ZTL, la Regione Veneto avvia un servizio digitale dedicato ai disabili

No comments

La Regione Veneto lancia un’iniziativa unica in Italia: si tratta di ZTL network, un servizio che consente, grazia al digitale, la libera circolazione dei disabili all’interno delle aree ZTL.

L’iniziativa, presentata oggi a Palazzo Balbi, intende incentivare l’ingresso alle persone con ridotta mobilità nelle zone a traffico limitato dei centri storici del Veneto: i cittadini disabili in possesso di un passblu potranno quindi muoversi tranquillamente in tutte le ZTL dei comuni del Veneto senza doversi preoccupare delle multe.

ZTL network, un progetto organico in tutta la Regione Veneto

Grazie all’impegno delle amministrazioni comunali, in particolari dei Comuni Capoluogo, e delle associazioni dei disabili i circa 115.000 permessi per disabili vengono automaticamente incrociati con i controlli ai varchi ZTL e, poiché appartenenti ad una specifica whitelist, ogni Comune potrà verificare la lista dei permessi rilasciati da altre amministrazioni locali, evitando così di elevare contravvenzioni da dover poi annullare.

I ricorsi fondati infatti sono una delle cause di sperpero e inefficienza della macchina sanzionatoria comunale.

In Veneto i varchi ZTL sono attivi in 23 comuni: il progetto ZTL network, concepito anche per essere esportato in altre regioni, rappresenta il punto di partenza di un nuovo sistema, chiamato ViviVeneto, che permetterà ai cittadini del Veneto di utilizzare i servizi pubblici digitali sul territorio in modo più semplice e con una burocrazia più snella.

Smart NationZTL, la Regione Veneto avvia un servizio digitale dedicato ai disabili
Vai all'articolo