Al via la seconda edizione della Terni Digital Week

No comments

Parte ufficialmente oggi la seconda edizione della Terni Digital Week, la manifestazione incardinata sui principali temi relativi a digitale e innovazione che si tiene a Terni dal 23 al 27 Settembre 2020 ed è promossa dall’Associazione Terni Digital.

L’appuntamento di quest’anno è forte di un’importante partecipazione dell’evento dell’anno passato grazie alla presenza di relatori provenienti dall’Italia e dal resto del mondo: i temi trattati sono vari e spaziano dalle smart city all’agricoltura 4.0 ma anche tutela tecnologica del made in Italy, robotica e le sfide dell’healthcare e del turismo digitale.

Nonostante la pandemia da COVID-19 la Terni Digital Week si svolge fisicamente e ha raddoppiato gli spazi a disposizione, nel rispetto dei protocolli sanitari obbligatori: in tutta la città si alterneranno vari panel che coinvolgono la Camera di Commercio, la Biblioteca Comunale, il PalaSi! Culture&Eventi, il Cenacolo San Marco, l’Ecoworking Terni, il Palazzo Spada e la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia.

La Terni Digital Week è sostenuta dalla collaborazione di diversi attori fra cui: Regione Umbria, Camera di Commercio di Terni, Comune di Terni, Biblioteca Comunale di Terni, Università degli Studi di Perugia, Istituto Tecnico Tecnologico “Allievi-Sangallo” e ASM Terni.

Smart NationAl via la seconda edizione della Terni Digital Week
Vai all'articolo

Trasferimento tecnologico, nasce Fondazione Enea Tech

No comments

Con la firma del decreto di approvazione del suo statuto, nasce Fondazione Enea Tech: si tratta del soggetto incaricato dal Ministero dello Sviluppo Economico della gestione del primo fondo italiano interamente dedicato al trasferimento tecnologico.

La fondazione infatti, nata sulla scia del Decreto Rilancio, ha il compito di promuovere investimenti e iniziative che permettono di sviluppare nuove tecnologie e supportare i processi produttivi aziendali: per ottenere il risultato, la Fondazione avrà il ruolo di investitore in startup e piccole e medie imprese innovative, spin-off universitari e centri di ricerca e sviluppo.

La missione di Enea Tech è comunque l’aumento del valore derivante dai processi di innovazione e trasferimento tecnologico al fine di sviluppare imprese ad alto contenuto tecnologico: per questo motivo è stata inizialmente dotata di un fondo di circa 500 milioni di euro.

Maggiori informazioni nel comunicato presente sul sito del MISE.

Smart NationTrasferimento tecnologico, nasce Fondazione Enea Tech
Vai all'articolo

Fondazione Vodafone annuncia il primo localizzatore al mondo per persone affette da autismo

No comments

Fondazione Vodafone, in collaborazione con Cervelli Ribelli, ha annunciato la nascita del primo localizzatore al mondo ideato per ridurre il rischio di scomparsa di persone affette da autismo.

La soluzione tecnologica risponde alla necessità dimostrata dalle persone autistiche e dalle relative famiglie onde soddisfare il bisogno di prevenire l’eventualità di incidenti che potrebbero essere originati in seguito alla patologia: capita infatti che i pazienti autistici perdano i propri riferimenti con il rischio di iniziare a vagare senza meta, allontanandosi da zone sicure.

Per questo timore, in assenza di uno strumento di controllo, si tende a limitare la libertà di movimento all’aria aperta comprimendo di conseguenza le occasioni di inclusione: la problematica è condivisa, peraltro, anche dagli individui affetti da un’altra patologia fortemente limitante quale l’Alzheimer cui potrebbe essere destinata la medesima soluzione opportunamente declinata.

Il rilascio del prodotto è previsto per i prossimi mesi ed è frutto della collaborazione fra il promotore, Fondazione Vodafone, e Cervelli Ribelli coadiuvati da un un team di esperti formato da medici, psicologi, educatori, informatici e designer.

La fase di prototipazione è prevista per settembre, cui seguirà la sperimentazione sul campo per valutare gli indici di benessere delle persone che lo utilizzeranno e l’affidabilità del dispositivo oltre all’usabilità del dispositivo indossabile adatto alle persone con autismo.

Smart NationFondazione Vodafone annuncia il primo localizzatore al mondo per persone affette da autismo
Vai all'articolo

Nasce a Genova il Liguria Innovation Exchange

No comments

A Genova nasce il Liguria Innovation Exchange, un centro dedicato all’innovazione digitale al servizio di cittadini, aziende e della Pubblica Amministrazione.

Regione Liguria, la promotrice dell’iniziativa, ha voluto imprimere una decisiva spinta all’inarrestabile processo di sviluppo tecnologico di tutto il territorio tramite un polo frutto della sinergia tra Liguria Digitale e Cisco.

