Chrome semplifica la gestione dei controlli audio e video

No comments

L’uso dei browser è spesso collegato all’interesse degli utenti di riprodurre contenuti audio e video: basti pensare all’impiego di YouTube nella riproduzione di musica ad accompagnare la navigazione online.

Proprio questo utilizzo spesso fa si che la finestra atta a riprodurre un contenuto multimediale si perda letteralmente fra i vari pannelli del browser (anche chiamati tab): per ovviare a questo problema Chrome ha rilasciato nel suo ultimo aggiornamento, una funzione molto interessante.

Si tratta di un hub che permette di gestire i contenuti audio e video in riproduzione senza dover cercare il pannello in cui vengono eseguiti.

In questo modo è possibile interrompere il contenuto, modificarne l’esecuzione o passare al successivo: basta cliccare sull’icona dislocata nell’angolo in alto a destra del browser Chrome, aprire il media hub e gestire da qui tutta la riproduzione.

Il nuovo pannello di controllo è disegnato specificatamente per minimizzare ogni problematica che distolga l’utente dal continuare le sue attività: lo scopo è l’incremento di produttività portando tutte le notifiche media ad essere dislocate in un unico posto senza essere disperse in uno o più pannelli e forzando quindi l’utente ad un’insensata caccia al tesoro.

Il media hub integrato nel browser era già disponibile sui Chromebook ed è ora stato esteso alla versione di Chrome per Windows, Mac e Linux.

Maggiori dettagli nel post del blog ufficiale di Google.

Smart NationChrome semplifica la gestione dei controlli audio e video
Vai all'articolo

Google Foto punta sulla condivisione

No comments

Google Foto, l’applicazione di punta che Google ha introdotto per consentire agli utenti di gestire al meglio le proprie foto e i propri ricordi, si arricchisce di funzioni legate alla condivisione.

L’interesse di Google è quello rendere sempre più indispensabile l’uso dell’app nella vita di tutti i giorni: da tempo infatti è già iniziata, sui dispositivi Android, un’implicita sostituzione dell’app standard che gestisce le foto sugli smartphone che usano il sistema operativo del robottino verde.

Per potenziare questo percorso, Google Foto dispone ora della possibilità di condividere gli album live, le librerie di foto ma anche i momenti.

Se precedentemente era possibile creare un album per una singola foto e condividere il link, ora è invece immediatamente possibile aggiungere le foto attraverso una conversazione privata interna all’app con altri utilizzatori del servizio.

In questo modo è possibile condividere immediatamente uno scatto, ma anche pubblicare un like, un commento o aggiungere la foto o il video condiviso nella propria gallery.

La nuova funzionalità è disponibile su tutte le piattaforme, Android, iOS e internet, senza che questo comporti alcuna perdita di qualità delle immagini.

Maggiori informazioni sul blog di Google relativo al prodotto Google Foto.

Smart NationGoogle Foto punta sulla condivisione
Vai all'articolo

Huawei Video arriva in Italia

No comments

Huawei sbarca nel settore dello streaming video e si pone come alternativa a Netflix e Amazon.

Con Huawei Video, la multinazionale cinese offre uno streaming on-demand che ha lo specifico obiettivo di fornire un’esperienza di visualizzazione in mobilità di contenuti in streaming.

Grazie alle numerose collaborazioni su Huawei Video è possibile trovare serie italiane e internazionali, anche web, oltre a film e documentari: l’assortimento dei titoli cresce ogni anno grazie anche a partner come, tra gli altri, Sony Pictures Home Entertainment, Rai Com, Videa, Discovery, Fox Networks Group.

Huawei Video, lo streaming a portata di app

Huawei video è disponibile su smartphone e tablet tramite applicazione per tutti i dispositivi con EMUI 8.1: l’app permette diverse modalità di fruizione dei contenuti trasmessi in streaming.

La modalità SVOD, a fronte di una quota mensile di 4,99 euro, permette di accedere a tutti i contenuti disponibili sulla piattaforma in abbonamento.

Alternativamente è disponibile la modalità TVOD che consente invece di noleggiare i titoli di interesse per 48 ore, tutte le volte che lo si desidera: in questo caso il servizio sarà pay per use.

I contenuti in ogni caso saranno affiancati da demo e trailer gratuiti e non saranno mai interrotti da pubblicità.

Per il primo mese di lancio, dal 3 ottobre al 3 novembre, chiunque si iscriverà al servizio beneficierà di 3 mesi gratuiti di accesso alla piattaforma.

Smart NationHuawei Video arriva in Italia
Vai all'articolo

Facebook Watch arriva in Italia

No comments

Sbarca in Italia, dopo circa un anno di rodaggio negli Stati Uniti, la nuova piattaforma di Facebook dedicata allo streaming video.

Watch, questo il nome del nuovo ecosistema per la diffusione dei contenuti video, è una piattaforma nata molto recentemente (agosto 2017) ma porta in dote un maxi investimento di circa 1 miliardo di dollari in contenuti originali.

Apprezzata sia dagli utenti del social sia dai creativi che hanno contribuito ad arricchirla di contenuti, l’innovazione di casa Facebook lancia la sfida diretta a YouTube puntando su partite in diretta della MLB, web serie originali come Skam e Sorry For Your Loss e numerosi programmi di approfondimento giornalistico.

Per visualizzare i contenuti è sufficiente accedere all’area dedicata a Watch, tramite l’app di Facebook oppure collegandosi via browser.

Watch è accessibile anche da Apple TV, Samsung Smart TV, Amazon Fire TV, Android TV, Xbox One e Oculus TV.

Facebook Watch, un’esperienza personalizzata

Il feed è completamente personalizzabile e mostrerà una lista di video recenti delle pagine seguite: si potrà comunque creare liste personalizzate sulla base di video salvati.

Nei prossimi mesi i singoli utenti potranno richiedere la possibilità di creare un proprio canale collegato alla pagina ufficiale che li rappresenta su Facebook, integrando così le due piattaforme.

Smart NationFacebook Watch arriva in Italia
Vai all'articolo

#InBreve, l’economia italiana raccontata mensilmente in video

No comments

Comprendere la situazione economica nazionale è una necessità di tutti i cittadini affinché sia possibile effettuare scelte consapevoli e orientarsi per il futuro.
Da questa esigenza, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha lanciato un’iniziativa sperimentale che coinvolge l’uso del digitale per informare in modo efficiente i cittadini.
Partendo dal presupposto che i video brevi sono fra i mezzi più immediati per la comunicazione sul web e sui social media, il MEF ha avviato il progetto #InBreve.

Si tratta di un video mensile di pochi minuti che condensa i temi di maggiore impatto che hanno caratterizzato le ultime settimane del panorama economico nazionale con approfondimenti su temi specifici di grande rilevanza pubblica.

I video sono caricati su YouTube e permettono di conoscere i volti delle persone impegnate a condurre responsabilmente il proprio lavoro in relazione alle politiche economiche del nostro Paese.
Il primo video è stato dedicato alle opportunità che si possono aprire per l’Italia in conseguenza della Brexit.

L’iniziativa si incardina nella strategia di voler moltiplicare gli strumenti di contatto e interazione tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e i cittadini, una volta limitati alla posta elettronica e al telefono dell’URP e che invece oggi contano diverse piattaforme di social networking e instant messaging (Twitter, YouTube, Instagram, Telegram come illustrato nella sezione comunica con noi).

Smart Nation#InBreve, l’economia italiana raccontata mensilmente in video
Vai all'articolo