 11 mensilità che viene corrisposto a beneficio di bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016.

Lo strumento prende il nome dalla finalità, ossia quella di agevolare il pagamento delle rette relative alla frequenza dei bambini in asili nido pubblici e privati autorizzati.

Alternativamente l’agevolazione è spendibile in favore dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche e impedenti la frequentazione di asili a causa delle quali le famiglie sono costrette ad avvalersi di servizi assistenziali domiciliari.

La domanda di accesso al bonus asilo nido può essere presentata dal genitore purché in possesso dei requisiti determinati dalla circolare INPS 22 maggio 2017, n. 88.

Bonus asilo nido richiedibile anche con SPID

Le modalità di presentazione sono indicate sul portale dell’INPS e, fra queste, c’è la possibilità di fruire del servizio di identità digitale SPID per l’autenticazione.

Alternativamente si può richiedere al contact center di INPS al numero 803 164 (06 164 164 da rete mobile) o agli enti di patronato e intermediari dell’Istituto.

Smart NationBonus asilo nido, attiva la procedura di richiesta tramite SPID
Vai all'articolo

Nasce Impresa Italia, la nuova piattaforma digitale per il cittadino imprenditore

No comments

Gli imprenditori italiani possono contare su un nuovo strumento digitale che permette di migliorare la gestione della propria impresa.

Grazie ad Infocamere che ne ha curato la realizzazione per conto delle Camere di Commercio d’Italia nasce impresa.italia.it, una piattaforma online che permette gratuitamente di accedere ai documenti ufficiali della propria azienda, in qualunque momento, da smartphone e tablet.

Una sorta di cassetto digitale dell’imprenditore disponibile per i cittadini legali rappresentanti di imprese iscritte alle Camere di Commercio.

Con la piattaforma Impresa Italia, la PA italiana diventa tascabile e permette di avvicinare milioni di imprenditori alla cittadinanza digitale, spingendoli ad utilizzare strumenti capaci di incrementare la competitività anche a livello internazionale.

L’imprenditore potrà quindi accedere in mobilità a documenti ufficiali e aggiornati in tempo reale, della propria impresa: da visure, atti e bilanci dal Registro delle Imprese sino al fascicolo informatico e alle pratiche presentate presso i Suap, gli Sportelli Unici delle Attività Produttive.

Sarà inoltre possibile effettuare ricerche e prelevare presentazioni digitali ed altre informazioni che la nuova generazione di imprese digitali ha inserito sul portale startup.registroimprese.it.

Imprese Italia utilizza SPID

La nuova piattaforma è ovviamente integrata con il Sistema pubblico di identità digitale (SPID) che consente, con un semplice clic, di autenticarsi.

Smart NationNasce Impresa Italia, la nuova piattaforma digitale per il cittadino imprenditore
Vai all'articolo

WiFi Italia, nasce la rete Wi-Fi pubblica italiana

No comments

Presentata oggi ufficialmente WiFi Italia, la rete Wi-Fi pubblica italiana.
Si tratta di un ambizioso progetto che punta a permettere a cittadini e turisti, italiani e stranieri, di connettersi gratuitamente e in modo semplice ad un’unica rete Wi-Fi libera ma soprattutto diffusa su tutto il territorio nazionale.

Dal punto di vista tecnico la rete WiFi Italia è sostanzialmente una federazione di reti pubbliche e private con un unico e semplice sistema di accesso, ossia un’applicazione per dispositivi mobili che permette a ciascun utente di collegarsi in maniera trasparente e immediato.

Il progetto è stato presentato oggi durante il convegno WiFi°Italia°it: una rete per fare rete organizzato dal MiSE in collaborazione con il MiBACT e la Commissione Europea.

Non solo connettività

La rete WiFi Italia non eroga solo il servizio di connettività ma anche contenuti e servizi addizionali dell’ecosistema del Turismo che verranno progressivamente aggiunti.

