Friuli Innovazione promuove la formazione sulla stampa 3D

No comments

Friuli Innovazione, il centro di ricerca e di trasferimento tecnologico che si trova nel Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine, è molto attivo nella promozione di nuove tecnologie come la stampa 3D.

Dopo il successo del primo degli Open Days Additive Fvg tenutosi a fine settembre e dedicato alle tecnologie additive, Friuli Innovazione, in collaborazione con Cluster Comet Metalmeccanica Fvg e il laboratorio di meccatronica avanzata Lama Fvg, si prepara a bissare il successo con una seconda giornata.

Nel primo incontro, svoltosi presso il laboratorio di meccatronica avanzata Lama Fvg di Udine, si è parlato delle tecnologie additive e delle loro potenzialità in chiave generale con una visita guidata al laboratorio e alle sue attrezzature, con dimostrazione di stampa 3D, progettazione integrata, Industria 4.0/IoT e macchina utensile intelligente.

Nel secondo incontro, calendarizzato per il 20 ottobre, si affronterà lo sviluppo delle competenze di progettazione per la stampa 3D.

L’obiettivo è la formazione in Friuli Venezia Giulia di risorse umane con alta specializzazione nelle tecnologie additive in modo molto più rapido che in altre regioni europee al fine di sollecitare le aziende manifatturiere del territorio all’adozione di queste tecnologie per aumentare la loro competitività a livello internazionale.

Stampa 3D, competenze pratiche

I partecipanti riceveranno un inquadramento generale sulle tecnologie di stampa 3D ma impareranno anche a conoscere le proprietà dei materiali e dei componenti metallici prodotti con tecniche additive e tramite l’utilizzo di software appositi.

In più riceveranno le linee guida per la progettazione di pezzi da stampare in 3D.

L’evento è gratuito, è possibile iscriversi direttamente da Eventbrite oppure scrivendo a emanuela.testori(at)friulinnovazione.it.

Smart NationFriuli Innovazione promuove la formazione sulla stampa 3D
Vai all'articolo

All’Opera di Roma la prima scenografia teatrale stampata in 3D

No comments

Ancora una volta l’arte incontra la tecnologia e lo fa grazie all’innovazione prodotta dalle potenzialità delle fabbricazione addittiva.

Sul palco del teatro dell’Opera di Roma infatti le ambientazioni del Fra Diavolo, in scena dall’8 al 21 ottobre, hanno la particolarità di essere interamente realizzate con stampanti 3D.

Si tratta della prima volta in assoluto che un allestimento teatrale di tali dimensioni venga creato con questa tecnica.

Due grandi facciate deformate, larghe sei metri mezzo e alte cinque metri circa, sono state infatti realizzate adattando un capannone e trasformandolo in un service di stampa con all’interno ben cinque stampanti 3D che hanno sfruttato oltre 1.5 tonnellate di PLA, un polimero totalmente riciclabile derivante dal mais.

La stampa 3D permette scenografie impensabili

In precedenza erano già state utilizzate le stampanti 3D per creare maschere e componenti di arredo ma in nessun caso si era riusciti a replicare una struttura così estesa e complessa.

La riuscita del progetto si è dovuta all’ingegno e all’impegno di Wasp, l’azienda di stampanti 3D che ha supportato l’iniziativa reputandola una scommessa in cui credere nonostante le oggettive difficoltà in termini di costruzione delle macchine.

L’esperimento è destinato ad aprire la strada all’utilizzo sempre più massivo della tecnologia di fabbricazione addittiva da parte degli scenografi teatrali ma anche ipotizzare nuovi impieghi inesplorati come per l’esempio la riproduzione delle statue.

Smart NationAll’Opera di Roma la prima scenografia teatrale stampata in 3D
Vai all'articolo

Italmaker Show, tecnologia e robotica per le nuove generazioni

No comments

Tecnologia e robotica per diffondere la cultura digitale e avvicinare le giovani generazioni al mondo dell’innovazione per capire il presente e poter scegliere meglio il proprio futuro.

Questa è la ricetta di Italmaker show, un evento rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie che è unico nel suo genere offrendo spazio a robot, droni, realtà virtuale, stampanti 3D e, per la prima volta in Italia, un’aula didattica innovativa che riproduce l’interno di un’astronave.

