Google Maps incentiva la mobilità in sicurezza

No comments

Per aiutare gli utenti a pianificare i propri tragitti durante l’emergenza COVID-19, Google Maps sta progressivamente implementando un sistema di avvisi sulle restrizioni agli spostamenti.

La novità è in arrivo tramite un apposito aggiornamento in 13 Paesi fra cui gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia, la Spagna e l’Olanda: anche l’Italia sarà della partita come altri Paesi in corso di implementazione.

Conoscere il tasso di affollamento di una stazione ferroviaria in un determinato momento o quanti passeggeri potrebbero interessare una linea di trasporto pubblico è sicuramente importantissimo per tutti coloro che intendono muoversi.

Lo è anche sapere anticipatamente se un dato autobus è in funzione con un orario limitato o se vi sono altre restrizioni che potrebbero impattare negativamente la mobilità: il sistema notificherà anche la presenza di eventuali obblighi come l’uso di mascherine o il controllo delle frontiere.

Poter contare su queste informazioni prima e durante il viaggio è fondamentale sia per i lavoratori essenziali che per i cittadini soprattutto in vista della riapertura delle frontiere.

Maggiori dettagli sul blog di Google.

Smart NationGoogle Maps incentiva la mobilità in sicurezza
Vai all'articolo

Il Comune di Milano sospende provvisoriamente l’uso dei monopattini in sharing

No comments

Il Comune di Milano sospende provvisoriamente l’uso dei monopattini in sharing in città, bloccando l’impiego di quelli elettrici finché non sarà uscito l’apposito bando di concorso.

La decisione è relativa a logiche di sicurezza e prudenza collegate all’uso di questi mezzi di trasporto innovativi che sono accessibili a tutti grazie all’uso del digitale.

Gli utilizzatori infatti sono richiamati alla prudenza e al rispetto del codice della strada con divieto esplicito di muoversi sui marciapiedi o contromano, avendo cura di indossare di sera il giubbotto catarifrangente.

Fino a quando non sarà pubblicato il bando per le società di sharing e non saranno installati i cartelli previsti dalla legge, il divieto per i monopattini elettrici in sharing sarà effettivo per tutta Milano.

Già a fine luglio c’era stata una prima definizione delle norme sull’uso dei monopattini con una limitazione alle aree pedonali: i mezzi devono essere provvisti di luci e limitatori di velocità oltre ad essere utilizzabili da maggiorenni o da maggiori di 16 anni in possesso del patentino come per lo scooter.

Non appena saranno posati tutti i cartelli previsti per legge, i monopattini potranno circolare anche nelle zone 30, su ciclabili e ciclopedonali garantendo quindi una mobilità sostenibile, innovativa e sicura per le città.

Smart NationIl Comune di Milano sospende provvisoriamente l’uso dei monopattini in sharing
Vai all'articolo

Online la mappa interattiva dei porti italiani

No comments

In seguito alla riforma che ha riorganizzato il sistema portuale nazionale, introducendo efficienza ed una maggiore semplificazione, il digitale ha assunto un ruolo sempre più strategico.

Il nuovo assetto strategico dei porti e delle vie marittime italiane come interscambio fra Europa e Mediterraneo punta a facilitare il trasporto di merci e passeggeri con una conseguente crescita dell’occupazione e dello sviluppo economico.

Il MIT ha inoltre rivisto la legislazione in materia portuale oltre a diverse azioni amministrative inerenti all’innovazione, alla digitalizzazione per un migliore coordinamento del sistema e della rete logistica.

La riorganizzazione ha interessato tutti i 58 principali porti italiani ora ordinati in 15 nuove Autorità di Sistema Portuale (AdSP), che hanno un luogo di coordinamento presso il MIT.

Online una mappa interattiva del sistema portuale

A testimonianza del nuovo assetto, è disponibile un’infografica di sintesi sulla riforma ma soprattutto una mappa interattiva che illustra la nuova organizzazione della portualità italiana e la sua integrazione con la rete di trasporti europea.

Tutti i principali porti italiani sono arricchiti di dati dettagliati con una descrizione delle loro caratteristiche, delle connessioni lato mare e lato terra, dei traffici di merci e passeggeri, delle opere in corso e degli investimenti previsti.

Smart NationOnline la mappa interattiva dei porti italiani
Vai all'articolo

Trenitalia innova la mobilità regionale

No comments

Comfort e innovazione, sono queste le due caratteristiche principali dei nuovi treni regionali POP e ROCK che Trenitalia ha pensato per offrire una nuova esperienza di trasporto ai propri viaggiatori ogni giorno.

Con il tour itinerante #lamusicastacambiando per le varie Regioni italiane infatti, Trenitalia sta presentando i suoi due ultimi modelli per il trasporto regionale che entreranno in servizio progressivamente in forza di specifici accordi locali.

Le prime due regioni a partire sono il Veneto e la Liguria.

Con un contratto di poco superiore ai 4,4 miliardi di euro la Regione Veneto stringe un accordo con Trenitalia della durata di 15 anni che contempla oltre un miliardo di investimenti per rinnovare la flotta dei treni regionali e realizzare lavori sulle infrastrutture.

Il Veneto è la prima regione in Italia a firmare un contratto di servizio che porterà, entro i prossimi due anni, al rinnovamento del parco macchine con 78 nuovi treni che si aggiungono ai 32 già consegnati dal vettore.