Il Liguria Innovation Exchange è un laboratorio dell’innovazione in cui creare progetti destinati ad accrescere l’inclusione digitale tramite un hub da 2mila metri quadrati presso il parco tecnologico degli Erzelli.

L’area ospiterà uffici, aule e laboratori per formazione anche in modalità remota: le attività interessano l’adozione e l’approfondimento di varie tecnologie che verranno sviluppate in collaborazione con una rete di aziende locali e l’Università degli studi di Genova.

Fra i progetti di primario interesse per il nuovo polo vi è la cybersecurity e le tecnologie innovative impiegabili per i trasporti e per la logistica.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Regione Liguria.

Smart NationNasce a Genova il Liguria Innovation Exchange
Vai all'articolo

Learn ON in Italy, Huawei lancia un nuovo programma gratuito di formazione digitale

No comments

Huawei lancia in Italia l’iniziativa Learn ON in Italy, un programma di corsi online gratuiti in grado di offrire a possibilità di acquisire competenze digitali su varie tematiche come intelligenza artificiale, 5G, cloud computing, IoT e Big Data.

Il programma formativo prevede una serie di sessioni formative al termine delle quali verrà rilasciata la certificazione HCIA (Huawei Certified ICT Associate) riconosciuta a livello globale a testimonianza della bontà della formazione erogata e della serietà con cui la multinazionale cinese sta cercando di diffondere skill digitali nel nostro Paese.

Per una maggiore efficienza del percorso, il programma di Huawei si inserisce nel perimetro di collaborazioni con 15 università al mondo mettendo in campo programmi di training come Seeds for the Future e Huawei ICT Academy.

L’iniziativa Learn ON in Italy è stata annunciata su quattro grandi fasi successive: corsi online di auto apprendimento, live Webinar per la preparazione all’esame, test preliminari per ottenere il voucher di ammissione all’esame finale ed esame online per conseguire la Certificazione HCIA.

Maggiori informazioni a proposito di Learn ON in Italy sono consultabili sul sito ufficiale messo online da Huawei per l’iniziativa.

smartnationLearn ON in Italy, Huawei lancia un nuovo programma gratuito di formazione digitale
Vai all'articolo

Atlante i4.0, il primo portale nazionale dedicato alle strutture per l’innovazione e la digitalizzazione

No comments

Per aiutare gli imprenditori nel percorso di trasformazione digitale utilizzando le tecnologie abilitanti che consentono di avviare i processi di trasferimento tecnologico 4.0 Unioncamere e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno lanciato il portale atlantei40.it.

Si tratta di una piattaforma studiata per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di figure altamente specializzate nelle tecnologie avanzate.

Il portale infatti contiene una mappatura dei principali soggetti in grado di interagire con le tecnologie innovative: fra questi anche i 104 Istituti Tecnici Superiori (ITS) presenti in Italia, di cui più della metà al Nord, da cui le imprese potrebbero trovare manodopera qualificata.

Le nuove tecnologie e le competenze digitali rivestono infatti un importantissimo tassello nella strategia del rilancio del nostro Paese in quanto le imprese più piccole dimensionalmente sono quelle con più difficoltà nel gestire il cambiamento derivante dal progresso tecnologico.

La piattaforma AtlanteI40 svolge quindi un ruolo indispensabile per orientare gli imprenditori nella scelta degli attori più indicati per la trasformazione digitale.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa del MISE.

Smart NationAtlante i4.0, il primo portale nazionale dedicato alle strutture per l’innovazione e la digitalizzazione
Vai all'articolo

Nasce il Palermo Innovation Lab

No comments

Il Palermo, storica società sportiva siciliana, ha ufficialmente presentato la nascita del Palermo Innovation Lab.

Si tratta di un laboratorio multidisciplinare dove coltivare e mettere a punto le idee più innovative del territorio ai fini di migliorare e far progredire l’attività della società sportiva con l’utilizzo, in particolare modo, delle nuove tecnologie.

Il laboratorio parte dalle esigenze di calciatori e degli staff tecnici coinvolgendo anche i tifosi e il panorama di servizi a loro dedicati: grazie allo studio delle necessità e dei comportamenti degli attori che ruotano attorno al mondo della società sportiva, il Palermo Innovation Lab punta a sviluppare le infrastrutture, gli interventi di responsabilità sociale e tutte le evoluzioni applicabili alla vita sportiva del Palermo.

Al suo interno vi è anche un centro di ascolto ideato per sondare le necessità e le proposte provenienti dal territorio e dal mondo delle società sportive con particolare interesse per le opportunità che consentano di tracciare digitalmente le performance atletiche durante gli allenamenti ma anche gestire le modalità di organizzazione delle manifestazioni sportive all’interno degli spazi dello stadio.

