YouTube attiva le trasmissioni in diretta streaming

No comments

Per tutti gli appassionati delle dirette streaming, dopo Facebook ora si può trasmettere live anche su YouTube.

Nell’ultimo aggiornamento apparso sul blog ufficiale dell’azienda, i product manager Barbara Macdonald e Kurt Wilms svelano i dettagli della nuova funzionalità.

Il servizio, attualmente disponibile solo per i creativi con 10mila follower, sarà a breve reso accessibile a tutti.

La diretta streaming su YouTube è disponibile tramite smartphone

Per trasmettere in diretta streaming è necessario utilizzare uno smartphone poiché la funzione, almeno inizialmente, sarà attiva solo tramite dispositivi mobili.

All’interno dell’applicazione mobile infatti sarà sufficiente cliccare l’icona live: i filmati realizzati in diretta streaming avranno le stesse funzionalità dei normali video di YouTube e pertanto saranno rintracciabili con la ricerca, attraverso i suggerimenti o le playlist e possono essere protetti dagli utilizzi non autorizzati.

Un esempio di diretta streaming e di come venga catalogata si ha, ad esempio, qui:

Insieme alla diretta streaming sarà ovviamente possibile interagire con gli spettatori attraverso una chat live.

YouTube segue così la strada tracciata da Facebook e Instagram, benché la diretta streaming fosse già supportata fin dal 2011 anche se era ad appannaggio di pochi eventi: ora tutti potranno beneficiarne.

Smart NationYouTube attiva le trasmissioni in diretta streaming
Vai all'articolo

Amazon Prime Video arriva in Italia

No comments

L’arena dello streaming online si arricchisce di un nuovo concorrente, si tratta di Amazon che fa debuttare sul mercato italiano Amazon Prime Video.

Da oggi sono infatti disponibili in abbonamento film e serie tv originali e i grandi classici del cinema: i contenuti sono accessibili ovviamente in streaming ma possono essere anche scaricati su tablet, smartphone, tv, console e computer.

I contenuti possono essere visualizzati fino a tre dispositivi contemporaneamente.

Gli utenti possono accedere ad Amazon Prime Video con l’app di Amazon Prime Video per smartphone e tablet Android e iOS, tablet Fire, alcuni modelli di Smart TV di LG e Samsung, PlayStation 4, oppure online sul sito della piattaforma.

Amazon Prime Video vs Netflix: uno scontro interessante

La concorrenza con Netflix si fa dunque agguerrita sino dalle prime battute e il terreno di scontro sarà legato non solo ai contenuti in catalogo ma soprattutto alle produzioni originali.

Gli utenti Amazon Prime Video potranno quindi visionare serie come The Grand Tour di Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May e anche contenuti esclusivi Amazon come The Man in the High Castle, Transparent, Mozart in the Jungle o Tumble Leaf.

Chiaramente, per orientarsi nella giungla dei servizi di streaming e cercare i contenuti video più interessanti suggeriamo di ricorrere al motore di ricerca JustWatch.

Amazon Prime Video è accessibile senza costi aggiuntivi per tutti i clienti Amazon iscritti al servizio Amazon Prime; gli altri possono iscriversi al servizio su primevideo.com al prezzo di lancio di $2,99 (o €2,99) al mese per i primi sei mesi.

I contenuti Amazon Prime Video sono in inglese; sottotitoli e doppiaggio in italiano, francese, portoghese e spagnolo sono disponibili per parte del catalogo.

La qualità visiva può essere modificata scegliendo tra le diverse impostazioni della qualità di visione Good (qualità buona), Better (qualità superiore), Best (ottima), che utilizzano le tecnologie di compressione video per ridurre il consumo di dati senza ridurre la qualità di visione.

Smart NationAmazon Prime Video arriva in Italia
Vai all'articolo

JustWatch, arriva in Italia il motore di ricerca per lo streaming online

No comments

La diffusione dei servizi di streaming online ha portato inevitabilmente un problema: la quantità di film, serie televisive e programmi è aumentato esponenzialmente tanto da rendere difficile l’individuazione dei contenuti più graditi agli utenti.

Una possibile soluzione è rappresentata da JustWatch: si tratta di un motore di ricerca, similare a Google ma dedicato ai programmi in streaming presenti nel nostro Paese.

JustWatch: il motore di ricerca per lo streaming online

In pochi clic è possibile individuare il proprio programma preferito e capire quale servizio in streaming lo sta offrendo; non è un servizio da sottovalutare considerando che in un recente studio di Ericsson ogni utente perde quasi 1 anno della propria vita a cercare cosa guardare in televisione.