L’evento, della durata di tre giorni, si tiene a Roma dal 4 al 6 maggio ed è completamente gratuito: pur essendo espressamente dedicato alle nuove generazioni potrà essere visitato anche da famiglie e appassionati.

L’appuntamento è presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Tor Vergata, dove verrà avviata la manifestazione che si trasferirà successivamente, nelle giornate del 5 e 6 maggio, presso gli spazi del Teatro di Tor Bella Monaca e del Centro “Le Torri”.

Italmaker Show: tecnologia, robotica e innovazione per rilanciare le aree svantaggiate di Roma

Si tratta di un’iniziativa nel cuore della periferia di Roma Capitale, di cui ha il patrocinio insieme a quello della Regione Lazio, con l’obiettivo di riqualificare le aree più svantaggiate della città attraverso la realizzazione di progetti innovativi che possono agevolare la creazione di nuove opportunità lavorative e orientare meglio i giovani per il loro cammino di conoscenza.

Smart NationItalmaker Show, tecnologia e robotica per le nuove generazioni
Vai all'articolo

La stampa 3D in aiuto dei bambini con disabilità

No comments

Si chiama l’Oggetto che non c’è, ma l’oggetto in realtà esiste ed è il frutto dell’utilizzo della stampa 3D: stiamo parlando di un innovativo tutore in grado di aiutare i bambini affetti da disabilità.

L’Oggetto che non c’è infatti è un progetto di Fondazione Together To Go (Tog) di Milano in aiuto dei bambini affetti da gravi patologie neurologiche che, sfruttando la stampa 3D, consente di produrre tutori in grado di agevolare i minori con patologie cerebrali a muoversi meglio.

Premiato da Fondazione Vodafone Italia, l’Oggetto che non c’è è stato creato grazie alla collaborazione con il Fablab Opendot: il risultato è un software per la stampa in 3D di tutori e accessori su misura e a costi ridotti per la riabilitazione e la cura di bambini e ragazzi da 0 a 18 anni.

Solitamente infatti i tutori per queste problematiche sono spesso oggetti costosi, esteticamente poco attraenti ma soprattutto non personalizzati sulle specifiche esigenze di ogni bambino provocando ulteriore motivo di disagio rispetto ai coetanei completamente abili.

Speciali tutori realizzati con l’impiego della stampa 3D

La soluzione di Fondazione Tog permette di creare sistemi di ausilio leggeri, colorati ed esteticamente belli preservando l’indirizzo alle singole specificità di ciascun bambino.

Il progetto l’Oggetto che non c’è offre inoltre consulenza per i fisioterapisti e le famiglie che collaborano alla riprogettazione e prototipazione di questi ausili.

L’impegno di Fondazione Tog è in essere già da qualche anno con terapie gratuite a un centinaio di bambini e adolescenti con deficit motori, cognitivi, comportamentali e di comunicazione.

Smart NationLa stampa 3D in aiuto dei bambini con disabilità
Vai all'articolo

Il Codice del Volo di Leonardo in 3D

No comments

Il binomio antico e moderno è spesso vincente: lo hanno ben capito i curatori della mostra Leonardo e il volo che si terrà pressi i Musei Capitolini fino al 17 aprile.

Durante la mostra verrà esposto il Codice del Volo, il celebre manoscritto di Leonardo, accompagnato da un’esperienza multimediale che consente al visitatore di interagire con esso e di provare l’esperienza del volo.

La realtà virtuale a servizio del Codice del Volo di Leonardo

Si tratta della prima volta che questa opera viene esposta a Roma: l’originale, proveniente dalla Biblioteca Reale di Torino, sarà consultabile in 3D grazie alle installazioni progettate dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

L’interazione risulterà del tutto realistica e verrà anticipata dall’esperienza immersiva in una pinacoteca virtuale che raccoglie alcuni degli studi di Leonardo sul volo e di preparazione al codice realizzato nel ‘500.

Il manoscritto intreccia scienza, arte e immaginazione: queste tre caratteristiche guidano anche l’avventura spaziale che è la naturale evoluzione del lavoro di Leonardo.
Non a caso una copia digitale è su Marte, a bordo del rover Curiosity.