L’intervento è di particolare interesse perché, oltre all’obiettivo di elevare il numero di passeggeri serviti da 150 mila unità a oltre 200 mila, le nuove macchine saranno dotate di Wi-Fi a bordo e tecnologie avanzate che fanno ampio ricorso al digitale con una dotazione di sicurezza completa per garantire un trasporto sicuro ai passeggeri.

La Liguria dal canto suo segue a ruota, entro il 2023 l’intera flotta in circolazione sul territorio ligure verrà rinnovata in virtù di un investimento di 557,7 milioni di euro, tra rinnovo del parco rotabile e azioni di miglioramento.

La nuova flotta sarà formata da 28 nuovi treni regionali “Rock”, 15 “Pop”, e 5 “Jazz” oltre ai 20 “Vivalto” già in esercizio.

Smart NationTrenitalia innova la mobilità regionale
Vai all'articolo

A Pisa la mobilità urbana passa al digitale

No comments

Il sistema di trasporto pubblico a Pisa è pronto per un’ulteriore rivoluzione iniziata qualche mese fa con l’inizio della sperimentazione del biglietto elettronico.

Dopo alcuni mesi di test, la sinergia fra CTT Nord e il Comune è pronta per essere resa definitiva: da domani per salire sulle Lam e gli altri bus cittadini il titolo di viaggio magnetico sostituirà di fatto il vecchio ticket cartaceo.

Tutti i punti vendita per i vecchi biglietti da timbrare verranno eliminati e ne resteranno solo due: quello giornaliero dai parcheggi scambiatori ai lungarni e il ticket urbano da 70 minuti.

Lo scopo è disincentivare il ricorso al cartaceo e forzare la cittadinanza al passaggio al digitale.

La nuova mobilità si basa sulla Carta Mobile, una speciale carta che permette di acquistare le corse che si intendono effettuare e che va utilizzata per la convalida accostandola a una delle validatrici a bordo del mezzo di trasporto: una luce verde e uno speciale suono determina la convalida della corsa e permette di disincentivare gli evasori.

La mobilità digitale di Pisa è un successo

Ad oggi sono state emesse 8.800 Carte mobili, 1.200 ricariche (mediamente da 9,84 euro), 12.200 abbonamenti mensili, 2.200 acquisti web, 245 mila validazioni elettroniche (circa 5.500 al giorno) e 278 mila vendite a bordo con il nuovo sistema.

Questi numeri sono stati resi possibili da una massiccia campagna informativa che ha prodotto 20 mila depliant e la decorazione di 100 autobus e 60 pensiline con cartelloni sulla campagna sull’introduzione del biglietto elettronico insieme a un generoso impegno online che ha prodotto oltre 40 mila visite sulla pagina dedicata al nuovo servizio.

Anche l’organizzazione ha avuto il proprio merito: comprare il biglietto elettronico è stato reso molto semplice e soprattutto veloce con l’installazione di 10 nuove macchinette automatiche posizionate nei centri nevralgici della città e la creazione di un portale online per consentire agli utenti di effettuare la ricarica di Carta Mobile in completa autonomia oltre ad una quarta postazione di biglietteria alla Sesta Porta.

Smart NationA Pisa la mobilità urbana passa al digitale
Vai all'articolo

Trenitalia e MyTaxi insieme per il trasporto integrato

No comments

Una riduzione significativa per le corse da e verso le stazioni ferroviarie di Roma e Milano con l’obiettivo di ridurre la mobilità autonoma e permettere viaggi più smart e sostenibili.

Questo in sintesi l’accordo fra Trenitalia e Mytaxi, primo nel suo genere in Europa, al fine di rendere più veloce e conveniente percorrere il percorso cittadino che porta il consumatore da e verso la stazione di riferimento.

Si tratta delle basi per la creazione di un sistema di mobilità door to door sempre più integrato e supportato da adeguati strumenti digitali.

Per ora l’esperimento è realizzato, sottoforma di pilota, nelle stazioni di Roma e Milano, per via dell’alta popolarità di MyTaxi.

Tutti i clienti Trenitalia potranno fruire da subito e fino al 31 ottobre di uno sconto del 50% su tutte le corse pagate via App che avranno come partenza o destinazione le stazioni di Milano Centrale, Garibaldi e Rogoredo e di Roma Termini, Tiburtina e Ostiense.

Successivamente sono previste ulteriori iniziative promozionali dedicate ai clienti Trenitalia, fruibili attraverso modalità digitali come ad esempio la possibilità di acquistare voucher scontati per l’utilizzo di MyTaxi direttamente sul sito internet di Trenitalia, in abbinamento all’acquisto del biglietto del treno.

CartaFreccia accumula punti anche con la strada percorsa tramite MyTaxi

Un ulteriore vantaggio per i quasi 7 milioni di utenti di CartaFreccia è l’opportunità di utilizzare il proprio codice fedeltà con MyTaxi per abilitare l’utenza e accumulare un punto per ogni chilometro percorso in taxi con in aggiunta l’eliminazione dall’importo della corsa anche del supplemento per il trasporto dei bagagli.

Smart NationTrenitalia e MyTaxi insieme per il trasporto integrato
Vai all'articolo