Con oltre 20 milioni di utenti in tutto il mondo JustWatch si espande quindi nel nostro Paese dove, prima della localizzazione italiana, contava già oltre 250.000 visite.

Il motore di ricerca è accessibile sul web ma anche tramite app iOS o Android e presto verrà implementato anche sulle smart tv.

Il lancio italiano è stato possibile grazie ad accordi con diversi partner fra cui Netflix, Infinity, TIMvision, Premium play, NOW TV, Sky GO, iTunes, CHILI, Google Play Movies, Wuaki, Microsoft PlayStation, Mubi, GuideDoc.

Il servizio è gratuito e monetizza i propri ricavi grazie alla pubblicità e ai dati anonimi sulle preferenze dei film.

Smart NationJustWatch, arriva in Italia il motore di ricerca per lo streaming online
Vai all'articolo

In arrivo la visione offline per Sky e Netflix

No comments

Stanchi di perdere la connessione e non potervi gustare un contenuto video con continuità? Avete davanti un lungo viaggio in treno o aereo e vorreste avere dei film da guardare ma non potete contare sulla connessione o su un’adeguata larghezza di banda? Il problema è destinato a risolversi molto velocemente.

Le due più grandi aziende impegnate nello streaming online, Sky e Netflix per l’appunto, hanno deciso di consentire di fruire dei contenuti video anche offline.
L’utente infatti potrà scaricare le informazioni per vederle comodamente anche in un secondo tempo senza necessariamente essere connesso alla rete.

La prima ad introdurre il servizio è Sky che, grazie a SkyGo Plus consente di scaricare film e serie tv su pc, tablet e smartphone per guardarli anche senza essere connessi.

Basta cliccare sull’icona del download del contenuto, senza alcun limite che non sia lo spazio di archiviazione disponibile: esattamente come Spotify consente per il proprio servizio di streaming musicale.

Nel caso di Sky, il servizio SkyGo Plus si paga 5 euro al mese a meno che non si abbia il multivision, in quel caso è gratuito.
Per tutti gli abbonati con almeno un anno di anzianità con il pacchetto Sky Cinema però il servizio sarà offerto senza costi aggiuntivi fino a giugno 2017 se attivato entro gennaio.

Non è da meno Netflix che introdurrà la possibilità di scaricare film e serie TV sui dispositivi degli iscritti entro la fine dell’anno anche se non si conoscono ancora le modalità.
Netflix potrebbe concedere il download a tutti gli abbonati, oppure limitare questa possibilità a solo alcuni contenuti (come le serie autoprodotte) o ancora esclusivamente agli iscritti che sottoscriveranno un servizio addizionale.

Qualunque sia il metodo, è certo che un grosso cambiamento ci aspetta e i consumatori non possono che essere felici di avere a disposizione una nuova tecnologia che risolva un problema sentito e comune.

Smart NationIn arrivo la visione offline per Sky e Netflix
Vai all'articolo

Chiude Torrentz, la pirateria corre sullo streaming online

No comments

Torrentz, uno dei più longevi e popolari meta-motori di ricerca pirata fondato nel lontano 2003, ha chiuso di propria iniziativa i battenti lasciando agli utenti un semplice e laconico messaggio.
Torrentz era un meta motore di ricerca gratuito e potente, in grado di combinare i risultati di dozzine di altri motori di ricerca. Torrentz vi amerà sempre. Addio“.

La decisione è stata probabilmente conseguente al blocco e confisca da parte delle autorità statunitensi di Kickass Torrents, un altro popolare sito.

Benché siano ancora molti i siti torrent di grandi dimensioni rimasti in attività, sembra che quanto accaduto rafforzi un processo che ormai sembra inesorabile: grazie alla velocità delle connessioni e ai sistemi di archiviazione su cloud, anche i contenuti pirata non vengono più cercati per essere scaricati ma vengono fruiti direttamente online, in streaming.
I siti torrent rappresentano ormai solo il 17% della complessiva attività di pirateria dato che la restante percentuale delle attività illegali legate a film e contenuti televisivi transiterebbe ormai attraverso lo streaming.

L’interesse per la fruizione di contenuti tramite streaming non è però solo ad appannaggio di coloro che utilizzano materiale pirata: le soluzioni tecnologiche a pagamento, come ad esempio Netflix segnano interessanti risultati.
Cumulativamente lo streaming di contenuti legali a pagamento segna in Italia una crescita del 51% con un fatturato pari a 26,3 milioni di euro.

Smart NationChiude Torrentz, la pirateria corre sullo streaming online
Vai all'articolo