A tale proposito, nella mostra sarà presente anche un modello di ExoMars, il rover di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e agenzia spaziale russa Roscosmos che raggiungerà Marte nel 2020, messo a disposizione dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Smart NationIl Codice del Volo di Leonardo in 3D
Vai all'articolo

Maker Faire Rome, al via la fiera dell’innovazione

No comments

Finalmente è arrivato il giorno tanto atteso: stampa 3d, IoT, big data, robotica e molto altro tornano ad arricchire Roma nell’evento più sentito per i makers di tutta Italia.

Inizia infatti oggi la Maker Faire Rome 2016, la grande fiera dedicata all’innovazione dove gli artigiani digitali mostreranno le ultime novità a partire dai 700 progetti esposti

Maker Faire Rome: un evento che cresce

Se prima l’evento attraeva innovatori e studenti, adesso coinvolge famiglie e anche imprenditori che vedono nelle possibilità offerte dai makers uno strumento per innovare le proprie realtà.

Del resto la fiera, oggi alla sua quarta edizione, è passata dai 35 mila visitatori del primo anno, ai 90 mila del secondo, fino al record di 100 mila della scorsa edizione.

L’interesse verso la Maker Faire coinvolge anche le istituzioni basti pensare che anche la Polizia di Stato e la Marina militare partecipano con i loro progetti all’avanguardia.
La Marina militare italiana presenta il simulatore di plancia per rendere l’esperienza di conduzione della fregata Carlo Bergamini nel porto di Taranto.

La Polizia di Stato invece, tramite il Pullman Azzurro, offre un’aula multimediale itinerante a bordo della quale, con strumenti innovativi e interattivi, sarà possibile intraprendere delle lezioni sulla sicurezza stradale.

Non solo, nei 100 mila metri quadrati totali di cui 55 mila di superficie espositiva coperta per l’edizione 2016, vi sono 8000 mq dedicati a bambini e ragazzi dai 4 ai 15 anni, con i laboratori dedicati per l’avviamento ad attività creative digitali.

Compaiono inoltre i droni di ultima generazione e progetti tecnologici dedicati allo sport come Cella Basket che propone sfide con il pubblico su un campo di pallacanestro ed esibizioni per Racer 7, un robot in grado di mettere a segno centinaia di canestri senza sbagliare un colpo.

Di più, nella manifestazione ci sarà anche una parte formativa per la manifattura italiana in modo da permettere a fabbri, artigiani e orefici di avvicinarsi al mondo del digital manufacturing per innovare la propria produzione.

Se amate quindi i droni e la robotica, la stampa 3D, l’industria 4.0, l’IoT (internet delle cose) dovete necessariamente fare un salto a Roma.

In alternativa sono visibili in streaming alcuni appuntamenti direttamente nella sezione dedicata.

Il programma completo è disponibile qui.

Smart NationMaker Faire Rome, al via la fiera dell’innovazione
Vai all'articolo

A Brescia torna Supernova, il festival dell’innovazione

No comments

Il vero anno di svolta per Supernova è appena iniziato.
Torna a Brescia il 29 e il 30 settembre, l’1 e il 2 ottobre il festival organizzato da Talent Garden.
Brescia si pone quindi al centro del dialogo su temi molto attuali come l’innovazione e la tecnologia presentando il festival Supernova avendo come principale scopo quello di essere uno stimolo per lo sviluppo di soluzioni sostenibili e green.
Ambiente e innovazione saranno le parole chiave, intendendo ambiente non solo come concetto green e naturale ma anche come ambiente da condividere, habitat umano, reale e virtuale, connesso e sociale.

Laboratori e Workshop non mancheranno per presentare e fare conoscere tutte le varie facce dell’innovazione all’interno di un complesso tessuto imprenditoriale.
Quella che stiamo vivendo sembra essere a tutti gli effetti una vera e propria quarta rivoluzione industriale all’insegna dello Smart Manufacturing (cioè l’innovazione digitale applicata ai processi dell’industria).

Il programma del festival Supernova

Venerdì 30 settembre il festival presenterà Cisco, il leader tecnologico mondiale che dal 1984 è il motore di internet e, sempre nella stesso giornata, ci sarà la UXCON16 – The Future of Business, cioè un evento dedicato al buisness, un modo per capire come si sta evolvendo il panorama economico e produttivo globale.
Sabato 1 e domenica 2 ottobre, si potrà partecipare a workshop e assistere a live performance legate all’innovazione nell’ambiente e nel sociale ma anche nel cibo.
Non mancheranno poi gli appuntamenti fissi delle scorse edizioni. Il meglio dell’industria bresciana affiancato da grandi aziende internazionali e startup, presenterà conferenze e dibattiti sul mondo della comunicazione e del marketing.