L’obiettivo infatti è quello di erogare servizi per incrementare la qualità dell’offerta turistica del Paese e, al contempo, imparare dal comportamento degli utenti che si collegano alla rete Wi-Fi tramite analisi dei dati opportunamente anonimizzati.

L’applicazione è di semplice installazione: una volta compiuta la registrazione, che sarà presto fruibile anche tramite SPID, il collegamento e l’autenticazione sulla rete Wi-Fi sotto la cui copertura ci si trova in quel momento è praticamente immediata.

L’app è disponibile per iOS e per Android o, direttamente dalla pagina di download.

Online anche lo streaming della presentazione.

Smart NationWiFi Italia, nasce la rete Wi-Fi pubblica italiana
Vai all'articolo

UniTo apre la propria rete Wi-Fi ai possessori di SPID

No comments

Torino è una fra le città italiane più tecnologicamente all’avanguardia: non a caso è stata la culla natale di diverse innovazioni fra cui si ricorda spesso e volentieri il formato mp3.

La città, laboratorio di talento, è anche un cantiere a cielo aperto per le sperimentazioni legate al concetto di smart city e connettività.

Nella stessa direzione è allineato anche l’impegno dell’Università di Torino che ha presentato SpidWiFi_UniTo un nuovo sistema che permette a tutti i cittadini
in possesso di credenziali SPID di accedere alla rete Wi-Fi di Ateneo.

L’idea anticipa il progetto di Italia Wi-Fi, un’unica rete nazionale accessibile tramite SPID.

Quello di Torino è il primo caso in Italia di un grande Ateneo che ha consentito l’accesso alla propria rete wireless.

L’iniziativa è in linea con gli obiettivi di terza missione dell’Università per dare ai cittadini di Torino ma anche a tutti coloro che dovessero passare per le aree coperte dal segnale, una possibilità in più per connettersi qualora in possesso delle credenziali SPID.

Spidwifi-UniTO è una rete diffusa

Il servizio è fruibile da tutti i cittadini in possesso di credenziali SPID ed è sufficiente selezionare la rete Wi-Fi spidwifi-UniTO che, in virtù dell’ampia copertura nel contesto metropolitano di Torino, è facilmente accessibile e presenta un segnale piuttosto forte.

La rete è accessibile anche al di fuori della città: si contano circa 130 sedi dislocate tra la città di Torino, Piemonte e Valle d’Aosta con quasi 1200 punti di accesso.

Smart NationUniTo apre la propria rete Wi-Fi ai possessori di SPID
Vai all'articolo

SPID, raggiunta quota un milione e mezzo di identità digitali

No comments

Le identità digitali SPID crescono sensibilmente e si attestano a quota un milione e mezzo.

Il Sistema Pubblico per l’Identità Digitale realizzato da AgID per rendere più semplice e immediato il rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione celebra un nuovo traguardo, ad oggi le identità infatti sono 1.483.080 mentre a gennaio erano un milione.

Con una sola coppia di credenziali, username e password, si può ora accedere a 4.166 servizi online offerti da 3.656 amministrazioni pubbliche e la disponibilità di servizi e amministrazioni è in costante crescita.

Anche i gestori dell’identità digitale aumentano: da luglio ad Aruba, Infocert, Poste Italiane, Sielte e Tim si affiancano Namirial e Register.it.

SPID è gratuito e facilita l’accesso ai servizi digitali della PA

L’identità digitale è gratuita per i primi due anni, non si conosce attualmente se il servizio diverrà a pagamento ma, anche se fosse, dovrebbe essere in linea con servizi omologhi come ad esempio la PEC.

Quali che siano le condizioni, si tratta comunque di un obolo accettabile in virtù della flessibilità e comodità garantita dal servizio.

Con SPID si può controllare velocemente la propria situazione INPS, INAIL, richiedere visure, effettuare prenotazioni, iscrivere i figli a scuola, stampare i certificati anagrafici, consultare il Fascicolo Sanitario Elettronico, pagare tasse e tributi e molto altro.

Smart NationSPID, raggiunta quota un milione e mezzo di identità digitali
Vai all'articolo