Le aree tematiche su cui vengono impegnate le risorse del Palermo Innovation Lab sono:

  • Sport Tech & Data: programmi per startup con vocazione tecnologica.
  • People & Experience: progetti di design incentrato sull’utente per migliorare le esperienze delle persone e in particolare dei tifosi.
  • Social Innovation & Environment: iniziative con finalità sociale e di salvaguardia dell’ambiente per la città di Palermo e la Sicilia.
  • Media & Digital: sviluppo di servizi digitali e campagne di comunicazione.
  • Training & Events: programmi di formazione e altri eventi legati al mondo del Palermo calcio.

Per maggiori dettagli e scoprire il team è possibile recarsi sul sito ufficiale.

Smart NationNasce il Palermo Innovation Lab
Vai all'articolo

IIT e Aeroporto di Genova avviano un progetto per monitorare il distanziamento sociale

No comments

Da una collaborazione fra l’Istituto Italiano di Tecnologia e l’Aeroporto di Genova è stato avviata un’iniziativa che punta a sviluppare un software capace di monitorare automaticamente il rispetto del c.d. Social Distancing, ossia il distanziamento sociale.

In seguito all’epidemia di COVID-19, il rispetto delle distanze è uno dei più semplice metodi per permettere la libera circolazione delle persone scongiurando, al tempo stesso, la possibilità di nuovi focolai epidemici.

A tale proposito la tecnologia può rappresentare una soluzione pratica per garantire il rispetto delle corrette distanze fra individui: tramite l’adozione delle telecamere di sorveglianza che monitorano un ambiente è infatti possibile realizzare una mappatura virtuale dell’ambiente sorvegliato per poi delegare all’intelligenza artificiale il compito di circoscrivere un raggio intorno a tutte le persone presenti e di segnalare quelle che risultano troppo vicine fra loro.

Questo è quanto sta avvenendo, in forma prototipale, all’Aeroporto di Genova per evitare i rischi derivanti dagli assembramenti: nel caso in cui venga riscontrato un pericoloso assembramento, il sistema genera avvisi per il rispetto del distanziamento sociale.

Il progetto è stato sviluppato dal gruppo di ricerca Pavis di IIT nel pieno rispetto della privacy di passeggeri e addetti aeroportuali: tutte le riprese video infatti verranno modificate grazie a un programma che trasforma l’immagine in sagome bidimensionali anonimate.

Smart NationIIT e Aeroporto di Genova avviano un progetto per monitorare il distanziamento sociale
Vai all'articolo

Calcio e innovazione, al via la collaborazione fra Lega Pro e George Washington University

No comments

La Lega Pro prosegue il proprio percorso basato sull’innovazione dei processi e l’utilizzo delle nuove tecnologie: nell’ambito di queste attività è stato infatti siglato un accordo con la George Washington University.

La celebre università americana aiuterà infatti la Lega Pro tramite i propri studenti, formati tramite il master in Sport Management classificato fra i migliori percorsi didattici nell’ambito a livello mondiale, tramite una tesi di ricerca sull’innovazione sportiva sotto la supervisione di N3XT Sports.

Lo studio ha l’obiettivo di indagare i futuri sviluppi tecnologici e commerciali possibili relativamente alle attività portate avanti dalla Lega Pro: il primo settore a cui verrà applicata questa analisi sarà la Serie C i cui club scopriranno quali tecnologie potranno essere implementate, con il minor rapporto costi/benefici, per competere sul mercato.

Si tratta di un servizio importante che permette un’evoluzione sistemica del settore.

Maggiori informazioni nel comunicato ufficiale.

Smart NationCalcio e innovazione, al via la collaborazione fra Lega Pro e George Washington University
Vai all'articolo

TalkBack, la tastiera virtuale di Google per gli ipovedenti

No comments

Google migliora le opportunità a disposizione degli ipovedenti che vogliono utilizzare le potenzialità dello smartphone: gli utenti Android con disabilità visive infatti ora possono sfruttare una tastiera virtuale braille che consente di scrivere senza bisogno di usare una tastiera fisica dedicata.

L’innovazione risponde al nome di TalkBack ed è stata messa a punto da Google insieme a sviluppatori braille e a utenti perché risulti particolarmente intuitiva per chi ha già digitato usando il braille.

Grazie a questa nuova tastiera gli ipovedenti possono scrivere sul telefono senza alcun hardware aggiuntivo e quindi sfruttare tutte le potenzialità delle nuove tecnologie come pubblicare sui social media, rispondere a un messaggio o scrivere una breve e-mail.

TalkBack dispone di un layout standard a 6 tasti che, tramite digitazione contemporanea o singola, permettono una serie di combinazioni utili a rappresentare tutte le lettere dell’alfabeto.

Ad ora la rivoluzionaria tastiera è disponibile solo in inglese ed è corredata da un tutorial per fare pratica oltre ad una sezione online dedicata.

Smart NationTalkBack, la tastiera virtuale di Google per gli ipovedenti
Vai all'articolo