Il 1° ottobre sarà poi la volta di IMW, un convegno di giovani di AIB, che porterà sul palco grandi nomi dell’imprenditoria.
Sarà imperdibile anche, come ogni anno, la classica cena di apertura al Festival, da sempre già occasione per scambiarsi idee e opinioni.
Quest’anno la cena si presenta come occasione per gli ospiti di fare un percorso sensoriale unico tra i migliori piatti di chef stellati.

Smart NationA Brescia torna Supernova, il festival dell’innovazione
Vai all'articolo

Maker Faire, a Roma l’innovazione per tutti

No comments

Presentata oggi la nuova edizione della Maker Faire, la grande festa dell’innovazione portata in Europa sulla base del celebre format statunitense, che si trasferisce alla Fiera di Roma e per l’occasione sarà maxi.
Non è solo un auspicio ma la naturale evoluzione di un fenomeno cresciuto negli anni e che, per l’edizione che si terrà dal 14 al 16 ottobre, occuperà sei padiglioni per un totale di oltre 100mila metri quadrati dei quali 55mila al coperto per una fiera in cui non solo si guarda ma si diventa anche veri e propri protagonisti.
Una festa per tutte le età con 8mila metri quadrati dedicati solo ai ragazzi dai 5 ai 15 anni.

I protagonisti di queste evento, i veri maker, sono proprio le persone comuni, siamo tutti noi quando dobbiamo affrontare la quotidianità e mettiamo in atto creatività e spirito di adattamento.
Saranno infatti oltre 700 i progetti esposti selezionati tra i 1.500 visionati in vari bandi, si vedranno tra i tanti il laboratorio d’analisi portatile We-Lab e un orto domestico a misura di bambini, Ortuino.

Saranno centinaia gli incontri e le conferenze, i workshop e i temi del nostro vivere contemporaneo.
Si parlerà di droni, di robotica, di stampa 3D, di ogni angolo delle nostre quotidianità, dai trasporti all’ambiente, dalla cucina alla musica. Non sarà tralasciato niente.
La Maker Faire proporrà anche una serie di demo-workshop, cioè corsi dimostrativi per illustrare e comprendere come la fabbricazione digitale potrà essere un motore in più per le attività artigianali.

I progetti selezionati arrivano da oltre 65 Paese tra cui Germania, Spagna, Turchia, Emirati Arabi, Cina, Regno Unito.
La fiera avrà dimensioni e spazi mai sperati prima con anche 10 metri di parete interattiva che reagisce ai vari tocchi, 200mq di pista per go-kart con integrata la realtà virtuale, un vero e proprio intrattenimento per tutte le età.

Intrattenimento e divertimento sì ma con un occhio sempre rivolto anche al risvolto educativo e dell’apprendimento.
L’alfabetizzazione digitale sarà infatti una delle bandiere di questo progetto giunto ormai alla quarta edizione.
L’appuntamento è presso la fiera di Roma dal 14 al 16 ottobre e l’hashtag sarà #MFR2016.

Di seguito l’estratto della conferenza stampa tenutasi il 18 marzo 2016.

Smart NationMaker Faire, a Roma l’innovazione per tutti
Vai all'articolo

CAP, la stampa 3D al servizio degli animali

No comments

Il progetto CAP, acronimo per Computer Aided Pets Project, è un’iniziativa che unisce la tecnologia all’impegno sociale nei confronti degli animali e del mondo veterinario.

Grazie all’impiego di programmi di modellazione CAD e l’utilizzo della stampa 3D, il gruppo di volontari che partecipano al progetto sono in grado di realizzare protesi di supporto per animali vittime di incidenti o patologie che ne richiedano l’uso.

I manufatti 3D rispondono perfettamente all’esigenza dei pazienti in virtù della precisione della modellazione 3D e sono estremamente accessibili come prezzi rendendoli idonei anche per il recupero funzionale di animali randagi o selvatici.

