A Palermo, Pisa, Prato e Sanremo i taxi si pagano tramite smartphone

No comments

Nelle città di Palermo, Pisa, Prato e Sanremo il servizio di trasporto di pubblica piazza si arricchisce di una nuova possibilità messa a disposizione ai propri utilizzatori per saldare la corsa tramite smartphone.

Tinaba, l’app per trasferire denaro tramite smartphone senza costi di commissione, ha esteso l’accordo con l’Unione dei Radiotaxi d’Italia (U.R.I.) per l’impiego della soluzione tecnologica di pagamento su ulteriori 302 vetture di pubblico servizio che si aggiungono ai 6.647 taxi già attivi nelle restanti città.

Grazie a questo accordo Tinaba si riconferma il più diffuso sistema di pagamento digitale per le auto bianche in Italia e punta alla piena copertura di tutte le vetture delle Cooperative che aderiscono all’Unione dei Radiotaxi d’Italia, la più grande unione di taxi del Paese.

Tinaba disponibile anche a Palermo, Pisa, Prato e Sanremo

Tinaba è quindi disponibile a Sanremo sulle 47 vetture aderenti a Consorzio Taxi Sanremo e contemporaneamente anche a Pisa, Prato e Palermo.

A bordo delle vetture coinvolte è presente una targhetta con QR Code per effettuare il pagamento della corsa semplicemente inquadrandolo e inserendo la cifra dovuta al tassista.

Il pagamento è immediato e l’autista riceverà in tempo reale la conferma dell’avvenuto accredito.

Tinaba inoltre consente, grazie alle sue funzioni interne, di poter sfruttare modalità di pagamento avanzate come il conto condiviso per dividere direttamente tramite l’app il pagamento di un viaggio o far pagare la corsa ad un terzo soggetto non presente sulla vettura.

Smart NationA Palermo, Pisa, Prato e Sanremo i taxi si pagano tramite smartphone
Vai all'articolo

A Bologna, Brescia e Firenze i taxi si pagano tramite smartphone

No comments

A partire da oggi gli utilizzatori del servizio Taxi delle città di Bologna, Brescia e Firenze possono utilizzare una nuova modalità di pagamento tramite smartphone.

Grazie ad un accordo con Tinaba, l’app per trasferire denaro tramite smartphone senza costi di commissione, l’Unione dei Radiotaxi d’Italia (U.R.I.) sta attivando sugli oltre 8 mila taxi delle cooperative aderenti l’opportunità di effettuare pagamenti dematerializzati tramite app con un semplice tap sul proprio dispositivo mobile.
Bologna, Brescia e Firenze non sono le prime città in cui il servizio è disponibile: a fare da capofila per la sperimentazione sono state Milano e Roma.

Grazie all’accordo con U.R.I., Tinaba è a tutti gli effetti il più diffuso sistema di pagamento digitale per le auto bianche in Italia: salendo su una vettura di servizio, si noterà la presenza di una targhetta con QR Code da inquadrare per effettuare il pagamento della corsa.

Il pagamento è immediato e il taxista riceverà in tempo reale la conferma dell’avvenuta transazione.

L’app inoltre permette il ricorso ad interessanti funzionalità come il conto condiviso per dividere direttamente tramite l’app il pagamento di un viaggio o far pagare la corsa ad un terzo soggetto non presente sulla vettura.

Infine un’ulteriore comodità è rappresentata da un rimborso (cashback) fino ad un massimo di 10 euro per la prima corsa offerto da Tinaba.

Smart NationA Bologna, Brescia e Firenze i taxi si pagano tramite smartphone
Vai all'articolo