Il progetto CAP nasce dall’iniziativa di Jim Song che, a propria volta, si è ispirato alla fondazione E-nable, una no profit che opera nel medesimo settore tecnologico ma rivolgendosi agli essere umani grazie ad una comunità di migliaia di esperti di stampa 3D in tutto il mondo.

Del resto si è già visto come il settore della stampa 3D possa rappresentare il futuro della medicina, specialmente in campo ortopedico.

Come funziona il Computer Aided Pets Project

Grazie all’apposito form di contatto, è possibile inviare una richiesta di aiuto per il proprio animale ai volontari del progetto CAP.

Partita la richiesta, viene gestita dal sistema che la instrada ad un volontario selezionato sulla base della vicinanza geografica rispetto al richiedente anche perché sono fisiologicamente richiesti diversi tentativi per effettuare un impianto protesico effettivamente funzionale.
La realizzazione della protesi per animali richiede generalmente tempi abbastanza lunghi e ha una durata nel tempo limitata anche per il rischio che la protesi stampata in 3D possa essere danneggiata dall’animale stesso: è quindi preferibile avere un volontario di CAP in zona, pronto ad intervenire.

Sul sito di CAP è disponibile una sezione dedicata ai disegni e progetti di protesi, liberamente scaricabili e modificabili: ne fanno parte, per esempio, Figo, una sedia a rotelle per cani privi dell’uso delle zampe posteriori o protesi per cicogne.

Il CAP ha tre grandi centri organizzativi: in California, a Rancho Cucamonga, in Giappone, a Tokyo, e in Cina, a Pechino.

Tuttavia il reclutamento avviene online grazie a una libera adesione con alcuni requisiti tecnici, come per esempio il possesso di una stampante 3D e la conoscenza dei programmi di progettazione, oppure meno specifici ma altrettanto importanti come le competenze in ambito comunicativo o logistico per contribuire alla crescita del gruppo dei volontari.

Smart NationCAP, la stampa 3D al servizio degli animali
Vai all'articolo

Industria 4.0, McKinsey lancia un progetto pilota di fabbrica digitale

No comments

Il rilancio dell’industria italiana passa attraverso il digitale: con la completa digitalizzazione della catena di montaggio infatti è possibile efficientare la produzione calcolando in ogni passaggio il tasso di produttività delle macchine, degli adetti nonché l’impiego della materia di prima necessaria alla produzione.

I sensori digitali monitorano ogni processo produttivo e raccolgono dati che vengono poi analizzati per incentivare miglioramenti nel processo produttivo.
Il risultato è un prodotto più sostenibile, meno costoso e soprattutto tarato sui bisogni contingenti senza sprechi, praticamente on demand.

Questo è lo scenario a cui si assiste a Pordenone dove è nata la fabbrica pilota 4.0 grazie ad una sinergia fra McKinsey e Unindustria Pordenone.

Digital Fabrication: il nuovo modo di fare industria

L’industria 4.0 si basa su una successione di livelli di azione.
L’inizio è costituito dall’utilizzo dei dati come strumento per creare valore: l’adozione di big data e open data permette di prelevare una quantità considerevole di informazioni dalle macchine.
Il passaggio successivo è rappresentato dall’analisi di questi dati affinché si possano identificare eventuali punti di inefficienza.
Il terzo passaggio riguarda l’interazione uomo-macchina: ovvero come istruire le macchine tramite interfacce e linguaggi al fine di migliorare lo scenario che è stato costruito nei precedenti livelli.
Infine l’ultimo passaggio riguarda la digital fabrication (o fabbricazione digitale), ovvero l’identificazione dei metodi e degli strumenti migliori per produrre i beni come ad esempio il ricorso alla stampa 3D o ai robot.

Produrre quello che serve quando serve appunto, potendo modulare la produzione in relazione alle richieste del mercato ed abbattendo i costi di stoccaggio e logistica rappresenta una chiara innovazione che viene recepita in un distretto industriale, quello di Pordenone, dove si concentrano la filiera del mobile e del bianco ossia degli elettrodomestici.

Non a caso l’innovazione di McKinsey si propone ad aziende come Electrolux di Porcia e alla stessa Ikea come laboratorio per innovare i processi in modo da recuperare produttività.

Smart NationIndustria 4.0, McKinsey lancia un progetto pilota di fabbrica digitale
Vai all'articolo